Adbox
Latest Articles

domenica 19 marzo 2017


Tanto! Questa é la risposta piú sintetica ma anche piú vera. Mangiare italiano in Brasile costa molto. E per mangiare italiano non intendo la classica cucina mediterranea, ma proprio comprare alcuni prodotti che si trovano comunemente in tutti i supermercati italiani, come la pasta Barilla, la mozzarella o una bottiglia di vino. Alla fine uno é costretto a rassegnarsi e ad adeguarsi alla vita in Brasile, usando alcuni ingredienti che si trovano qui e, come dico sempre, imparando a cucinare.

Buona visione!


Continue reading

martedì 14 marzo 2017


Ho trovato questo elenco in un sito brasiliano. Non ho idea chi lo abbia scritto. Secondo loro sono 35 cose che i turisti hanno notato in questo paese. In effetti molte sono vere, peró quando trovo qualcosa di anonimo, non ben definito, mi puzza un po' il naso. In ogni caso questo é l'elenco.

  1. No Brasil, ninguém nunca chega na hora certa, se você marcar as 18:00 com alguém, pode ter certeza que ele vai chegar lá pelas sete e meia e vai culpar o trânsito. A novela das 7 começa as 8 e das oito começa as 9, tudo sempre começa com no mínimo 10-15 minutos de atraso. [VERO]
  2. Ninguém paga em dinheiro, quase todo mundo prefere usar cartões de crédito e de débito. Mas se você decidir pagar em dinheiro, esteja preparado para o fato de que nunca têm troco e vai ficar sem alguns centavos ou/e receberá em balas. [VERO]
  3. Os moradores da maior cidade do país, São Paulo, gastam ao menos 2 a 3 horas em um trânsito horrível e alguns tem mais de um carro para burlar o rodízio de placas. [VERO]
  4. Os brasileiros adoram usar um chinelo de borracha chamado Havaianas. Mesmo em restaurantes caros e boates podem ser encontrados nos pés das pessoas. [VERO]
  5. O guaraná (um refrigerante local feito do fruto do guaraná da Amazônia) é mais popular que e Coca-Cola. [VERO]
  6. O cumprimento “Como está você?” deve ser sempre respondido com “Tudo bem, e você?”, mesmo se o dia não estiver sendo nada bom. Por pior que seja só responda: “Beleza!”. [VERO]
  7. Você não vai encontrar macacos nas ruas brasileiras, como na maior parte do mundo eles podem ser somente vistos em zoológicos. [E PERCHÉ DOVREI TROVARE DELLE SCIMMIE PER STRADA? BOH!]
  8. As ruas são muito perigosas, por isso nunca se arrisque a andar em becos escuros. Nem deixe as crianças caminharem sozinhas nas calçadas. [VERO]
  9. Todos, mesmo os muito pobres, sempre tem alguém em casa que faz a faxina e prepara as refeições. [QUESTA NON L'HO CAPITA]
  10. Nas casas é muito difícil encontrar um tapete no chão e papel de parede nas paredes. Tapetes nas paredes, é claro, mais difícil ainda. [VERO, MA AL POSTO DI CARTA DA PARATI IO AVREI DETTO QUADRI]
  11. A alimentação diária do brasileiro não é muito variada: arroz, batata frita, feijão cozido, salada e carne assada duas vezes por dia todos os dias. [VERO]
  12. Nas ruas de todas as cidades sempre encontramos um monte de mendigos e vagabundos, inclusive de jovens saudáveis que não sentem nenhuma vergonha de praticar ato tão vergonhoso. [QUESTA NON MI È PIACIUTA]
  13. Os brasileiros são pessoas muito falantes, alegres e sociáveis; falam pelos cotovelos com qualquer um, inclusive desconhecidos, em lojas e transportes públicos, com ou sem motivo aparente. [VERO]
  14. Os brasileiros adoram cerveja e cachaça (vodka de cana-de-açúcar). [VERO]
  15. Os preços de todos os produtos importados no Brasil é de 2 a 3 vezes maior do que em todos os outros países, um verdadeiro roubo, porque o governo cobra entre 70% – 100% sobre todas as mercadorias importadas. [VERO]
