Adbox

domenica 5 febbraio 2012

Il prezzo del successo


In Brasile sta avvenendo una cosa che in Italia succede da molto tempo.

Era il 7 marzo del 1991 quando l'Italia scoprì di essere una terra promessa per migliaia di albanesi. In quel solo giorno arrivarono nel porto di Brindisi, a bordo di navi mercantili e di imbarcazioni di ogni tipo, 27mila migranti. Fuggivano dalla crisi economica e dalla dittatura comunista in Albania. Un esodo biblico, il primo verso l'Italia: in un primo momento se ne contarono 18mila, ma con il passare delle ore il numero di profughi salì a 27mila. Si stima che durante tutta la guerra del Kosovo arrivarono in Italia circa 400.000 profughi dalla sola Albania.

Poi fu la volta delle guerre del Nord d’Africa.

Nel febbraio del 2011 l’ONU avvertiva di un arrivo in Italia di 200/300 mila profughi dalla Libia. A quel tempo, Melissa Fleming, la portavoce dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite  per i Rifugiati (ACNUR), disse che l'Italia sarà tra i paesi che «più probabilmente riceveranno un afflusso di persone in fuga dalla Libia», tra cui cittadini libici e profughi di altre nazioni. «Stiamo dicendo, "per favore, non respingeteli"», disse in un briefing a Ginevra, dove l'agenzia ha la sede. «E' il momento di mostrare spirito umanitario e generosità verso gente che ha subito un forte trauma». Ci sono in Libia circa 8000 rifugiati politici registrati dall'Acnur e altri 3000 richiedenti asilo con la domanda in sospeso provenienti da Sudan, Iraq, Eritrea, Somalia, Ciad e Territori palestinesi.

E noi questo spirito umanitario lo abbiamo sempre mostrato, dato che questi profughi non furono respinti, e le note vicissitudine di Lampedusa sono note a tutti. Inoltre, è giusto dirlo, l’Unione Europea non si può certo dire che ci abbia aiutato nell’accogliere tutte queste persone. «Daremo solidarietà e disponibilità a fornire materiale umano e mezzi finanziari» ma non ci sarà alcuna apertura nei confronti di una distribuzione del fardello dell'immigrazione proveniente dai Paesi del Nord Africa. E fanno notare che «un paese di 60 milioni di abitanti non può avere problemi a fronteggiare qualche migliaio di migranti». Inoltre osservano che «la legislazione europea è chiara»: nel senso che la gestione degli immigrati, intesa come rimpatrio degli illegali e valutazione delle domande d'asilo, spetta al Paese in cui essi approdano. Come dire, i profughi sbarcano in Italia, quindi sono problemi vostri.

Tutto questo succedeva (ma succede ancora) nella nostra tanto criticata, piccola e misera Italia.

Ora in Brasile sta succedendo qualcosa di simile.

Nel 2010 ad Haiti ci fu un grande terremoto, dove morirono più di 220.000 persone e coinvolse più di 3 milioni di haitiani.  Ora, gran parte di quelle persone che hanno perso tutto in quella disgrazia, stanno arrivando qui in Brasile, entrando irregolarmente negli Stati di Acre e Amazzonia:

“… Muitos são atraídos por "coiotes" (atravessadores) e entram ilegalmente no país, principalmente pelo Acre. Em dezembro, a Folha revelou que atravessadores bolivianos montaram esquema para levar haitianos ao Acre. Os imigrantes pagavam US$ 300 pelo ingresso ilegal no país. Uma das medidas prevê a emissão de até cem vistos por mês para os haitianos. A concessão do documento será feita pela embaixada brasileira no país, gratuitamente, e valerá por até cinco anos. O estrangeiro deverá comprovar posteriormente o "exercício de atividade certa" e um endereço fixo, como prevê a legislação vigente. Nos últimos 20 anos, segundo o Itamaraty, é a primeira vez que o governo decide impor um limite para a entrega de vistos a estrangeiros.” ( * )

Così, mentre in Italia ci sono gli “scafisti” che si fanno pagare dai 1.000 ai 2.000 euro per un viaggio infernale in mare (con il rischio di essere gettato fuori bordo in caso di problemi), qui in Sud America ci sono i “coiotes” che, con solo 300 dollari, ti fanno attraversare la frontiera (inesistente) tra Brasile e Paesi vicini.

