Adbox

lunedì 22 agosto 2016

Brasile e fotografia - Introduzione


“… Lasciate ogni speranza, voi ch'intrate"

Così scriveva il Sommo Poeta all’entrata dell’Inferno, e con ogni probabilità si riferiva al Brasile.

Per chi, come me, è appassionato di fotografia questo è il paese meno adatto. La scarsa scelta di apparecchi e i prezzi follemente assurdi fanno del Brasile un vero e proprio inferno a chi volesse dedicare il proprio tempo, per hobby o professione, a questa attività. È chiaro che in Brasile esistono molti fotografi, quindi non sto dicendo che ciò sia impossibile, però per un comune mortale insorgono così tanti problemi che alla fine uno è quasi pronto a desistere e dedicarsi a opere più semplici, come vendere “pamonha” per strada.

Ma quali sono questi problemi?

Come ho detto sono principalmente due: la limitata scelta di materiale (fotocamere, accessori, ecc.) e i prezzi elevati. Iniziamo dal primo.

Qui in Brasile marche prestigiose come Pentax, Olympus o Leica sono praticamente sconosciute. Si può trovare qualcosa su “Mercado Livre” o in qualche negozio online ma in ogni caso dimenticatevi pure questi marchi, anche perché, cosa molto importante, non esiste assistenza tecnica. Quindi come marche la scelta è limitata a Canon, Nikon, Sony e Fuji. Quest’ultima ho trovato solo un modello su Mercado Livre, la XT-1, al simpatico prezzo di R$ 8.999,00 (in Italia costa dagli € 800 ai € 1.200).



Con la Sony idem, se non peggio: una Sony α7s qui in Brasile mi costa come un’auto usata (qualcosa come R$ 10.843,77 solo il corpo) mentre in Italia siamo intorno ai € 2.000.



Ora lo so, troverò qualcuno che mi dirà che l’euro vale 3,64 quindi la nostra bella Sony mi verrebbe a costare l’equivalente di R$ 7.280,00. Ma a parte il fatto che sarebbe sempre molto meno del prezzo di vendita in Brasile, penso di aver già spiegato diverse volte, in modo chiaro ed esaurente, che fare una semplice conversione Euro/Real non serve a niente. Ma sappiamo benissimo che per certe persone intendere una cosa semplice come questa non è affatto facile. In ogni caso dei prezzi parleremo dettagliatamente in seguito.

Quindi, tornando al nostro povero fotografo, ormai già sconsolato da questi pochi dati, quale sarà la sua scelta? O Canon o Nikon. Di queste due marche si trovano praticamente tutti i modelli e accessori (o quasi) e l’assistenza tecnica esiste. Nulla da ridire su queste due grandi aziende. I loro prodotti sono validi e di buon qualità. Però, per uno come me che viene dal Vecchio Mondo (ma potremmo aggiungere anche uno degli USA, Australia, Cina, Giappone, ecc.) la cosa lascia un po’ delusi.

In ogni caso il nostro amante della fotografia non si lascia scoraggiare (anche perché c’è ben poco da fare) e decide di comprare una bella fotocamera di queste due marche. Intendiamoci, qui io sto parlando di fotocamere reflex digitali, DSLR, quindi tralasciamo tutte le mirrorless, le compatte o le medio-formato. Andiamo allora a vedere cosa offre il mercato brasiliano. Tengo a precisare che di queste cose ne abbiamo già parlato in passato e abbiamo avuto modo di vedere le enormi, a mio parere, differenze di prezzo tra i “nostri” due paesi. Qui però stiamo discutendo su un argomento specifico, la fotografia professionale e cercherò di essere il più dettagliato possibile, sperando che possa interessare a qualcuno. Proprio per questo motivo, siccome il post sarebbe diventato troppo lungo, ho pensato di dividerlo in più parti, in modo da non stancare troppo il lettore. Ovviamente questa è la prima.

Nessun commento:

Posta un commento