  16. O Brasil ainda tem 10% de pessoas que não sabem ler e escrever, e cerca de 30% da população são analfabetos funcionais (não conseguem entender a informação que leem). [NON SO SE LE PERCENTUALI SONO GIUSTO MA PURTROPPO È VERO]
  17. Os brasileiros gostam de tomar café a qualquer hora do dia e da noite, até mesmo crianças pequenas podem beber o café desde a mais tenra idade. [PENSO CHE NOI ITALIANI SIAMO PEGGIO IN FATTO DI CAFFÈ]
  18. Todos os doces no Brasil, são 2 ou 3 vezes mais doces que aqueles que estamos acostumados. [VERO]
  19. As atividades favoritas do brasileiro padrão são: assistir o futebol com os amigos, tomando cerveja; churrasco no domingo regado a muita cerveja; sol e praia com mais um monte de cerveja. [HA DIMENTICATO "ANDARE ALLO SHOPPING"]
  20. O feriado mais importantes do ano é o Natal. Ano novo não é particularmente acentuado. [PENSO CHE LA FESTA PIÙ IMPORTANTE SIA IL CARNEVALE]
  21. A maioria dos brasileiros são católicos, cerca de 70% da população, vão a missa uma vez por semana para falar mal da vida uns dos outros. [VERO]
  22. O café da manhã tradicional brasileiro é o pão com manteiga ou com uma fatia de queijo e presunto e uma xícara de café ou café com leite. [VERO]
  23. Os brasileiros não gostam muito de carne de porco, não por causa de crenças religiosas, mas porque erroneamente acham que é pesada, difícil de digerir e que pode causar algum tipo de doença. [VERO]
  24. No sul do Brasil, há uma espécie de colônia europeia de loiros de olhos azuis. Nem todos os brasileiros tem cabelos escuros e pele bronzeada ou escura. [VERO]
  25. A parte mais cobiçada do corpo feminino no Brasil é a bunda. Quanto maior, melhor. [VERO]
  26. Por causa dos preços elevados, mesmo para produtos de primeira necessidade, alguns brasileiros fazem compras com cartão de crédito em parcelas de 2-3 vezes. É muito comum o parcelamento em lojas de departamento que vendem produtos em 6 a 12 vezes. [VERO]
  27. Falar inglês no Brasil não ajuda em nada, muitas vezes até atrapalha. [VERO]
  28. Os brasileiros são verdadeiros patriotas que amam seu país maravilhoso abençoado por Deus e bonito por natureza. Camisetas verdes e amarelas e bandeiras do Brasil sempre fazem parte do guarda-roupa de todo brasileiro. [NON SONO D'ACCORDO]
  29. A maioria absoluta dos casais têm filhos, uma média de dois por casamento. [VERO]
  30. Apesar do grande número de pessoas pobres, problemas sociais, políticos corruptos; os brasileiros são uma das nações mais felizes do planeta. [VERO]
  31. Durante o carnaval o país inteiro festeja. O carnaval é um feriado nacional. [VERO]
  32. A maior colônia japonesa fora do Japão está em São Paulo (Bairro da Liberdade). [VERO]
  33. Os brasileiros são muito temperamentais e ciumentos. Muito ciumentos mesmo, portanto cuidado ao flertar com mulheres acompanhadas! [VERO]
  34. Os brasileiros são muito ligados às suas famílias e continuam mantendo relações muito fortes com familiares, mesmo distantes (tios, tias, primos e irmãos). [VERO]
  35. As brasileiras são realmente gostosas. [PARZIALMENTE D'ACCORDO]
Fonte: UHULL
Continue reading

lunedì 6 marzo 2017


Un altro video su alcune curiositá o, per meglio dire, su alcune cose che ancora adesso, dopo molti anni in questo paese, non riesco ancora a capire. Guá mi aspetto degli insulti da qualche brasiliano che in qualche modo si sete offeso per quello che dico, ma sinceramente non é un problema,

Buona visione e, non dimenticate, iscrivetevi al canale!


