Adbox

martedì 12 ottobre 2010

Arrivederci Italia!


Qualche tempo fa la rivista americana Time ha pubblicato un articolo sulla “fuga di cervelli” che avviene ogni anno in Italia, cioè sul triste fatto che moltissimi giovani sono costretti a cercarsi un lavoro all’estero per il semplice motivo che in Italia non vengono presi in seria considerazione.

Già in un altro post avevo trattato questo argomento, e questo nuovo articolo non può far altro che sottolineare quanto sia vera questa triste situazione. Quindi per tutti quelli che ancora adesso pensano di andare in Italia per farsi un futuro… be’, forse non è proprio il posto adatto.

Riporto qui alcune parti di tale articolo, ma considerando il mio pessimo inglese è meglio che, a chi interessa, vada a leggere direttamente dal sito (l’articolo completo lo trovate qui).

“… I motivi degli abbandoni non sono cambiati molto da quando l'ultima ondata di emigranti sbarcava in America per fare la loro fortuna più di un secolo fa. Ma questa volta, invece di contadini e lavoratori manuali l'Italia sta perdendo i suoi migliori e più brillanti giovani laureati per colpa di un decennio di stagnazione economica, di un mercato del lavoro congelato e di un sistema radicato di clientelismo e nepotismo.

… Prendete Luca Vigliero, un architetto di 31 anni. Dopo la laurea presso l'Università di Genova nel 2006 e non riuscendo a trovare un lavoro soddisfacente in Italia, si trasferisce all'estero, lavorando prima per un anno presso l'ufficio “Rem Koolhaas for Metropolitan Architecture di Rotterdam” e quindi di accettare un lavoro a Dubai nel 2007. In Italia, il suo curriculum non aveva tratto alcun interesse!. A Dubai fu rapidamente promosso. Ora lui sovrintende un team di sette persone. "Sto lavorando a progetti per i musei, ville, centri culturali, master plan," dice. "Ho una carriera". La fuga dall’Italia ha anche permesso a Vigliero di accelerare i suoi piani di vita. Lui e sua moglie hanno avuto un figlio nel mese di settembre. Se fossero rimasti in Italia, dice che non sarebbe stato in grado di permettersi i bambini presto. "Tutti i miei amici in Italia non sono sposati, hanno davvero il lavoro di base, vivono con loro genitori," dice. "Qui, c'è un futuro,ogni anno qualcosa succede. Nuovi piani, nuovi progetti. In Italia non c'è vento, tutto è fermo."

… Gli italiani senza formazione universitaria ottengono spesso un lavoro lavorando in nero, facendo ogni sorta di lavoro. Ma laureati - o più in generale, quelli con aspirazioni più alte – serve molto più tempo per trovare un lavoro che si adatta alle loro qualifiche. Il tasso di disoccupazione tra i laureati italiani con età 25-29 è del 14%, più del doppio del resto d'Europa e molto superiore a quella dei loro coetanei meno istruita.

… Gli italiani hanno una parola per il problema: gerontocrazia, o la regola da parte degli anziani. molta dell’economia è orientata verso la cura degli anziani. Mentre il paese spende relativamente poco per l'edilizia abitativa, la disoccupazione e la cura dei figli ha mantenuto alcune delle pensioni più elevate in Europa. Questo squilibrio si estende nel settore privato, dove le gilde nazionale e una cultura radicata di anzianità hanno messo i lavori migliori fuori portata dai giovani.

… L'Italia ha sempre sofferto sotto un sistema gerarchico, con i giovani che vengono rinviati ai posti di comando fino a quando è il loro momento di prendere le redini. "Non sono considerati esperti, sulla base di curriculum vitae, sulla sua capacità o in base alle tue capacità, ma solo sulla base di età," dice Federico Soldani, 37 anni, un epidemiologo che ha lasciato Pisa nel 2000 e ora lavora a Washington, DC, per la Food and Drug Administration. "Quando sei sotto i 40, sei considerato giovane.”

… Il sistema ha funzionato - in una certa misura - fino a quando l'economia era in crescita… Ma con la crisi esteso il mercato del lavoro si è fermato. Alcune professioni - come la posizione lucrativa del notaio - è così limitata che il lavoro è diventato quasi ereditario. In un Paese in cui è costruito il successo sui rapporti e di anzianità, solo gli amici ei figli delle elite hanno la possibilità di arrivare al successo.