Per evitare l’afflusso illegale di haitiani, il Governo brasiliano ha deciso di rendere più difficile burocraticamente l’ingresso in Brasile. Alla richiesta di visto, il cittadino haitiano deve comprovare di avere un lavoro in Brasile. Se qualcuno verrà trovato irregolarmente in Brasile, sarà prima educatamente intimato a lasciare il Paese e, se non lo farà, sarà deportato.

Ora, io trovo giusto che il Governo di una qualunque nazione faccia il possibile per limitare i clandestini nel proprio Paese e che cerchi di regolarizzare chi, effettivamente, viene con le giuste intenzioni di lavorare e di farsi una nuova vita.

La parte “engraçada” di tutta questa faccenda è che in questo Paese così liberale, così aperto verso gli stranieri, così cosmopolita, molte persone si stanno già lamentando di questo arrivo di stranieri. Molti pensano che sia un errore che il Governo dia così tanti visti e renda legale la permanenza a tutti questi profughi da Haiti. Molti pensano che tutte queste povere persone vengano qui per “rubare” il lavoro ai già poveri brasiliani e che sarebbe giusto rimandarli indietro nel loro Paese.

(Se posso aggiungere un commento personale, se i brasiliani si lamentano di qualche migliaio di stranieri che entrano in Brasile, cosa dovremmo dire noi italiani con l’arrivo in massa di barconi pieni di poveri disgraziati che arrivavano giornalmente nei porti di Brindisi o di Lampedusa?)

Non ci credete? Ecco allora alcuni commenti di lettori (brasiliani) su questo argomento, presi da alcuni giornali online:
    • Qualquer país sério importa cérebros. Aqui importamos estômagos. Essa gente inútil, sem qualquer qualificação, deveria ser expulsa. Há entre ele3s quantos médicos, engenheiros, geólogos? Nenhum. São apenas parasitas. Aqui no norte já infestam nossas ruas. o governo gasta com aulas de lingua, cursos de qualificação profissional, etc. E os brasileiros pobres, ficam onde? Ridículo! FORA DAQUI IMIGRANTES INÚTEIS. VOCÊS NÃO SÃO BEM VINDOS!
    • Ohhh ohhhh! Brasil virou 6° economia mundial e ja ta pegando os habitos de Europa e EUA... com a differençoa que só na Italia, por exemplo, chegam 2.000 clandestinos por semana!
    • Tem que proibir mesmo. Essas pessoas estão iludidas.Sem estudo e sem especialidade nenhuma vão viram hospedes de delegacias.E isso ja temos muito. deporta tudo.Melhor ajudar o Haiti financeiramente.
    • Esse PT é uma piada, mesmo. Estão sempre criticando países de priemro mundo por causa de políticas de imigração. Na primeira oportunidade para mostrarem que saõ melhores, dão uma dessas... Mas para falar a verdade, quem quer essa turma por aqui? Já temos favelados demais!
    • Apoiado!!! Sugiro recursos do MJ para minar as fronteiras, arame farpado e outros obstáculos físicos como ninhos de m/e/t/r/a/l/h/a/d/o/r/a/s a cada 500 metros, quem passar passou !!!! De pobretões já temos os nossos para cuidar.
    • Estão trocando a miséria de lugar: do Haiti para o Brasil. O governo brasileiro precisa parar de de dar falsa impressão para o mundo que aqui esta tudo as mil maravilhas. Aqui se paga altos e volumosos impostos e não se dá nem aos brasileiros educação de qualidade, saúde, segurança,emprego,saneamento básico, aposentadoria decente. É mais gente chegando para se juntar aos famintos que acabarão nas cracolandias pelo País afora, assaltando, matando,sendo presos,etc. É o caos!
Sempre rimanendo in tema, nel 2011 il Brasile ha registrato un aumento del 57% sui lavoratori stranieri. La maggior parte vengono dai Paesi vicini, come Perù, Bolivia e Paraguay, ma non mancano certamente stranieri di altri Paesi come l’Italia, la Spagna e l’Argentina. ( * *)

