Adbox

venerdì 11 giugno 2010

Cercasi modelle


Un articolo del New York Times mi incuriosito.

Sembra che dopo dei talent-scout di calciatori sia la volta dei model-scout, cioè di persone che vanno alla ricerca di nuove modelle per il mercato della moda. E dove cercare queste meraviglie se non in Brasile, patria delle più famose, più belle e più pagate modelle del mondo. Tanto per fare dei nomi sono brasiliane Gisele Bundchen, Alessandra Ambrosio, Fernanda Lima, Daniela Ciccarelli, Daniella Sarahyba, Kartika Luyet, Adriana Lima e Caroline Trentini. E che cos’hanno in comune queste donne oltre ad essere tutte belle e brasiliane? La maggior parte di loro hanno discendenze europee e sono quasi tutte di Rio Grande do Sul.
Infatti sembra che proprio in questo Stato del Brasile, insieme a Santa Caterina e Paranà sia la fonte della modella perfetta. Infatti l’obiettivo di questi model-scout è di trovare il giusto mix genetico di ragazza brasiliana ma con origine italiana o tedesca, magari con un poco di sangue russo o slavo, in modo ad avere una ragazza alta, magra, con bellissimi capelli e occhi chiari, in modo da avere successo nelle passarelle di New York, Milano o Parigi.

Quello che è strano, e lo si legge anche nel articolo, è che il Brasile, pur essendo ricco di donne bellissime non ha mai prodotto una Naomi Campbell brasiliana, e considerando la quantità di persone di colore o mulatte ciò appare poco chiaro. Anche perché sembra che Juliana Paes e Camila Pitanga, che hanno una pelle più scura, sono considerate tra le donne più sexy del Brasile. Eppure all’estero hanno successo modelli con lineamenti più europei, e questo non ho capito se il mercato della moda a preferire tali modelli o il Brasile a non voler esportare tali bellezze.

Non si capisce bene perché in un Paese dove esiste una “Marina Silva, ex ministro nata in Amazzonia, che è in corsa per la presidenza del Brasile… dove negli ultimi dieci anni, il reddito dei brasiliani neri è aumentato di circa il 40 per cento, più del doppio del tasso di bianchi, come il boom economico del Brasile ha contribuito tagliare il divario di ineguaglianza e di creare una classe più potente dei consumatori neri… dove São Paulo Fashion Week, l'evento moda più importante della nazione, è stata costretta dalla procura locale di garantire che almeno il 10% dei suoi modelli siano di discendenza africana o indigena… nonostante questi fatti, oltre la metà dei modelli brasiliani continuano ad essere trovati qui, tra le piccole fazendas di Rio Grande do Sul, uno Stato che ha solo un ventesimo di popolazione della nazione ed è stato colonizzato prevalentemente da tedeschi e italiani.” (*)

In effetti se ci pensate bene tutto ciò è strano, perché da quando sono qui vedo bellezze di tutte le forme e di tutti i colori, però guardando Gisele Bundchen si può dire tutto ma non che rispecchia la classica bellezza della classica donna brasiliana.

Una cosa però è certa: se è vero che la maggior parte delle modelle vengono proprio da quegli Stati del sud allora devo proprio dare retta ai miei amici del blog e trasferirmi a Curitiba o Porto Alegre. Ma mia moglie sarà d’accordo?

Show comments
Hide comments

2 commenti:

  1. Ciao Franco!Capisco che tu non riesca a capire il Perchè della mancanza di persone di un'altra etnia nelle sfilate di moda, però si dà il caso che il Brasile è ancora un paese razzista, e queste persone ancora stanno cercando di avere delle opportunità nella nostra società, anche se le cose sono migliorate parecchio, nel mondo ci sono ancora delle persone che si credono superiori agli altri, come in Italia quelli che odiano gli stranieri, e anche qui in Brasile, al sud e sudeste quelli che odiano i nordestini...Scusa, una domanda...Con un blog così intelligente, con tutta la tua capacità di discuttere su argomenti così profondi ed interessanti, ci vorrebero proprio "quelle" pubblicità alla fine della pagina??A me sembrano troppo sgradevoli, perchè non c'entrano niente con il tuo blog!!

    RispondiElimina
  2. Cara anonima (perché penso che tu sia una donna),
    in effetti é molto strano che non ci siano modelle mulatte o negre famose in Brasile, considerando proprio quante bellezze di colore ci sono in questo Paese. Non che di modelle nere ne ce siano molte in giro, peró alcune esistono, e stranamente non ce n'é neanche una brasiliana. Vai a saber!

    Per quanto riguarda quelle pubblicitá in fondo alla pagina devo darti ragione: sono di cattivo gusto e non c'entrano niente con questo blog. Ma é solo pubblicitá, cioé un modo di guadagnare qualcosa. Ma considerando che finora non ho preso nemmeno un centesimo, penso che le toglieró presto, lasciando solo quelle di Google e di Amazon.

    Um abraço.

    RispondiElimina