Continue reading

mercoledì 1 marzo 2017


Com'é la situazione del lavoro in Brasile? È facile per uno straniero venire assunto da un'impresa brasiliana? E se mollassi tutto e venissi a vendere noci di cocco sulla spiaggia?

Mah... in questo video ho dato le mie impressioni, ho voluto dire quello che penso sul lavoro in Brasile. Tengo a precisare che sono miei idee e che sto parlando della mia personale esperienza, poi ognuno vede le cose nella propria maniera. In ogni caso penso che per uno straniero sia piú difficile trovare un lavoro in Brasile che in Italia, ma forse mi sbaglio.

Continue reading

sabato 25 febbraio 2017


Un video complicato, a volte un po' confuso, ma a mio parere molto interessante. La domanda che mi sono fatto è: il Brasile è un paese violento? Purtroppo la risposta è sì. E ve lo mostrerò dandovi dati e numeri presi da siti e riviste brasiliane. Anche così non servirà a niente, perché ci saranno sempre alcuni individui che la penseranno diversamente. Ma non è importante, perché le idee di questi individui non valgono un bel niente.

Continue reading

lunedì 20 febbraio 2017


In questo video parlerò di come si mangia in Brasile, o per meglio dire di come sono fatti alcuni ristoranti e pizzerie. Per la verità posso dire di essere stato molto "diplomatico" parlando della pizza brasiliana. Chi la conosce sa che non é proprio il massimo come qualità e sapore, però in effetti é sempre una questione di gusti. Come ho detto nel video trovo molto strano che non ci siano ristoranti cinesi, ma solo giapponesi, e a mio avviso é un vero peccato, perché in Italia se ne trovano a migliaia e sono un posto dove puoi mangiare abbastanza bene spendendo poco.

Buona visione!
Continue reading

giovedì 16 febbraio 2017


Prima di tutto una precisazione: la qualità del video é pessima! Io non capisco. Faccio video per mia moglie (anche lei ha un canale Youtube) e a lei vengono perfetti, quasi da manuale. Li faccio io, con lo stesso cellulare e le stesse luci, e viene fuori una cagata! Boh...

In ogni caso in questo video do alcuni piccoli consigli per chi decidesse di venire in Brasile, sia per passare le meritate vacanze o per viverci. Cose alcune banali e ovvie, come fare la copia dei documenti, altre forse un po' inquietanti, come portarsi sempre dei soldi in tasca in caso di rapina. Peró a mio parere sono tutti utili.

Buona visione!

Continue reading

domenica 12 febbraio 2017


È con molto orgoglio che voglio presentarvi le mie ultime opere letterarie...

No, così non va bene, troppo pomposo come inizio. Però un po' orgoglioso lo sono. Facciamo un po' di storia per capire meglio.

Oltre a questo blog in passato ne avevo creati altri due. Uno si chiamava "Osteria del Beija-flor" ed era un blog di ricette rigorosamente italiane. L'idea era che molte persone conoscono le lasagne, la pizza o gli spaghetti alla bolognese (anche se poi si dovrebbero usare le tagliatelle e non gli spaghetti), ma aldilà di questo pochi sanno o hanno provato le vere ricette italiane. Cose per noi comuni, come una pasta alla norma o una puttanesca, sono quasi sconosciute all'estero. Figuriamoci quando parliamo di bonet, pansotti di magro o brasato al barolo (solo per fare qualche esempio). Se poi aggiungiamo che qui in Brasile ho visto delle ricette, che qualcuno reputa italiane, da far accapponare la pelle, ecco allora che l'idea di far conoscere la "vera" comida italiana non é poi così stupida. Era un blog scritto in portoghese proprio perché era indirizzato ai brasiliani. Non era male come blog e a me piaceva, anche perché sono un appassionato di gastronomia. Peccato però che alla fine non ebbe molto successo, infatti l'anno scorso lo chiusi.

