Adbox

giovedì 24 ottobre 2013

10 regole alimentari di prima necessità per gli americani in Italia


E questo vale per tutti gli stranieri che vengono in Italia. L'articolo é in inglese ma penso che non ci siano problemi problemi per chi vive in Brasile.

10 Essential Food Rules for Americans in Italy

Italian food culture is probably very different from what you're used to at home. And, since Italians have been perfecting it for over 1,000 years, try going with the wine and olive oil flow instead of fighting against the current when you're in Italy.
1. Don't ask for "fettuccine alfredo" or "spaghetti with meatballs"
They don't exist here. Alfredo is an Italian name, and when I asked my Florentine friends if they really had never heard of "fettuccine alfredo," they responded: "Chi?" (Who?) To get pasta with cream sauce, try any one with panna (cream) listed in the ingredients - just know that you'll never find pollo (chicken), on that same list. Explaining the idea of putting chicken in pasta provokes confused looks and expressions like, "Che schifo!" (How disgusting!) Likewise, spaghetti is not served with meatballs. In Naples, you'll find miniature ones on other types of pasta. Everywhere else, pasta al ragù (with meat sauce) is a common first course, and "polpette" (meatballs), are a typical -- separate -- second course. If you're way ahead of me and already thinking, "I'll just ask for both those things and mix them together," you can certainly do that. But... the original title of this article was "How To Eat In Italy Without Scaring The Italians."
2. Only drink wine or water with a meal
In America, my mom used to open up the fridge come dinnertime and list every drinkable thing inside: "OK, we've got ginger ale, milk, coke, lemonade, bacardi breezers...what do you want?" This would never happen in Italy. The table is usually set with a bottle of sparkling or still water, and a bottle of wine. Cocktails and liquors are reserved for: aperitivi (before-dinner drinks) and digestivi (after dinner drinks). Italians take enjoying the flavor of food very seriously; and you have to admit, drinking peach ice tea with rosemary lamb chops has to mess with your taste buds. One exception is pizza, to which Coke and beer are acceptable compliments -- but a single glass; no refills.
3. Don't eat eggs in the morning
The quintessential Italian breakfast is a strong espresso and a sweet pastry. Mix up some scrambled eggs to start your day, and your Italian roommates will watch as if you're building a spaceship on their stovetop. In Italy, eggs are usually eaten hard-boiled on a lunchtime salad or sandwich, or as a frittata (open-faced omelet) for dinner. If you're dying for a salty breakfast, try a ham and cheese toast (you guessed it, a toasted sandwich) at a local bar (in Italy, a café is called a "caffè" or "bar"), or escape to American paradise, The Diner, where you can find sausages, omelets and bacon on the menu.
4. Do drink cappuccino in the morning
2013-10-14-cappucino.jpg
The giant cappuccino at Moyo Bar in Florence, Italy

