Adbox

venerdì 23 settembre 2011

L’Italia non così male come sembra


Se dagli Stati Uniti giungono solo cattive notizie per l’Italia, tutt’altra musica si ascolta invece in Svizzera. Negli stessi giorni in cui l’agenzia Standard and Poor’s bocciava il rating del debito sovrano italiano e quello di sette banche della Penisola, la banca d’investimento elvetica Credit Suisse se n’è uscita con un report dal titolo decisamente ottimista: “L’Italia non così male come sembra”.

Secondo gli analisti svizzeri, infatti, il rischio di default di Roma è molto inferiore rispetto a quello degli altri paesi dell’Europa periferica. Per quali ragioni? Credit Suisse ricorda che l’Italia ha un deficit di solo il 4,1% del Pil e un avanzo primario (al netto della spesa per interessi) allo 0,6% del Pil. In Europa, poi, gli unici due stati con un avanzo primario sono la Svizzera e la Norvegia, che tra l’altro non fanno parte della Ue.

Non solo. Oltre a un livello del debito privato più basso della media europea (125% del Pil, la metà di Spagna e Portogallo), l’Italia ha anche passività nette estere pari al 21% del Pil, contro una media di circa il 100% nei paesi dell’Europa periferica. Ciò significa che per gli analisti della banca elevetica, se si avverasse lo scenario peggiore di caduta dell’euro, l’Italia non avrebbe bisogno di promuovere un default. Nel caso del ritorno alla lira, una svalutazione del 50% della valuta lascerebbe ancora le passività nette estere al 40% del Pil. Un livello ancora gestibile per la banca d’investimento elvetica.

Ma dai???

fonte: Panorama.it  

Nessun commento:

Posta un commento