Poi ne feci un altro, ma con l'idea simile al primo. Si chiamava "Itália Secreta" e l'idea, anche in questo caso, era che tutti conoscono Roma, Firenze o Venezia, ma pochissimi sanno per esempio che a Padova esiste una cappella con dei bellissimi affreschi di Giotto che viene paragonata alla più famosa Cappella Sistina, oppure che a Firenze esiste una chiesa dedicata a Dante. Tutte cose che anche la maggior parte degli italiani non conoscono. Ma anche questo blog non ebbe molto successo. Ogni tanto mi scriveva qualcuno per sapere quali città vedere durante le sue future vacanze in Italia, ma non ebbe il riscontro che mi aspettavo, così chiusi anch'esso l'anno scorso.

Però era un peccato buttare via tutte quelle informazioni. Nel Blog di cucina avevo scritto centinaia di ricette, e non era molto semplice. Oltre a quelle più famose, come la carbonara o il risotto alla milanese, andavo a cercarne altre più attuali, ma sempre rigorosamente italiane, per poi provarle di persone, tradurle in portoghese e postarle. Inoltre inserivo, quando era possibile, la storia di tale ricette, le origini e qualche aneddoto. Quindi era un materiale interessante, ma cosa potevo farne?

Un bel libro, ecco cosa!

Amazon permette di pubblicare un e-book nei suoi Store senza pagare nulla. Ovvio che in cambio si tengono una buona percentuale della vendita, però é un'idea molto interessante per chi, come me, abbia voglia di pubblicare un libro. Inviare un manoscritto ai vari editori é solo tempo perso. Io l'ho fatto ma non é servito a niente. Perlomeno con Amazon é possibile vedere il proprio sogno realizzato, poi se va bene é un'altra cosa.

In ogni caso pubblicai prima un piccolo e-book con alcune ricette del mio blog, poi pensai di fare una specie di collana pubblicando un libro sugli antipasti, uno sui primi, sui secondi e così via. Ma alla fine, avendo deciso di chiudere il blog e non scrivere più ricette, presi tutte quelle che avevo e le pubblicai in un solo libro: COMIDA ITALIANA FÁCIL: Mais de 200 receitas da gastronomia italiana,

Pubblicai prima in versione digitale, poi Amazon recentemente ha dato la possibilità di creare anche la versione cartacea, in poche parole un libro vero e proprio. Niente male come idea, vero?

Ma perché fermarmi a questo punto? 

Questo blog ha ormai 8 anni di vita, e in tutto questo tempo ho scritto molte cose. Quindi perché non farne un libro? Oltre ai post che ho ritenuto più importanti ho aggiunto parte della mia vita e di tutto quello che é successo dal mio arrivo in Brasile.

Quindi ecco perché sono orgoglioso di me. Aldilà della qualità o dell'interesse che possono avere i miei libri, é un piccolo sogno che si é realizzato. Oserei dire uno dei pochi. Adoro leggere, amo i libri, e poterne scriverne uno é sempre stato un mio sogno. Ora sono là, in mezzo agli altri migliaia o forse milioni di libri di Amazon. Spero solo che qualcuno riesca a notarli.

Lascio qui il link dei miei libri cartacei nello Store italiano, ma sappiate che esiste anche la versione digitale in formato Kindle e nello Store brasiliano.

Non posso far altro che augurarvi buona lettura!




Continue reading

venerdì 3 febbraio 2017


Ciao a tutti! In questo video vi daró 6 motiv per non venire in Brasile. Vi potranno sembrare delle giustificazioni di poco conto ma credetemi, non lo sono affatto.