...with your (non-egg) breakfast, and not as an accompaniment or finish to other meals. A sure-fire way to be immediately labeled "foreign" is ordering up a pizza and a cappuccino. If you want to fit in, wean yourself off frothy milk and get used to black espresso, which Italians drink after eating, all day long. Or, feed your cappuccino habit with one of the giant, almost bowl-sized ones at Moyo Bar in the morning, and ride the high for the rest of the day.
5. Know what a "peperoni pizza" is
Duh! Little red meat circles on a pizza! ...Right? In some countries, yes. But in Italy, "peperoni" (one "p") is Italian for the plural of bell pepper. So if it's "pepperoni" (double "p") you want and not strips of red or yellow vegetables, check the menu for "pizza al salamino," "pizza diavola," or "pizza calabrese" - just be prepared for some spiciness.
6. Peel your fruits and vegetables
Italians peel fruits and vegetables normally enjoyed with the skin on in other countries: apples, pears, sometimes peaches, carrots, cucumbers, potatoes; and even they don't know exactly why. I've heard, "It's healthier," "The pesticides will make you sick if you don't," and "It tastes better," but I think it's mostly tradition. And why peelers are sold in Italy, Italians prefer good old-fashioned knives. If you eat unpeeled produce in front of them, they might just take it out of your hand, remove the skin in one perfect spiral, and slice it into uniform wedges with the speed and dexterity of a sushi chef. In fact, one of my most embarrassing moments (and I have a lot to choose from) was trying to peel a pear at the dinner table while my Italian friend's parents watched.
7. Don't ask for salad dressing
...reach for the olive oil and vinegar. If you want to be pointed in the direction of the salad dressing aisle at the grocery store, you'll get blank looks (because there isn't one). Some tourist restaurants have "ranch" and "french dressing," which taste like anything but ranch and french dressing. It's best to begin an amateur mixologist career, finding the perfect balance of oil and vinegar for your palette. Sound a little boring? You probably haven't tasted authentic Italian olio e aceto (oil and vinegar); the varieties are endless and the flavors intense. Opt for a cloudy, green oil and pay a little extra for an aged, balsamic vinegar, and you might just write off other (less healthy) dressings for life.
8. Use condiments sparingly
Olive oil is the only real Italian condiment. All the rest came from some other place and show up at grocery stores on the same shelf as exotic food. But "exotic" will not be the word Italians use to describe you putting ranch dressing on your pizza, ketchup on your potatoes, and mayonnaise on your sandwich, to their friends. People in Italy like to enjoy the exceptional flavor of what they're eating (which is usually handmade, or picked that day), and not mask it with other toppings. If they're eating chicken, they want to taste chicken, not barbecue sauce. A condiment (read: olive oil) should enhance flavors, never cover them up.
9. Take time to enjoy your food
Eating is not a race, and a bowl of cereal in front of late-night TV is not a dinner. It's not uncommon for Italians to spend an hour preparing a meal and even more time savoring every bite. And when eating out: service is slow, courses are many, and it's highly unlikely that a waiter will ever tell you they "need your table." Block off large chunks of time in your agenda for eating. Italian food is unbelievably good and so worthy of "wasting" a few hours; sitting at a table is so much nicer that running around town with a sandwich in your hand. Relax! You're in Italy! You can mail that letter and drop off your laundry...tomorrow.
10. Wait to eat plain bread with your meal
2013-10-14-falascarpetta.jpg
"Fa la scarpetta!" (Do the little shoe!) Italian for: using bread to mop up food

Can't wait to show Italy how Italian you are by sitting down at your first ristorante, pouring some olive oil and vinegar on your plate, sprinkling it with Parmesan cheese and dipping your bread inside? Save it for the Olive Garden, because, like that restaurant, it's actually not Italian at all. Visitors to Florence often complain about the flavor of plain Tuscan bread, as it's made without salt. But that's just because they don't know that in Italy, table bread is more of a utensil than an eat-alone food. It's often used as the main tool to fare la scarpetta (do the little shoe): the action of mopping up any delicious-ness left on your plate after a meal, or whatever your fork can't pick up during one.
*Interesting fact: Fare la scarpetta (do the little shoe)'s origin came from one of three things: 1) An old word similar to "scarpetta" that was used to describe someone who didn't have enough food 2) That bread picking up food off a plate is similar to they way the sole of a shoe picks up things off the ground 3) That using bread to scrape up food off a plate smashes it into a shape that somewhat resembles a shoe. (I choose to believe #3 because of this video). Also, our Italian readers (Ciao, belli!) want me to warn you that while the scarpetta is 100 percent welcome at home, it's arguably not the most polite demonstration at nice restaurants or in front of people you care about impressing.
Show comments
Hide comments

12 commenti:

  1. Fantastico quest'articolo!! Preciso, perfetto!!!
    Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) Gli spaghetti con le polpette sono un'invenzione americana (famosa la scena della Disney con Lilli e il Vagabondo). Un po' come la Macarronada qui in Brasile.

      2) Non trovo niente di peggio che mangiare un piatto di spaghetti con la Coca-Cola.

      3) Sará solo una questione di cultura, ma penso che la classica colazione italiana, con caffé (o cappuccino), brioche e magari un succo d'arancia, sia una delle migliori del mondo.

      4) Quante volte mi é capitato di vedere persone ordinare un cappuccino dopo mangiato.

      5) Forse in Italia non avremo la varietá di pizze che si trovano negli altri paesi, ma forse questo é un bene, considerando gli abbinamenti assurdi che a volte fanno.

      6) Pelare la frutta o la verdura penso che sia una necessitá, specialmente qui in Brasile, dove le persone al mercato tastano e palpano la frutta con le mani nude.

      7) Qui forse ho qualche dubbio, nel senso che sono un fedele sostenitore dell'olio d'oliva, dell'aceto balsamico o al limite del succo di limone. Peró, dato che adoro mangiare l'insalata, l'aggiunta di altri ingredienti, come yogurt, senape o maionese, dá un sapore molto differente, e a mio avviso migliore, a una semplice insalata.