… Per il resto, vuol dire che di posti di lavoro sono scarsi, sottopagati e senza responsabilità. Quando Filippo Scognamiglio, 29 anni, segretario della Associazione Italiana MBA NOVA, confrontando le retribuzioni nette per la stessa posizione negli Stati Uniti e in Italia, ha rilevato che un italiano con un MBA (Master of Business Administration) che ha scelto di rimanere a Italia guadagna solo il 58% di quello che avrebbe guadagnato all’estero. "È più facile per avere successo negli Stati Uniti se hai il talento e la voglia di mettere nello sforzo di quanto non sia nel mio paese," dice. Ma non è solo pagare meglio che attira giovani emigrati italiani: è anche l'occasione per sfuggire a posti di lavoro noiosi che coinvolgono compiti principalmente meccanici e la progressione di carriera appiattita. "Se sei giovane in Italia, sei un problema, in altri paesi, si è visto come una risorsa", afferma Simone Bartolini, 29 anni, copywriter creativo a Sydney. Lasciò Roma nel 2007, a seguito di un cambiamento di gestione alla sua ditta di pubblicità. "Ogni mia idea veiva respinta», dice Bartolini. "Tutto è stato un no. Appena ho commesso un errore, sono stato sotto la luce". In confronto in Australia, dove Bartolini ha lanciato una carriera di successo, in Italia semplicemente non sapevano che farsene della sua perona. "Hanno bisogno di esecutori", spiega Bartolini. "Non hanno bisogno di pensatori".

… Così il paese è intrappolato in un circolo vizioso. Silvia Sartori, 31 anni, ha cercato il ritorno a Treviso, dopo aver lavorato in Asia per quattro anni. Dopo un anno di inutile ricerca di lavoro, tornò in Cina, dove ora gestisce 3 milioni di dollari di sovvenzione della Commissione europea per la costruzione di verde. "E 'qualcosa in Italia non avrei mai potuto fare, a meno che non avessi 45 anni efossi la figlia di qualcuno importante o la sua amante," dice. "Ho dato l'Italia una seconda possibilità", dice. "Hanno bruciato".

Cosa poter aggiungere? Questo è uno dei motivi che mi hanno portato in Brasile: qui ho una seconda possibilità di fare qualcosa. Qui posso migliorare. In Italia no.
Show comments
Hide comments

2 commenti:

  1. oi franco sou leitora assidua do teu site.Gosto muitissimo,parabens.Sou brasileira convivente de um italiano e atualmente estamos na italia,mas nao vejo a hora de voltar ao meu Brasil e dessa vez levo ele comigo.lendo o seu artigo acima confirmei so mais umas das minhas quase certezas;que na italia nao tem trabalho.Meu companheiro tem as mesmas dificuldades ainda se nao e formado.sai de casa as 4.30 da manha faz 180km pra chegar ao trabalho depois mais 180km pra retornar a casa as 18:30hs da noite,morto.E esse e o unico trabalho que tem aqui da nossa parte.Ganha 45 Euros por dia de trabalho.Ai eu pergunto qual futuro tem aqui pra quem quer ao menos construir uma familia?Tenho uma curiosidade Franco,voce esta gostando do Brasil ou sei arrependido?Obrigado.un saluto a tutti.

    RispondiElimina
  2. Carissima... (non so il tuo nome)
    sono molto contento che ti piaccia il mio blog e che lo segui spesso.
    Mi dispiace molto per la vostra situazione ma purtroppo ormai é comune a molte altre. E riesco a capire che prima di costruire una famiglia in quelle condizioni é meglio pensarci bene.
    Io tutto sommato sono stato fortunato perché qui ho trovato persone che mi hanno aiutato molto. Ora io lavoro, guadagno circa 1.000 R$ al mese e posso anche pagare i contributi per la pensione.
    Certo, la vita non é facile nemmeno qui, ma perlomeno qui riescono a vivere insieme a mia moglie e mia figlia. In Italia col mio solo stipendio non potevo.
    Vuoi sapere se sono pentito di venire in Brasile? No, non lo sono, perché vedo che qui si sta meglio che in Italia. É certo peró che le differenze di cultura e di abitudini sono immense, e non é sempre facile accettare tutto. Peró so di aver fatto la cosa giusta.
    Um abraço!

    RispondiElimina