Adbox

martedì 18 gennaio 2011

I cani di Teresopolis


C’è ben poco da dire sulla tragedia che è accaduta nello Stato di Rio, a parte il fatto che già dal 2007 si sapeva che quelle erano zone di rischio e che da quasi vent’anni è in corso un’azione civile per rimuovere tutte le case costruite senza permesso in quella zona, ma che a tutt’oggi non è ancora conclusa. E anche qui, come a Niteroi, la Prefettura invece di mandare via i proprietari e demolire le case, pur sapendo che poteva succedere una tragedia, ha preferito costruire strade e collegare luce, acqua e telefono. Ma è inutile dire queste cose in un Paese dove il “fazer o que” è la regola principale e le regolamentazioni sono solo privilegi dei ricchi. Inoltre tutti quei morti meritano rispetto, quindi parliamo di qualcosa di bello.

Perché sì, pur essendo una tragedia di tale livello qualcosa di buono si trova sempre. E una cosa bella dei brasiliani è il loro amore per il prossimo. Basta guardare un qualunque telegiornale per vedere una moltitudine di persone che si aiutano tra di loro, come quell’uomo che scava per trovare la moglie del vicino (non la propria, ma quella del suo vicino di casa) sotterrata sotto metri di fango, o quella donna che, avendo la fortuna di tenere un’auto funzionante, passa per la strada chiedendo ai sopravvissuti se hanno bisogno qualcosa in città, per non parlare poi di tutti quei volontari che giorno e notte scavano e lavorano, insieme ai pompieri, militari e protezione civile, per liberare i corpi ancora sotterrati, con la speranza di trovarne qualcuno ancora in vita.

Mi dispiace ammetterlo ma noi italiani non siamo così. Non che noi siamo egoisti o insensibili, ma il nostro motto è “prima penso a me, poi agli altri”. Forse questo nostro atteggiamento è dovuto alle innumerevoli guerre, grandi o piccole che siano, che fin dalla nostra nascita hanno caratterizzato il nostro Paese. Ma qualunque sia la ragione, giusta o sbagliata che sia, è un’attitudine che i brasiliani non hanno.

Per carità, come dico sempre qui non è il Paradiso come molti credono, e gli angeli non vivono nemmeno qui. Per fare solo un esempio, in alcuni negozi di Teresepolis o Nova Friburgo (non ricordo bene) un boccione d’acqua, che normalmente viene venduto a 4 o 5 reais, lo vendevano a 17,00. Questo solo per dimostrare che le persone cattive esistono anche qua. Però quello che fanno i brasiliani per aiutare gli altri non l’ho mai visto da nessuna parte. E non parlo solo quando succedono queste tragedie, ma anche, e soprattutto, nella vita di tutti i giorni.

E una cosa che rende ancora più nobile le loro azioni è che questo amore per il prossimo lo si trova anche per gli animali. Solo a Teresopolis sono stati raccolti e aiutati più di 150 cani. Sono tutti cani che hanno perso i loro padroni, cani ormai senza dimora, feriti e abbandonati. Alcuni volontari hanno raccolto questi animali, li hanno portati in un luogo sicuro, dandogli cure mediche, acqua e cibo e anche affetto, perché anche quei poveri animali hanno bisogno di questo. E sembra che a Nova Friburgo più di 700 cani stiano morendo di fame avendo perso i loro rispettivi padroni o, comunque, avendo perso la possibilità di mangiare qualcosa.

Be’, questa cosa dei cani a me ha commosso molto, e non posso far altro che lodare tutte quelle persone che stanno facendo tutto questo. Aiutare chi ha bisogno, senza fare distinzioni tra essere umano, cane o gatto, senza discriminazioni, è una cosa che ben pochi riescono a fare. Ma i brasiliani riescono.

Bravi! Non si può far altro che elogiare tali persone. Bravi per quello che fate. Continuate così.
Show comments
Hide comments

5 commenti:

  1. Di persone buone e brave ce ne sono tante,ma non fanno notizia purtroppo...Anche vicino al mio paese,in novembre,c'è stata un'inondazione e tanta gente ha perso tutto. Ma non è stato così disastroso come in Brasile dove,sfortunatamente , sono morte tantissime persone.
    Concordo con te quando parli dell'amore per il prossimo che i brasiliani dimostrano .Per quel poco che ho potuto sperimentare nelle mie brevi permanenze in Brasile,gli abbracci sinceri che ho ricevuto là non li posso scordare...
    ciao Maria

    RispondiElimina
  2. La storia di Leao mi ha toccata molto e sono felice che qualcuno stia pensando anche a loro, gli amici a quattro zampe! Un saluto dalla Svezia, Giusi

    RispondiElimina
  3. ciao franco , scrivi poco ultimamente , non lavorare troppo , desideravo farti sapere che ho trovato in rete un interessante counter veramente preciso e dettagliato il suo nome e " Stat counter " dai un occhiata su google .
    ho pubblicato un nuovo post su BLOG E BLOGGER fammi sapere cosa ne pensi.
    Per quanto riguarda i cani sono molto felice che il popolo brasiliano abbia questa sensibilità da tempo persa in alcune parti della nostra bella Italia dove soprattutto in prossimità delle ferie vengono spesso abbandonati al proprio destino.

    RispondiElimina
  4. é verdade Franco, no meio de bons sempre tem gente ruim, querendo se aproveitar da situação, mas isso acho que em qualquer lugar do mundo! Dó dos cachorrinhos também!!
    Eu tô passando por aqui também para falar que o Sonhos na Itália deu de presente um selinho de qualidade para vcs! Passem lá para pegar! http://sonhosnaitalia.blogspot.com

    beijos

    RispondiElimina
  5. Ciao Franco, allora... publique o selinho num post, escolha as pessoas para presentear, coloque o nome com link, avise-as com comentario nos blogs respectivos, e responda às questões no post, copiando-as. baci

    RispondiElimina