Questo è il prezzo del successo. Questo è quello che avvenuto prima in Europa, prima di questa crisi, ed è quello che sta avvenendo qui in Brasile adesso. E per conto mio siamo solo all’inizio. D’altronde, essere una potenza economica ha i suoi costi, e l’arrivo di stranieri, illegali o no, è certamente uno di questi. Da notare anche, altra similitudine con la realtà italiana, che la maggior parte di questi lavoratori stranieri fanno lavori umili, lavori che molti brasiliani ormai diventati ricchi non vogliono più fare.

E’ una ruota che gira, non c’è niente da fare. Quello che succedeva in Europa ora sta succedendo qui. Come c’è stato un boom economico in Italia e nei Paesi europei negli anni 50/60, ora sta avvenendo la stessa cosa in Brasile. Spero che non avvenga anche questa crisi economica che sta attanagliando l’Europa e il mondo in genere, anche se penso che questo successo economico del Brasile sia solo di breve durata, prima o poi andrà stabilizzandosi. Ma questo lasciamolo agli esperti di economia che spopolano in rete.
Show comments
Hide comments

8 commenti:

  1. Franco,il governo brasiliano vuole a tutti i costi gli onori (seggio ONU?) ma non vuole sentire parlare di oneri.
    E' un suo diritto.
    Capisco meno chi spara a zero sul "razzismo" che sarebbe cosi' diffuso in Italia, e finge di non vedere la "matrice portoghese" di una parte della societa' brasiliana.
    Stefano

    RispondiElimina
  2. Caro Stefano,
    qui in Brasile c'è la tendenza a mostrare pubblicamente le proprie idee, tanto meno i propri difetti.

    Noi italiani siamo consideranti maleducati e "grosseiros" proprio perchè siamo diversi dai brasiliani. Per esempio, quando a un italiano non piace una cosa, non ha problemi a dire che fa schifo. I brasiliani invece, gente molto più sensibile e diplomatica di noi, tengono per loro i propri sentimenti.

    Quindi guai a dire che in Brasile esiste il razzismo, perchè verresti marchiato a vita come bugiardo integerrimo. Poi, che la realtà sia diversa, lo sappiamo noi che viviamo qui.

    Per fortuna, come hai detto tu, non tutti la pensano nello stesso modo.

    RispondiElimina
  3. Nossa, o primeiro comentario que voce postou de um leitor brasileiro, fiquei chocada. Eu morro de do dessas pessoas porque imagino a dificuldade que eles encontram em seus Paises,por isso nao os condeno.O Brasil nao esta em condiçoes de atender essas pessoas, mas se essa historia continua de "Brasil agora è uma Potencia" so vai gerar mais entrada de imigrante e mesmo que o Brasil limite vistos, eles irao entrar do mesmo jeito, ficarao ilegal. A Italia ja esta com esse problema, o governo tenta ajudar, eles ficam um dia, fogem, ficam ilegais e assim começa a violencia, pois nao tem emprego para todos. E' um problema serio isso, nao so com o Brasil, mas com varios outros paises e mi dispiace tanto por essa gente.
    abraços

    RispondiElimina
  4. Cara Taty, il problema della immigrazione clandestina è veramente qualcosa di serio. Trovo giusto che il governo brasiliano accolga tutte queste povere persone, però riesco anche a capire chi non sia contento di questo arrivo di stranieri.

    Il problema è sempre il solito: è vero che il Brasile è molto grande e ora la sua economia è più elevata di molti altri Paesi, ma al suo interno ci sono ancora molte cose che non vanno bene. Ci sono ancora moltissimi brasiliani che soffrono per la mancanza di strutture adeguate, per la mancanza di una sanità decente. Brasiliani che vivono con un salario minimo e altri che sono alla soglia della povertà.

