Adbox

domenica 8 luglio 2012

Napoli come in Brasile, e viceversa


Io dico sempre a mia moglie che purtroppo non è stata fortunata a trovare me come marito e compagno, perché io sono esattamente all’opposto, come carattere, al mio conterraneo partenopeo. I napoletani sono persone allegre, sociali, amano la musica, cantare e ballare, amano avere tanta gente intorno, sono letteralmente pazzi per il calcio e amano fare casino.

I piemontesi, viceversa, sono a mio parere la “razza” più chiusa e più introversa dell’Italia. Il lombardo già è più estroverso, più amante della compagnia. Noi invece siamo noiosi e più amanti della solitudine e della tranquillità. Infatti, quando ero giovane, se volevo divertirmi in compagnia andavo nei locali della vicina Lombardia, perché là c’era più “vita”.

In qualche modo i brasiliani assomigliano ai napoletani e hanno molte cose in comune. E questa mia idea è rafforzata da una notizia trovata oggi sul Corriere della Sera:



NAPOLI - Spuntano dalle fogne con il caldo dell'estate. Sono lunghe anche un dito, sono resistenti ai disinfettanti e soprattutto «portano con loro malattie gravi come tifo ed epatite A», avvertono gli esperti. Sono le blatte rosse che in questi giorni stanno invadendo i quartieri di Napoli.
PROLIFERANO AL PORTO - La blatta rossa ha colto impreparati un po' tutti. Si tratta, infatti, di una novità importata da circa 4 o 5 anni con i traghetti che provengono dalle Eolie e che, per selezione naturale, ha soppiantato i vecchi e più fragili scarafaggi napoletani. Ed è proprio nella zona del porto che hanno cominciato la loro proliferazione mentre solo negli ultimi tempi, attraverso la rete fognaria, sono arrivate anche nelle zone collinari. Il fatto che vivono, si cibano e proliferano nelle fogne le rende pericolose, aumenta, infatti, il rischio di infezioni e malattie, cosiddette orofecali, anche con conseguenze gravi.
FENOMENO ESTIVO- Le blatte che si trovano più frequentemente negli ambienti urbani italiani sono generalmente associate alla presenza di acque umide e materiali organici ed essendo sensibili alle temperature, d'estate fanno più uova, dando origine alle «invasioni».

E voi direte: cosa c’entra questo col Brasile? Ma cari miei lettori che così poco conoscete ill Brasile, qui in questo Paese le blatte, più comunemente chiamate baratas, sono di casa. Nel senso letterale del termine, cioè è comune averle in casa, come se fossero animali di compagnia. E non è per una questione di sporcizia o di immondizia (cosa anche questa che a Napoli non manca). Perché anche nella casa più pulita in estate è facile trovare qualche blatta che cammina senza troppi problemi sui muri o sui pavimenti di casa.

Evidentemente, per una questione di clima, qui le baratas hanno trovato il loro habitat naturale. Sarà per il caldo tropicale, le abbondanti piogge (a parte la “seca” di quest’anno) o le noci di cocco, ma qui la blatta vive da re, o meglio, da regina.

Quindi, oltre alla pizza, alla musica e alla allegria, ecco un altro punto in comune con noi italiani. Viva Napule! Viva l’Italia! Viva o Brasil!

Show comments
Hide comments

28 commenti:

  1. A parte le baratas...mi stai facendo fare un sacco di risate:)

    RispondiElimina
  2. Ciao mi chiamo Claudia.
    Essendo italo-brasiliana, ho vissuto un 50% della mia vita in Brasile e l'altro 50% in Italia. Volevo solo dirti che quanto hai scritto descrive perfettamente la realtà.

    RispondiElimina
  3. Cara Claudia,
    prima di tutto grazie per la visita e per il commento. Ma soprattutto grazie per confermare, pur essendo brasiliana, che quello che scrivo è vero. Io sto attraversando un grave momento di "crisi" con il mio blog, perché vedo che non viene capito e compreso nemmeno dalle persone a me vicine. Odio parlare dei miei fatti personali, ma sto avendo dei seri problemi con mia moglie (brasiliana) che si offende e si arrabbia molto quando critico il suo (ma ormai anche mio) Paese. Lei pensa, forse a giusta ragione, che non dovrei "sputare nel piatto dove mangio" e che non serve dire quello che dico perché sono cose che sanno tutti.