      8) Sulla qualitá dell'olio d'oliva italiano non si discute, quindi che sia il condimento migliore da usare sono d'accordo.

      9) Questo forse é il punto piú importante della "comida" italiana. Mangiare con calma, assaporando le varie pietanze, sentire l'aroma e apprezzare i colori o la forma di ogni piatto. Io qui mi arrabbio molto in casa per questo motivo, dato che, perlomeno la mia famiglia, mangia con un fretta disperata. Molte volte perdo la voglia di cucinare per loro proprio perché non sanno dare il giusto valore a quello che hanno nel piatto. Ma anche qui é una questione di cultura differente.

      10) Io la "scarpetta" non la faccio, né in casa né tanto meno al ristorante. Peró, quando riesco a trovare un pane di qualitá, non il solito "pão francês" che si trova nelle padarias, faccio un'eccezione alla regola.

      Elimina
  2. Franco, spesso mi chiedono se in casa mangiamo tutti i giorni cibo italiano perchè siamo in forma. Io rispondo che dipende da cosa s'intende per cibo italiano e che se è quello che intendono loro di sicuro NO. Noi mangiamo un cibo "semplice", nel senso che non aggiungiamo condimenti in quantità spropositata, salse, dressing, burro, panna, besciamelle etc. e mangiamo pochissimi fritti. In questo senso mangiamo italiano.
    Ho visto persone qui aggiungere una spruzzata di ketchup ad ogni morso di un panino, maionese su ogni singola patatina fritta.........Diciamo che noi tendiamo per tradizione a non abusare di queste cose e ci limitiamo al sale, all'olio e all'aceto (ed ecco il segreto della forma fisica!!!).
    Sulla pizza non ho commenti da fare se non che sono stufa di sentir dire (da brasiliani ma anche da americani) che la pizza italiana non è buona perchè è sottile e c'è troppo poco condimento (da noi la pasta sottile è invece un punto di forza).
    Anche noi l'insalata la mangiamo solo con olio e sale, ma non disdegnamo ogni tanto un po' di salsine per renderla più sfiziosa, visto che la mangiamo spesso.
    La colazione per noi è rigorosamente "dolce" e, sì, ogni tanto mi manca quel piccolo piacere da "italiano medio" che è il cappuccio con la brioche o con dei frollini di qualità.
    Io faccio in casa gnocchi, lasagne, a volte la pasta e la pizza, nonchè tutti i dolci e le marmellate (qui ce n'è pochissima scelta ed è strano, visto tutta la frutta che hanno).
    La mia vicina di casa mi ha detto che sono matta quando le ho spiegato che per fare una crostata di frutta con crema pasticcera e gelatina ci impiego quasi 2 ore!! kkkkkkk
    E non si è ancora parlato del pasticceria mignon.....quella sì che mi manca davvero!!!
    Scusa se sono stata disordinata...
    Ciao
    Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutte le persone (brasiliane) che conosco sono convinte che noi italiani abbiamo piú salute e siamo piú magri grazie al nostro modo di mangiare. Non so se sia vero ma di sicuro la dieta americo-brasiliana non aiuta di certo a stare in forma. Sulla pizza io invece trovo commenti diversi, nel senso che qui dove abito la pasta é sottilissima e a molti non piace la pizza italiana proprio perché é piú "grossa". Sulle marmellate é vero, se ne trovano pochissime e la maggior parte sono piú simili a gelatina che a una confettura di frutta. Sul tempo di preparazione dei cibi preferisco sorvolare, data l'abitudine di fare sempre tutto di corsa e dando poco valore ai vari passaggi di cucina. Sulla pasticceria mignon... quella manca tanto anche a me. Qui in Brasile non esiste nemmeno l'idea di una tipica pasticceria, quindi nelle varie padarias puoi trovare, se sei fortunata, una grande varietá di "brigadeiros", che per i brasiliani sono i dolci piú buoni del mondo e qualche bombolone ripieno di doce de leite.

      Salutoni!

      Elimina
  3. Eh Eh.. domenica devo fare la pizza a casa di amici, li ho gia´avvertiti che non sara´un panettone come la loro dove la pasta e´solo un supporto e che per noi la qualita´della pasta vale quanto il ..molho..che ci si mette sopra!
    Il tortano napoletano lo apprezzano molto invece perche´e´gia´un sandwich pronto!