    Quindi senza voler essere egoisti, è chiaro che qualcuno pensi "Prima pensiamo a noi brasiliani, poi pensiamo agli altri". Ma come ho detto è anche inimmaginabile, almeno per me, dire a un haitiano o di un altro Paese "Tu qui non entri".

    Questo, come hai notato anche tu, è il prezzo che si paga per essere una potenza mondiale, e penso che sia solo l'inizio. Ho paura che più avanti ne vedremo delle belle, in tutti i sensi.

    Um abraço.

    RispondiElimina
  5. Il tutto si riassume in una frase: "IL MONDO È ROTONDO".

    Sembra una banalità, ma non lo è. Nel mondo gli esseri umani, da quando hanno iniziato a camminare su due gambe, sempre hanno cercato luoghi dove il loro tenore di vita, almeno apparentemente, migliorerebbe.

    Migrazioni di popoli, o parti di essi, sono sempre esistite. Sembra che i nativi Sudamericani abbiano il DNA dei popoli dell'estremo est dell'Asia, addirittura della regione a sud della Cina.

    Sé l'Australopitecus afarensis avesse deciso di non "viaggiare" per il mondo, probabilmente l'Africa sarebbe l'unico continente abitato.

    Poi sono venuti le espansioni degli Imperi, come la Persia, la Cina e l'Impero Romano. A cui faranno seguito le caotiche irruzioni negli antichi domini romani di numerose popolazioni provenienti dal sud e dall'est.

    Poi, dal XVI secolo, il popolamento di immense aree appena scoperte, classico l'esempio dell'Australia, trasformata in una immensa colonia penale.

    Poi seguirono altri esempi, arrivando ai giorni nostri, con i "barconi della speranza" i tunnel sotto la rete che dividono Usa e Messico, e prima ancora le centinaia di morti nel tentativo di scavalcare "Il Muro".

    Quindi, come detto all'inizio "IL MONDO È ROTONDO". Ossia, quello che avviene oggi in Italia, negli Usa, in Canada, in Australia etc. accadrà in Brasile, come in Argentina.

    Poi con il passare degli anni, girando attorno al mondo, accadrà in altri paesi, in altri continenti.

    Ma il piccolo uomo, quello della strada, quello del "Panem et circenses" sempre continuerà a lamentarsi "dell'invasione" senza ricordarsi che in precedenza lui è stato invasore, se non lui direttamente, sicuramente i suoi predecessori.

    Il discorso meriterebbe molto più spazio, ma io mi fermo qui.

    RispondiElimina
  6. Quello che noto è che nonostante siano passati anni e anni qui in Italia gli albanesi stanno con gli albanesi, i nordafricani pure indiani ( moltissimi) idem. Non c'e scambio di culture se non di interesse economico, o peggio tanti extrcomunitari dell'est chiedono l'elemosina per stada e non c'è posto vicino un supermercato o in un parcheggio di ospedale dove c'è il nigeriano o la povera donna che allatta un bambino che pure chiede l'elemosina. Non voglio parlare male della mia patria, ma non so che considerazioni fare: sono questi i piu poveri tra i poveri? Rosanna.

    RispondiElimina
  7. Il problema di molti extracomunitari, specialmente quelli illegali, è di far parte, volendo o dolendo, di criminali che approfittano di questa povera gente. Basta vedere tutta la prostituzione che esiste in Italia o tutti quei poveri ragazzi, per non dire bambini, che vivono chiedendo soldi ai vari semafori. Spero che in Brasile non succeda mai questo, ma da come stanno andando le cose non so proprio cosa pensare.

    Abraços.

    RispondiElimina
  8. Ciao Franco, discordo sul giudizio che avrebbero i brasiliani a proposito degli italiani: nelle grandi citta' continua a prevalere il concetto che associa all'Italia stile a charme.
    Nell'interior non so,ma oggettivamente......
    Stefano

    RispondiElimina