    Prima di tutto non è vero che tutti sanno come si vive qui in Brasile, dato che molti ancora pensano che qui sia il Paradiso o il Paese della cuccagna. Poi, siccome sento e leggo TANTE critiche sull'Italia, critiche sia di brasiliani che di italiani, allora mi sembra giusto dire a questi "signori" che anche qui ci sono molti problemi. E poi c'è una motivazione di fondo, e non so se dipenda dal carattere personale o dal fatto di avere due culture diverse: io sono sempre stato abituato a dire quello che penso, anche se a volte faccio la figura del maleducato. Lei invece è molto più "diplomatica" e preferisce tenere per sé eventuali critiche.

    Quindi non so, ultimamente sto scrivendo molto poco, e sto quasi pensando di chiudere questo blog. Era nato come qualcosa di "divertente", come un modo di condividere idee diverse. Ma mi sta causando problemi proprio in famiglia, e non so se vale la pena correre il rischio di perdere quello che amo.

    Um abraço.

    RispondiElimina
  4. Chiudere no, magari sospendere, prendersi un tempo. Questo è il passo migliore. Anche perché se lo chiudi faresti felici troppo persone.

    RispondiElimina
  5. "...Anche perché se lo chiudi faresti felici troppo persone."

    Su questo sono d'accordo, ed è uno dei motivi che mi fa continuare.

    RispondiElimina
  6. Davvero franco sei così sincero e dite tutto quel chi pensa,complimenti vivendo qui in Italia ho imparato a convivere con tanta falsità ,anchio sono una che parlo alla faccia pero qua anche passo come maleducata stranino ne?pensa che ho una collega svedese che poverina con la mentalità anglo ha fatto anche un blog dicendo come e vivere in Italia tutta la verità ,appena e andata in maternità non e piu tornata .perché e una che palarva alla faccia e anche al blog.perciò ho capito se voglio finire di pagare il mio mutuo e meglio che sto zita.Cmq sta tranquillo che o popolo brasiliano e troppo

    RispondiElimina
  7. E troppo buono rsrs rsrs,boa sorte a vc.Lais Krammer.

    RispondiElimina
  8. Cara Lais, che il popolo brasiliano sia troppo buono questo è solo un punto di vista, perchè come ho detto in altre occasioni questa bontà molte volte è solo una facciata per nascondere i veri sentimenti. Che tu abbia trovato molti italiani falsi io ci credo, come io ho trovato tantissimi falsi "buoni" brasiliani. Ma io preferisco 100 volte una persona che mi dia del cretino in faccia piuttosto che vedere tanti sorrisini ma poi alla fine prenderlo in quel posto. E' solo una questione di idee.

    RispondiElimina
  9. Credo che sia Lais Krammer che scrive: appena e andata in maternità non e piu tornata .perché e una che palarva alla faccia e anche al blog.

    Premesso che non mi è chiaro il concetto, ma credo di aver capito che una volta andata in maternità il padrone di lavoro non l'ha più ripresa.

    E' UNA MENZOGNA COLOSSALE. Anche i sassi sanno che in Italia non è meno della Svezia in merito alla protezione delle neo-mamme. La Lais Krammer mente spudoratamente e senza vergogna.

    Inoltre, in Italia, nessun PM ha mai arrestato un cittadino solo perché non si ferma nella pizzeria di cui è socio, preferendo cenare in un ristorante tipico. Cosa che in Svezia è successo.

    Quindi lasciamo perdere la Svezia, per favore, e anche la mentalità anglo, visto che proprio questi ultimi, gli anglosassoni, sono tra i primi a definire il Brasile un paese dei balocchi (vedi Carlo Collodi), seguiti a ruota dai francesi che definiscono il Brasile 'un paese non serio'.

    Gli unici occidentali che, per svariati motivi, apprezzano in certo qual modo il Brasile sono proprio gli italiani, e proprio perché lo apprezzano scrivono delle sue manchevolezze, sperando che un giorno i brasiliani "pode acordar-se".