    RispondiElimina
  4. L'articolo e' molto ben scritto,con molto rispetto per la cultura gastronomica italiana.
    Cosa ne pensate delle panetterie locali?
    Io le trovo spettacolose a vedersi,ma i prodotti...
    Il pane e' una porcheria,le brioche pesanti e senza sapore(se non fosse cosi' i consumatori si riterrebbero truffati,visto che molti valutano il cibo solo per il peso ....nello stomaco),i dolci molto caricati e privi di grazia.
    Sulle pizze concordo con voi,ma trovo che alcune pizzerie (es.Braz a Sao Paulo) siano di ottimo livello.
    Ed i gnocchi venduti qua? No comment.
    Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando abitavo in Italia, vicino a casa mia c\era una piccolissima panetteria, grande poco piú di un garage. Ma pur avendo dimensioni cosi minime, vendeva 12 tipi di pane diversi.Qui in Brasile molte padarias sono enormi, bellissime e ci trovi di tutto, peró il pane...

      Prima di tutto non c'é varietá. L'unica opzioni che trovi é il "pão frances". Se sei fortunato puoi trovare del "pão natural", fatto con lievito naturale (ma perché, il pão frances con cosa é fatto), la "baguette" e a volte delle pagnotte dure simili alla classica pagnotta italiana. Il pane integrale é una raritá, e quanso si trovo costa tantissimo. E in ogni caso non é integrale al 100%.

      Le brioche, quelle dolci, rare da trovare, in effetti sono un po' pesanti, quasi sempre ripiene di una crema al latte condensato o doce de leite. Purtroppo é quello che dico sempre: qui in Brasile si mangia bene ma i dolci proprio non sono il loro forte.

      Sugli gnocchi potrei dire che li trovo pesanti e duri da cuocere. Sui ravioli meglio non dire niente. Ma d'altronde non possiamo pretendere di trovare gli stessi prodotti con la stessa varietá e qualitá che esistono in Italia. Strano peró, considerando il numero di italiani in questo paese.

      Elimina
  5. Ovviamente stato parlando di un Brasile a me ignoto. Nel Ceará, ma anche nel Marahnão e nel Pernambuco a parte il "pane grande" che assomiglia alla baguette francese ed al pane "carioquinha" fatti entrambi con la stessa miscela, non ho visto altre tipologie di pane. Escludendo ovviamente il pane confezionato per hamburgher e "cachorro quente".

    Sulla pasticceria mignon a Fortaleza nella Praia di Iracema doveva aprire una pasticceria sarda, ma una serie di problematiche create dai vicini hanno fatto fuggire il proprietario dopo aver spese oltre 100 mila ero per restaurare un palazzo.

    Sulla Avenida Abolição doveva aprire una pasticceria francese, stessa situazione, con fuga disgustata dei proprietari che avevano investito una fortuna.

    Questo mi dice che esiste una volontà a livello di pubblica amministrazione perché certe raffinatezze, non prendano piede.

    E dire che fino alla metà del secolo passato Fortaleza era la città più francese di tutto il Sud America.

    Inoltre da queste parti non ho mai visto gnocchi ne ravioli, una tristezza!

    RispondiElimina
  6. Io aggiungerei di non usare il coltello per mangiare la pasta (e nemmeno aiutarsi con il cucchiaio come fanno alcuni) e non mischiare riso con pasta o, peggio ancora, con l'insalata. Importanti sono soprattutto il punto 2 (bere un'aranciata o una coca con gli spaghetti non va proprio bene, piuttosto bevi l'acqua) e il punto 9 (mangia con calma, senza fretta).

    RispondiElimina
  7. ormai in Italia tutti i ragazzi giovani bevono tutti coca cola ai pasti, non vedo più nessuno che beve acqua ai pasti, solo i vecchi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che un ragazzo di 15 o 20 anni beva Coca-Cola a tavola posso capirlo. Ma vai a vedere se una persona dai 25 anni in su, con un poco di cervello, preferisce pasteggiare con un buon vinello fresco o con qualche bibita dolciastra. è una semplice questione di abbinamenti: prova a mangiare una carbonara o una amatriciana con la Coca-Cola e con un buon bicchiere di vino, poi vediamo se senti la differenza di sapore. In questo caso sono contento di essere vecchio.

      Elimina
    2. cosa ti devo dire io vedo la realtà delle cose

      Elimina