Adbox

venerdì 4 dicembre 2009

Eternit


Mentre in Italia la produzione, l’installazione e la vendita di articoli in fibrocemento, comunemente chiamato Eternit, è vietata da una legge del 1992, qui in Brasile viene ancora usata moltissimo sia per coperture di case e capannoni sia per altre funzioni, come le casse di acqua (caixas-d’água) usate per legge in tutte le case brasiliane.

La Eternit qui in Brasile è una delle più grandi industrie del Paese con sede in São Paulo e con stabilimenti in PARANÁ, GOIÁS, RIO DE JANEIRO e BAIHA. Esporta i sui prodotti praticamente in tutto il mondo, è una delle aziende brasiliane con più premi e riconoscimenti per la qualità dei prodotti e nel terzo trimestre di quest’anno ebbe un incremento superiore del 8% dell’anno precedente, con una vendita di 207,2 milioni di tonnellate (!) di materiale e con un guadagno netto di 17 milioni di R$ (circa 6 milioni e 600 Euro). Per avere una idea, la Parmalat, altra grande industria qui in Brasile (!) nella fine del primo semestre ebbe un guadagno di 2,4 milioni di R$.

E’ anche vero però che proprio il 1 dicembre di quest’anno un giudice di Rio de Janeiro ha proibito (temporaneamente) la vendita di qualunque prodotto che contenga fibrocemento in tutto lo Stato di Rio. Questo forse è un inizio di salvaguardia di benessere e di miglioramento di qualità sociale, ma è pur vero che qui in Brasile praticamente tutte le case hanno la copertura in Eternit (anche la mia… sigh!) e non posso fare a meno di pensare che in Europa, in qui Paesi definiti ricchi e civili, la produzione e la vendita di Eternit sia stata fermata da tempo e sono ancora in corso bonifiche per eliminare ogni traccia di amianto, mentre qui in Brasile, paese povero con gente meno istruita, venga usato moltissimo senza preoccupazione.

La cosa strana, ma forse anche logica, è che se dite a un brasiliano che il materiale in Eternit è cancerogeno, che è meglio non usarlo e che devono eliminarlo, loro dicono che è impossibile questo, perchè qui si usa moltissimo e da molti anni… che la Eternit è una grandissima azienda… che siamo noi a esagerare… ecc.

Forse anche loro un giorno si accorgeranno dei loro sbagli e anche qui finirà questo grandissimo problema per l’ambiente e per la salute.

Show comments
Hide comments

9 commenti:

  1. si è davvero assurdo, lo dico sempre alla mia ragazza, ma qui fanno ancora i tetti di amianto? mi ricordo avevo 15 anni quando lo toglievano a Milano al liceo scientifico dove ho studiato...puxa o caminho è ainda longo aqui:(
    per non parlare della mancanza di planejamento di Sao Paulo e dei continui allagamenti che mi fanno perdere 2 ore quando dovrei metterci mezz'ora con l'onibus e sommergono interi quartieri di poveretti che si trovano senza casa..

    RispondiElimina
  2. Tutto questo è vero e trovo strano che una città moderna come Sao Paulo abbia ancora di questi problemi. Ma è un difetto dei brasiliani (e qui di sicuro qualcuno si arrabbierà!). E' lor abitudine fare le cose senza planejar muito, che sia una casa, un trabalho o una città. Ma ogni popolo ha pregi e difetti e nessuno è migliore di altri. Vivendo qui devo accettare sia di mangiare arroz e feijao tutti i giorni sia il modo di pensare e di vivere dei brasiliani. Il che a volte è molto buono perchè, per esempio, sono le persone più generose che io abbia conosciuto, ma altre volte provoca un senso di disagio e viene spontaneo dire "mah...!"

    RispondiElimina
  3. e poi ci si chiede se i cancri ai presidenti siano cospirazioni di qualche arma segreta americana...
    irmãos abra seus olhos!! o telhado de amianto que vc tem é cancerígeno!!!

    RispondiElimina
  4. Nel 2004 Eternit è stata condannata dal tribunale di S.Paulo a pagare 147 milioni di dollari di risarcimento alle 2.500 vittime dell'amianto. Eternit ha fatto ricorso ( tuttora aperto ).Pare che i concorrenti di Eternit da tempo non usino amianto nella costruzione di oggetti in fibrocemento anche se questo rende il prodotto più caro, mentre Eternit sostiene che usa ancora amianto ma in modalità non pericolosa per l'uomo ( !?? ). Se da una parte quindi le casse d'acqua non sembrano essere un vero pericolo dall'altra credo che occorra tagliare il problema alla radice proibendo del tutto l'amianto cancerogeno indipendentemente dall'esito del ricorso in tribunale.

    RispondiElimina
  5. Esistono diversi tipi di minerali d'amianto e avevo letto da qualche parte che i dirigenti della Eternit brasiliana affermavano che l'amianto da loto usato era del tipo meno pericoloso.

    Sul fatto delle casse d'acqua ormai, almeno dalle mie parti, quelle nuove sono quasi tutte in plastica. Il problema rimane sulle teglie di copertura. Sembra che non ci sia modo di far capire a questa gente che sono pericolose per la salute.

    In Italia proprio ieri sono stati condannati i due proprietari della Eternit. Mi piacerebbe pensare che le cose anche qui potrebbero cambiare, ma penso che tutto rimarrà tale e quale ancora per tantissimo tempo.

    RispondiElimina
  6. Non entro nel merito dell'eternit, cosa medica, difficile da comprendere, ma mi viene da sorridere per una frase di Franco che ha inserito nel suo post: "come le casse di acqua (caixas-d’água) usate per legge in tutte le case brasiliane. ".

    Caro Franco, ti ho preso in castagna!!!
    Di quale legge stai parlando???

    RispondiElimina
  7. Ora mi ha preso proprio in castagna!
    Mia moglie dice che "per legge" tutte le case brasiliane devono avere una "caixa d'agua" per la riserva di acqua. Così, in caso di mancanza, i servizi basici sono assicurati. E in effetti tutte le case che ho visto, anche quelle più diroccate, hanno una di queste caixa sul tetto.

    Poi, a quale legge o emendamento faccia parte tutto ciò, ne sono completamente all'oscuro. Ma devo pur fidarmi di mia moglie, non credi?

    RispondiElimina
  8. Il problema delle mogli, è che se le contraddici, quando vai a "dormire" di girano dall'altra parte e dicono: "No amore, oggi no. Ho un terribile mal di testa".

    Per evitare ciò e meglio fare buon viso.......

    RispondiElimina
  9. http://site.sabesp.com.br/uploads/file/asabesp_doctos/manual_usuario_sabesp.pdf

    Vedi a pagina 4E. Li parla di "miglior investimento" non di obbligatorietà. Ma questo non dirlo a tua moglie, che potrebbe aver il mal di testa per una settimana :)

    RispondiElimina