    RispondiElimina
  10. Allora vi spiego bene ,la mia collega Frida non e piu tornata perché come dicono gli altri colleghi aveva rotto le balle della nostra cordenatrice,perché voleva organizzare di piu le cose essendo l Italia democratica niente piu giusto vero?pero poi sono venute cose come colleghi che guadagnavano di piu degli altri senza nessuna giustifica .allora dopo l ennesimo incontro per avviare le cose che non vanno e che non risolve mai niente bla bla bla!!!!!lei gli ha detto delle cose in faccia della cordenatrice come mai chiedeti che noi dobbiamo essere trasparente ma siete voi i primi falsi.quindi allora

    RispondiElimina
  11. Poi E rimasta incinta dal marito e allora proprio a sangue freddo le hanno detto in uno discorso politico che non c'era piu posto ,anche dopo 3 anni di lavoro con la partita IVA ,con le tue qualità eccccc, e poi come se non bastasse il blog.
    Cmq era stata avvisata dal suo marito italiano come sono le legge in Italia come sono i popoli latini ,cmq sono cose che succedono .
    Quindi Gian.... Vedi che non può mencio re il tuo paese che parte subito per le offende ,mente eccccc,ma chi sei tu ????anche perché mi sono rivolta a Franco .
    Cmq potete risaltare quello che non va agli altri pero non potete parlare di me.

    RispondiElimina
  12. E il discorso troppo buoni era ironico.Perché trattano cani e porci bene e se dimenticano dal proprio popolo!E poi al discorso penso che proprio ora con l'internet ecccc,L'Europa deve stare tranquilla che la corruzione e totale serietà abbastanza poca anche quindi....Non credo proprio che la morale stia sul !!Cmq Frida ha tolto il blog per tanti motivi ha capito il popolo latino !!!Quello che puoi tutto e gli altri niente.E poi pensa che la sig.ra le diceva qui non e Svezia e Italia ,quindi se non sei contente torna pure a tuo paese!!!!

    RispondiElimina
  13. Guarda Gian Carlo ,se dobbiamo aspettare qq cosa proprio da voi e meglio che restiamo la merda di sempre ,perché dopo che ho conosciuto gli italiani dai lasciamo perdere!Aprezza mi fa ridere una volta che capiscono che non sei l ennesima cretina che capta a loro casa diventa ancora piu difficile a vivere!Fidate non mento pero e duro essere sincera qua .Poi penso che ognuno deve essere valutato per quello che e e non essere generalizzato cosa che accade sempre guarda caso in Italia .cmq vi auguro boa sorte a casa mia già che sono a casa vostra.saluti,

    RispondiElimina
  14. Allora...
    mi dispiace per la tua amica Frida, ma se rompe le balle ai suoi superiori (e da quanto sembra, non solo a loro) è normale che alla prima occasione la lascino a casa. Ma forse pensi che qui sia diverso? Io sono fortunato perché lavoro come autonomo, ma se dovessi lavorare "sotto padrone", col carattere che mi ritrovo, sicuramente nel giro di poco tempo mi troverei su una strada. Non credere che qui in Brasile la gente sia più permissiva. Anche qui, se rompi le balle, ti lasciano a casa. Anzi, ti assicuro che qui è ancora più facile che succeda.

    Per quanto riguarda la corruzione, penso che nessun paese al mondo sia libero da questa piaga. Ma l'ultimo paese che dovrebbe tacere su questo è proprio il Brasile, considerando i politici che si ritrova.

    "...se dobbiamo aspettare qq cosa proprio da voi e meglio che restiamo la merda di sempre". Questo passaggio non mi è molto chiaro. Dove restate nella merda? In Brasile? Se il Brasile non ricevesse l'aiuto da tutte le ONG italiane e straniere non ho proprio idea di dove sarebbe adesso. E nessuno può mettere in dubbio che gli italiani non stiano aiutando proprio il tuo popolo. Basta vedere di chi sono le varie organizzazioni umanitarie e capirai di cosa sto parlando.

    E per finire, se no il discorso diventerebbe troppo lungo, guarda che in Italia puoi dire quello che pensi. Avremo tanti difetti ma, grazie a Dio, non abbiamo la dittatura, quindi sei libera di dire quello che vuoi. E' chiaro, cara Lais, che se critichi qualcuno o qualcosa, come faccio io, è poi normale che ti dicano di tornare a casa tua. Non hai idea di quante volte lo abbiano detto a me. Ma questo mi fa cambiare idea? No. Quindi non aver paura di dire quello che pensi. L'importante è avere delle basi solide sulle tue argomentazioni e non dire le cose tanto per dire.