Di conseguenza poi daró altri 6 motivi per venire a vivere in questo paese. a Voi la scelta. E poi non ditemi che non vi avevo avvisato :)

ISCRIVETEVI NEL MIO CANALE!


 
Continue reading

martedì 31 gennaio 2017


Ho sempre ritenuto le elezioni presidenziali brasiliani delle vere pagliacciate. Primo perché, pur disponendo di uno strumento moderno come la urna elettronica, la possibilità di manipolare i voti é sempre molto alta. Poi perché la maggior parte dei candidati sono dei veri e propri pagliacci. Se noi in Italia abbiamo avuto Berlusconi o Cicciolina, qui in Brasile i vari personaggi sono di un ridicolo tale da sembrare artisti di cabaret o di programmi comici. Poi c'é questa idea dei brasiliani di votare chiunque, basta che dica qualcosa d'interessante. Non importa che sia un giudice, un sindacalista o un pastore evangelico. Basta che faccia qualche apparizione in TV, affermando che con la sua elezione finirà la corruzione o la povertà, ed ecco che una folla d'idioti lo acclamino come futuro presidente del Brasile. Non si rendono conto che, pur essendo questo paese a carattere presidenziale, non é quella persona al comando che cambierà le cose, ma dovrebbero essere proprio loro, come cittadini, a voler modificare la situazione. Ma come dico sempre, allora non sarebbe il Brasile.

Se anche i brasiliani avessero avuto uno shock nel vedere un ex personaggio di The Apprentice eletto alla Casa Bianca, lo avrebbero già superato. Nel paese più grande dell’America Latina due popolari potenziali candidati alle elezioni presidenziali sono infatti stati conduttori di O Aprendiz, la versione brasiliana del programma televisivo. Un altro candidato che ha un seguito entusiasta è poi un membro del Congresso appassionato di Twitter, che ha detto che la dittatura militare negli anni Settanta sbagliò a torturare i dissidenti: avrebbe dovuto ucciderli direttamente. C’è poi un chirurgo plastico conosciuto come Dr. Hollywood che, nonostante il suo portoghese abbia un pesante accento americano, pensa di avere delle possibilità: e perché no?

Il Brasile sta cercando disperatamente un leader «esterno alla politica», spiega Jefferson Santos, un assistente di cucina 29enne che viene da Planaltina, una delle povere e violente città satellite intorno alla capitale Brasilia. «Il paese è un disastro. Ci vuole qualcuno che lo ripulisca», ha aggiunto Santos.
In Brasile, come in gran parte del resto del mondo, il disprezzo per lo stile di governo tradizionale sta montando da anni. All’inizio del 2015 l’economia brasiliana è precipitata nella peggiore recessione mai registrata – i postumi del boom di materie prime del decennio scorso – da cui non è ancora uscita. L’enorme indagine sulla corruzione – “Lava Jato” – ha coinvolto importanti personalità del paese, come l’ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva. L’anno scorso il suo successore, Dilma Rousseff, ha subìto il procedimento di impeachment. L’attuale presidente, Michel Temer, sta cercando di stabilizzare le finanze del paese adottando drastiche misure di austerità in mezzo a una serie di scandali di corruzione che in meno di otto mesi hanno portato alla rimozione di sei dei suoi ministri. Il suo tasso di approvazione, prevedibilmente, è in calo. «Il Brasile sta attraversando una crisi di rappresentanza: gli elettori non si sentono rappresentati dai loro politici», ha detto Alessandro Janoni, responsabile della ricerca dell’istituto di sondaggi Datafolha. Le elezioni comunali che si sono tenute tre mesi fa hanno mostrato quanto basso sia il gradimento dei brasiliani per le scelte a loro disposizione: in Brasile il voto è obbligatorio e un numero record di elettori ha votato scheda bianca o nulla.

