Adbox

lunedì 17 maggio 2010

E poi parlano male dei carabinieri…


Scusatemi, ma questa la devo raccontare.

Giovedì scorso una donna di Salto, città dello Stato di Sao Paulo, è andata alla banca per prelevare 3.500 R$. Uscita dalla banca è andata al posto di polizia per fare una denuncia di un cellulare clonato. Mentre era dentro la delegacia (dentro, badate bene) un ragazzo è entrato e, armato di una pistola, ha minacciato la donna di dargli la borsa con i soldi. Già qui è strano, perché come faceva sapere questa persona che lei aveva i soldi non è chiara, ma non è la prima volta che succede, per questo qui in Brasile bisogna stare molto attenti a quando si esce dalla banca, perché è facile essere derubati, come se qualcuno dicesse ai ladri chi ha prelevato i soldi. Ma andiamo avanti con nostra storia.

Come ho detto questo ragazzo è entrato armato in un posto di polizia e ha cercato di rubare i soldi di questa donna, mentre un suo complice aspettava fuori dalla porta. Questa donna, con coraggio, ha cercato di bloccare in qualche modo questo rapinatore e come tentativo lanciò la propria borsa dietro il bancone della polizia, dove c’erano una poliziotta e altre due persone. Questo giovane, senza intimorirsi, ha saltato dall’altro lato del bancone, ha preso la borsa ed è fuggito fuori. Ora potete immaginare le grida e la confusione che si era creata in quella piccola delegacia, ma pensate che qualche poliziotto abbia fatto qualcosa? Nessuno ha mosso un dito, affermando che pensavano che fosse un litigio tra marito e moglie (!). Ma anche se fosse stato così penso che avrebbero dovuto fare qualcosa, o no?

Ma non è finita.

Qualche giorno dopo, sabato 15, la polizia locale insieme ad altri dipartimenti ha organizzato una vasta ricerca con più di 100 uomini (!) per trovare i due rapinatori. Ovviamente per salvarsi la faccia. E ovviamente non li hanno trovati.

Ma non è ancora finita!

Questa mattina, quando l’impiegata è andata per aprire il posto di polizia (perché alla sera dopo un certo orario la polizia chiude e tutti vanno a casa!) ha trovato la porta scassinata, i vetri dell’edificio rotti e le sale all’interno devastate. Non si conoscono bene i danni perché non hanno fatto entrare i giornalisti, ma in ogni caso qualcuno di notte è entrato e ha distrutto e rovinato quasi tutto.

E’ proprio il caso di dire dopo il danno la beffa, perché a mio parere è stata proprio un’azione per deridere la polizia locale.

Ora io non voglio fare commenti su questo fatto, ma una cosa è certa: non andrò mai ad abitare a Salto, perché se è questa la sicurezza che la polizia sa dare…

Show comments
Hide comments

1 commento:

  1. Non ho parole sinceramente...

    E pensare che con me la polizia (di São Paulo) é stata a dir poco "scortese" quando mi hanno minacciato per strada con un coltello e rubato due cellulari e soldi. Proprio la polizia non riesce a comportarsi da organo federativo di tutela del cittadino.

    RispondiElimina