    RispondiElimina
  15. Cara Anonimo(a), sarà che con sai esprimerti bene in italiano, quindi sarebbe meglio che scrivi in portoghese, saresti più chiara, almeno per me e Franco.

    PRIMO la Frida ha chiuso il suo blog? E al resto del mondo cosa importa? Ha preso una decisione e l'ha portata a termine. Nessuno gli ha chiesto di chiuderlo. In Brasile i Blogger li bastonano ed alcuni li uccidono (ma questo è un'altro discorso)

    SECONDO la Frida ha lasciato il lavoro? MENZOGNA, in Italia nessuno può licenziare una donna perché incinta, specialmente se straniera. I sindacati avrebbero rivoltato l'Italia come un calzino. Se devi mentire usa altre motivazioni.

    TERZO lavorava con la Partita IVA? Quindi non era dipendente, ma al massimo collaboratrice, e non si licenzia un collaboratore, semplicemente gli si comunica che bon è più utile all'azienda. Questo è identico in Italia come in Brasile. Informati prima di accusare. Ma poi dici che non è stata licenziata o cacciata, ma lei stessa, autonomamente, nel pieno delle sue facoltà mentali, ha lasciato quell'attività.

    QUARTO Voleva organizzare il lavoro a suo modo, non rispettando la Coordinatrice? Io l'avrei cacciata a calci in culo. Se come titolare pago profumatamente una coordinatrice è perché è lei che decide come organizzare il lavoro, non certamente la collaboratrice esterna con Partita IVA.

    QUINTO colleghi che guadagnavano più di lei. Ma cosa dici? Una collaboratrice guadagna esattamente quanto ha stabilito, unitamente al titolare, al momento di iniziare la collaborazione, se lei ha stabilito un certo guadagno, non può lamentarsi di quello che guadagnano gli altri, anzi, non dovrebbe neppure essere a conoscenza di quanto guadagnano gli altri, questo si chiama VIOLAZIONE DELLA PRIVACY, ed è uguale anche in Brasile.

    SESTO Poi quando scrivi 'come sono i popoli latini' non devi dimenticarti che il Brasile fa parte dei popoli latini, quindi la tua precisazione mi sembra alquanto fuori luogo.

    SETTIMO qui viene la tua frase più bella ,Quindi Gian.... Vedi che non può mencio re il tuo paese che parte subito per le offende ,mente eccccc,ma chi sei tu ????anche perché mi sono rivolta a Franco Vredo che non ti rendi conto di quello che hai scritto. Dove hai trovato una sola parola che OFFENDA? La domanda 'ma chi sei tu?' dimostra la pochezza è ti parifica all'avvocatessa Roberta Sanchez de Castro, proprio lo stesso carattere, la stessa visione della vita. Concludi quindi con 'anche perché mi sono rivolta a Franco' lasciando da intendere che non hai mai sentito parlare di Voltaire e la sua frase Eu desaprovo o que você diz, mas defenderei até a morte o teu direito de dizê-lo'.

    OTTAVO Nella tua ultima parte, quella delle 22:42, ribadendo che non sei chiara, dovresti scrivere nella tua lingua, preciso che l'Italia non è il mio paese, perché in tal caso l'avrei già venduta al miglior offerente, devo concludere che non hai capito il testo del mio intervento, dove ti avevo fatto notare che stavi errando, in modo educato, senza offendere come tu dici, perché la frase Lais Krammer mente spudoratamente e senza vergogna era riferita a quanto avevi lasciato intendere, e quindi non è offensiva.

    Inoltre, credo che con la tua mentalità, qualuneue paese del mondo non ti andrebbe bene, trovi difetti in tutto. In Italia conosco diverse decine di brasiliani che si trovano benissimo, lavorano, hanno aperto attività proprie, una è diventata professora di italiano (ed è tutto dire), hanno figli, alcuni sono coniugati altri non lo sono, ma nessuno ha mai trovato le difficoltà di cui stai parlando.

    Cara amica, ti sei mai chiesta se per caso non sei tu il tuo stesso problema?