Già in passato i brasiliani avevano dato segni di stanchezza. Nel 1988 Macaco Tiao, uno scimpanzé dello zoo di Rio de Janeiro, arrivò terzo alle elezioni comunali della città, quando 400mila persone scrissero il suo nome sulla scheda elettorale. Nel 2010 Tiririca, il nome di scena del pagliaccio di un circo, fu eletto al Congresso ottenendo più voti di qualsiasi altro parlamentare, dopo essersi candidato con lo slogan “Peggio di così non può andare”. Da allora, invece, in Brasile le cose sono peggiorate e l’umore nazionale ha spianato la strada a un circo elettorale pittoresco anche per gli standard brasiliani. «Tutti sanno che le prossime saranno delle elezioni pazze», ha detto Oliver Stuenkel, assistente alla cattedra di relazioni internazionali della fondazione Getulio Vargas, una business school e centro studi brasiliano.

Negli ultimi sondaggi Lula – che dovrà affrontare un processo per corruzione e riciclaggio di denaro che potrebbe farlo finire in carcere per diversi anni – è in vantaggio, seguito da vicino da Jair Messias Bolsonaro, un ex paracadutista dell’esercito che rappresenta Rio de Janeiro alla Camera dei Deputati brasiliana dal 1990, ma che si presenta come un outsider anti-establishment. Tra le altre cose Bolsonaro è famoso per aver detto a una collega durante un litigio in aula alla camera che non si meritava nemmeno di essere stuprata da lui (Bolsonaro ha poi detto a un giornale che voleva dire che la donna era brutta e non era il suo tipo, aggiungendo successivamente che il suo era sarcasmo). Bolsonaro vuole reintrodurre la pena di morte, allentare i controlli sulle armi e tenere fuori dal paese la «feccia» migrante. Durante il voto per l’impeachment di Rousseff ha dedicato il suo voto al colonnello che quarant’anni fa autorizzò la tortura dell’ex presidente e di altri esponenti della sinistra brasiliana.

«È una cosa molto simile al fenomeno Trump», spiega Alessandra Orofino, direttrice esecutiva di Nossas Cidades, una coalizione di organizzazioni non governative che si occupano di politica. «Il fatto che una persona come Bolsonaro parli in pubblico nel modo in cui parla lui e rimanga comunque una personalità importante e un politico dà legittimazione alle persone che in Brasile coltivano questo tipo di rabbia. E ce ne sono molte». Bolsonaro, infatti, si è paragonato a Trump, sottolineando come entrambi siano delle persone «esplosive». Nel 2015 ha pubblicato su Instagram e Twitter una foto di se stesso mentre fa delle flessioni in spiaggia con addosso un sunga (un costume da bagno attillato), scrivendo di volersi preparare per il 2018.

Anche il neoeletto sindaco di San Paolo, Joao Doria Jr., è molto popolare e ricco, ma a differenza di Bolsonaro non è un fan del nuovo presidente americano. «Non mi identifico assolutamente in lui», ha detto Doria, che è un ex giornalista, proprietario di una società di marketing, autore di diverse guide per arricchirsi velocemente – tra cui una intitolata Successo con stile – ed editore della rivista Caviar Lifestyle, che si occupa di caviale. Dal 2010 al 2011 Doria ha anche condotto O Aprendiz. «Non sono un politico», ha detto al programma televisivo Roda Viva dopo essere stato eletto sindaco di San Paolo con il Partito Socialdemocratico, «la mia anima non è politica. Non sono di destra né di sinistra. Sono un brasiliano». È stato questo, insieme alla promessa di combattere la criminalità dilagante e di occuparsi di un sistema sanitario pericolosamente danneggiato, a colpire nel segno: Doria, che ha 59 anni, ha ottenuto una storica vittoria al primo turno, conquistando tutti le circoscrizioni a eccezione di due, sia nel ricco centro di San Paolo che nella periferia impoverita, i cui abitanti potrebbero essere stati persuasi dalla promessa populista di obbligare in qualche modo gli ospedali privati ad aprire le porte al pubblico di notte in modo da liberare le liste di attesa negli ospedali gestiti dalla città.

