Il sito utilizza cookie di Google e di altri provider per erogare i servizi e per analizzare il traffico. Il tuo indirizzo IP e il tuo agente utente sono condivisi con Google, con le metriche su prestazioni e su sicurezza, per la qualità del servizio, generare statistiche e rilevare e contrastare abusi. Navigando nel blog accetti l\47uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR.
Adbox

lunedì 30 luglio 2012

Lula migliore di Steve Jobs


Qui in Brasile esistono molti bravi attori comici. Potremmo parlare iniziando da Chico Anísio, morto purtroppo nel marzo di quest’anno, o di Renato Aragão, in arte Didi, o Bruno Mazzeo, o tanti altri giovani e meno giovani, famosi o appena conosciuti. La lista è veramente lunga.

Ma un comico che a mio parere supera tutti non è un attore, ma bensì un politico e ex-presidente. Si, stiamo parlando proprio di lui, Luiz Inácio Lula da Silva, o Lula il Mollusco, come più preferite.

Non ci credete? Allora torniamo un attimo indietro nel tempo, nel lontano 2011. In un mercoledì del 4 maggio, durante una cena nel lussuoso buffet Fasano di São Paulo, il nostro amato commediante, davanti a un pubblico di banchieri e importanti invitati della Bank of America/Merrill Lynch, nella sua quarta conferenza a pagamento, avendo come tema… nulla, ha esternato affermazioni tipo:

“Wall Street não gosta de mim, mas o chefe deles gosta” (Wall Street ha un capo?)

“Tem que falar português em aeroporto americano, eles têm que entender o que a gente fala” (evidentemente il portoghese brasiliano è diventata una lingua universale, migliore dell’esperanto)
A alta da inflação no Brasil não tem causas estruturais. É um fenômeno passageiro, com causas externas, e será revertido graças à ação decidida do governo e da sociedade. A presidenta Dilma já tomou medidas” (questa è veramente bella!)

Ma il massimo della comicità avvenne quando Lula declarò, senza falsa modestia:
"Quando peguei esse País, só tinha miserável. E eu, operário sem um dedo, fiz mais que o Bill Gates, Steve Jobs e esses aí".

Cosa dire davanti a queste affermazioni? E cosa poteva dire Thomas Montag, presidente della Global Banking della Bank of America, e gli altri illustri invitati. Evidentemente fare il comico in Brasile rende bene, perché a Lula hanno pagato 250 mila dollari per sentire queste frasi. Penso che neanche il grande Chico Anisio poteva immaginare, nella sua fertile mente, simili assurdità.

Ma con Lula e Co. tutto è possibile.

Nessun commento:

Posta un commento

top navigation