    RispondiElimina
  16. OK ,oh capito che voi potete fare le critiche pero guiai se le fanno gli altri cmq .Una volta che hai la partita Iva, e che lavore piu di 2 anni di seguito sempre con la stezza azienda praticamente dovebbre essere assunti pero per tanti motivi non lo fanno ,ricordando che lei era da 3 e se ne andata in maternita e i posti cmq ci sono pero per i motivi che sappiamo hanno detto di no!Anche perche se lei volesse fare causa wow lasciamo perdere ...!cmq succede cari.

    RispondiElimina
  17. E poi esatamente per conosceri i latini dico e proprio la mentalita e cosi e quando che non va bene dicono e cosi lascia perdere che e peggio conosco il discorso!!!e provavo a farla capire .Pensa che e uscito fuori il discorso di quelle che guadagnavano di piu dopo che un collega italiano si e permesso di aprire una busta per controllare la fattura ,caspita abbiamo pensato questo e fuori nienti affatto lui e li e lei no!

    RispondiElimina
  18. E poi Frida non si e mai comportata male ,pero qualche volta faceva le critiche costruttiva non distruttiva quelle che non porta da nessuna parte.Pero dava fastidio e come.... .Cmq caro non sara il mio problema anche perche sono da 2 anni in Italia e tornero fra 6 mesi a Germania.E poi Franco il giro di corruzione delle Ong sono piu loro a guadagnare con o Brasile che vice versa.E poi se mettiamo che anni fa quasi 2 millione /italiani sono venuti in Brasile a matar a fome diciamo che siamo a pari no???Cmq dico a casa mia a casa loro perche e cosi che dicono qua quindi uno inizia a memorizare e poi Franco la cosa piu comica e che dicono venite a fregarti il lavoro.Ma amore non parlate tedesco nem meno inglesi per forza !!!Cmq capisco sempre di piu che sieti cosi intoccabile non si puo fare le critiche e poi raccontavo un fatto !!E poi non penso che il Brasile ,sia da solo corrutto essendo che purtroppo questo cancro e fortissimo sopratutto nei paese latini Italia ,Espanha Portugal ,e poi tutti gli altri della America del Sud.Cmq cari tornero a Germania anche perche siamo venuti per una trasferta di lavoro dal mio marito ma in breve saremmo di volta a Germania e tra 3 anni definitivamente a Brasile:non vi daro piu fastido essendo che non si puo cambiare le idee ,senza una guerra percio fui!
    E poi per aggiungere la felicita ci sono gli aeroporti,io faro cosi.bjos e stato un piacere di constatare che non e solo una impressione.

    RispondiElimina
  19. Il piacere è stato mio, che hai dimostrato un ignoranza immensa e dei preconcetti contro noi italiani che, per fortuna, poche persone hanno. Buona fortuna per la tua vita in Germania.

    RispondiElimina
  20. Purtroppo continui a MENTIRE, perché nessuno ti ha impedito di fare critiche, mentre in Brasile i blog critici vengono chiusi.

    Dove è scritto che uno che lavora con Partita IVA. come la Frida, deve essere assunto? Dimmi la legge, non inventare norme che esistono solo nella tua testa.

    Hai detto bene, quando affermi "per controllare la fattura", e non citi la frase "busta paga". Ossia parli di un collaboratore esterno, come il grossista che consegna la merce al negozio. Può smettere di lavorare per quel negozio, ma non viene licenziato. Ma tu continui a dire licenziamento, anche se non sai di cosa stai parlando.

    Chre Frida non si comportasse male, come tu affermi, e che facesse critiche costruttive non importa a nessuno, visto che lei (TU STESSA LO DICI) ha terminato spontaneamente e volontariamente la collaborazione per tornarsene a casa sua.

    Mentre se parliamo di corruzione, basta citare Mensalão, Cachoeira, Delta, Petrobras e ne abbiamo per i prossimi millenni. Lasciamo perdere questo tasto, è meglio.

    Inoltre non è vero che sei venuta a raccontare un fatto, visto che hai scritto vivendo qui in Italia ho imparato a convivere con tanta falsità. Sei partita in quarta offendendo, mentre sia Franco che io non abbiamo offeso, fino ad ora, ma solo contestato le tue affermazioni, pera'altro tutte inventate. Io neppure credo che questa Frida esista veramente.