A San Paolo i poveri sono molti e i mezzi di informazione brasiliani si sono accaniti sulla passione di Doria per i maglioni di cashmere e il suo disgusto per i pasteis, uno snack da strada fritto. Gli elettori, però, non ne hanno tenuto conto. Nonostante Doria abbia detto di non volersi candidare alla presidenza l’anno prossimo, gli analisti non ne sono così sicuri e i suoi sostenitori adoranti non vogliono credere che sia così. «Vincerebbe le elezioni», ha detto il 22enne Jorge Lopez servendo una spremuta d’arancia in un bar del centro di San Paolo, una zona degradata della città che Doria ha promesso di ripulire. Mentre spiegava la sua devozione per il sindaco, le parole di Lopez ricordavano quelle pronunciate da molti americani sul conto di Trump: «Doria non è coinvolto nella politica. I soldi ce li ha già e quindi non ha bisogno di rubare».

Altri potenziali candidati stanno saggiando il terreno. Roberto Justus, un miliardario che ha condotto O Aprendiz dal 2004 al 2009 e nella stagione a cavallo tra il 2013 e il 2014, ha raccontato al giornale O Estado de S. Paulo che sta considerando l’idea di candidarsi alle presidenziali. Justus, che ha 61 anni, si è arricchito lavorando nel settore delle pubbliche relazioni e ha avuto una breve carriera come cantante che nel 2008 lo ha portato a pubblicare un disco, So Entre Nos (“solo tra di noi”). «Dobbiamo togliere la gestione del paese dalle mani dei politici», ha detto Justus in un’intervista, abbozzando un programma che prevedrebbe la vendita delle imprese statali del Brasile, come il gigante petrolifero Petroleo Brasileiro.

A Planaltina, Valda Rodrigues de Sousa ha detto che l’affabile Justus è l’unica persona in grado di strappare il suo voto a Lula. «Tutto quello che fa funziona», ha detto Rodrigues, che vive con Santos – l’assistente di cucina – in una casa sulle cui pareti intonacate è appesa una sola foto, scattata nel 2015, il giorno in cui ha ottenuto il diploma a 39 anni. Quello è stato il momento di cui va più fiera. Quello che l’ha resa più felice risale invece al 2002, quando Lula fu eletto presidente. Lula era una persona povera come lei che ce l’aveva fatta. «Sono corsa in strada e ho urlato di gioia», ha raccontato. Il suo affetto per Lula e per il Partito dei Lavoratori è calato insieme all’economia. Almeno il 10 per cento dei 35 milioni di brasiliani che erano riusciti a uscire dalla povertà nel decennio finito nel 2014 è tornato povero. Negli ultimi due anni in Brasile la disoccupazione è quasi raddoppiata. La classe media è in grande difficoltà.

In Brasile oggi chiunque sia abbastanza famoso, ricco e capace di sfruttare la frustrazione nazionale è potenzialmente in grado di competere con i politici più tradizionali che potrebbero candidarsi alle presidenziali. Roberto Miguel Rey, il chirurgo plastico, ha già detto che ha intenzione di provarci, nonostante in passato la sua candidatura al Congresso sia fallita miseramente.

«Darò una speranza a questa generazione», ha detto recentemente firmando delle copie della sua autobiografia in un resort di lusso sulla spiaggia di Buzios, che in passato fu uno dei posti preferiti da Brigitte Bardot. Rey, che ha 55 anni, è nato a San Paolo ed è cresciuto negli Stati Uniti. Il suo studio è a Beverly Hills. Come Doria e Justus, ha fatto anche televisione: dal 2004 partecipa al reality show Dr. 90210, trasmesso dal canale americano E!. I sondaggisti non si sono nemmeno presi la briga di rilevare il suo sostegno. Secondo Santos, però, a questo punto nessuno dovrebbe essere escluso: «Perlomeno potrebbe far diventare il paese più bello».

Fonte: Il Post
Continue reading