    Ma ora devo offenderti, ne ho il diritto e l'obbligo morale, quando scrivi la stronzata più grossa, di cui dovresti vergognarti affermando "E poi se mettiamo che anni fa quasi 2 millione /italiani sono venuti in Brasile a matar a fome diciamo che siamo a pari no??? e qui devo offenderti, con sommo piacere, e dirti che sei profondamente ignorante sulla storia brasiliana oltre che presuntuosa.

    Gli italiani, come i tedeschi e i giapponesi, sono stati CHIAMATI dal Brasile, che doveva sostituire la mano d'opera schiava, dei negri, solo che gli emigranti, una volta giunti in Brasile sono stati sfruttati peggio degli schiavi, prendendo una salario addirittura inferiore.

    Senza gli italiani, i tedeschi e i giapponesi, oggi, il Brasile sarebbe in condizioni peggiori del Burkina Faso. Studia la storia del tuo paese, così eviti di fare le figura dell'ignorante diplomata.

    RispondiElimina
  21. Gli "italiani" ti fa male, e ti sorride in faccia con sguardo accattivante.
    È impressionante...

    RispondiElimina
  22. Questo ultimo commento non l'ho capito :(

    RispondiElimina
  23. vogleva diri che ci sono persona che non se deve fidarsi per un bello sorriso. qui in italia,trovo che ci sono tanti scusa la sinceritàa.....

    RispondiElimina
  24. Concordo, caro Anonimo. Anche in Italia ci sono persone che davanti ti sorrido ma dietro alle spalle ti vogliono male. Ma penso che sia così in tutti i Paesi. Sono convinto che, anche se andassi in una piccola isola della Polinesia o sulle montagne del Tibet, troverei persone false e cattive.

    Ma pensa una cosa: qui in Brasile sono tutti gentili e sorridenti, sempre. Pensi davvero che siano tutti così "buoni" come sembrano o credi che, dentro di loro, non siano falsi e cattivi come quelli che hai trovato tu in Italia?

    RispondiElimina

  25. Aiii Franco non ci pensare nemmeno a chiudere!!! Hai creato un blog davvero unico e fa piacere incontrare qualcuno che dice esattamente quello che pensa.
    Per carità non mi permetto di entrare nelle tue questioni familiari ma sarebbe davvero un peccato chiudere...potresti però...cercare qualche collaboratore che scriva articoli qui insieme a te così se a qualcuno della tua famiglia non piace quello che trova scritto puoi sempre dire che è stato l' "altro" a scriverlo!!!

    RispondiElimina
  26. Cara Silvi, puoi stare tranquilla: non ho nessuna intenzione di chiudere questo blog. Come vedi però sto scrivendo molto meno, e questo è dovuto a tanti motivi: per la tranquillità familiare, per il poco tempo e per la mancanza di notizie o argomenti interessanti.

    Per quanto riguarda la tua idea, ti posso dire che l'ho avuta fin dall'inizio. Infatti pensavo di scrivere questo blog insieme a mia moglie, lei parlando dell'Italia e io del Brasile. Ma evidentemente abbiamo interessi diversi.

    Ti ringrazio tantissimo per i complimenti per quello che faccio e quello che sono. Un grande abbraccio!

    RispondiElimina
  27. Franco mi piace molto il modo in cui comunichi ,sei schietto ma non offensivo e le tue argomentazioni sono solide.
    E da un pò che mi chiedevo, visto che una mia amica ha diverse amiche/i ovviamente brasiliane/i ,come fanno ad essere sempre così sorridenti.O hanno trovato non sò tutti l'illuminazione spirituale :-) o é solo una facciata,fra l'altro curano moltissimo i denti da adulti con apparechi ortodontici e questa è una cosa ottima,esibiscono sorrisi smaglianti tutti e sempre.Ma com'è possibile io non capisco ?????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il motivo di tali sorrisi non é legato a una forma di spiritualità, ma a un modo di vivere proprio dei paesi tropicali. Basta non prendersela troppo per quello che succede e non preoccuparsi dei problemi. D'altronde qui "fazer o que" é diventato come un inno nazionale.

      Ti ringrazio moltissimo per i complimenti che mi hai fatto. Siccome ricevo piú insulti che elogi, quando qualcuno parla bene di me mi sboccia un sorriso degno del miglior brasiliano, che tra l'altro, come hai detto tu, hanno una cura della persona da far invidia a Narciso!

      Un abbraccio.

      Elimina