Adbox

martedì 16 febbraio 2010

O Samba


Il carnevale qui è praticamente finito e i brasiliani stanno piano piano tornando alla vita normale di sempre.

Il carnevale, oltre a essere una delle maggiori feste del Brasile, viene anche associato al Samba, grazie alle manifestazioni, famose in tutto il mondo,  delle scuole di samba di Rio, Sao Paulo o Salvador di Bahia.

Ma cos’è il Samba?

Il Samba (non LA Samba come siamo abituati a dire) è un genere musicale, da cui deriva anche un ballo, sorto in Brasile verso la fine del XIX secolo e di chiare origini africane.  Pur esistendo in tutto il Paese con diversi ritmi , specialmente a Bahia, Maranhao, Minas Gerais e São Paulo, il Samba è una espressione musicale tipica di Rio de Janeiro, dove di fatto è nato e sviluppato. Fu proprio a Rio che questo ballo praticato dagli ex-schiavi emigrati da Bahia entrò in contatto con gli altri generi musicali come la polka, il tango e ritmi minori come il maxixe e il lundu. Nel 1917 fu inciso quello che viene considerato il primo Samba: “Pelo Telefone” di Ernesto dos Santos e Mauro de Almedia. Da quel momento il Samba iniziò a espandersi in tutto il paese acquistando una propria nicchia nel mercato musicale.

Pur essendo una derivazione del Samba, altre forme musicali guadagnarono una propria denominazione, come il samba de gafieira, il samba enredo, il samba de breque, il samba-canção, il samba-rock, il partido alto e il pagode. Nel 2007 il IPHAN (Instituto do Patrimônio Histórico e Artístico Nacional) dichiarò il Samba Patrimonio Culturale del Brasile. Oltre ad essere il genere più popolare di questo Paese il Samba è molto conosciuto anche all’estero associato, insieme al calcio e al carnevale, al Brasile. Ora un po’ di storia.

Nel 1896 nello Stato di Bahia ci fu una sanguinosa guerra tra l’esercito della repubblica appena formata e un movimento popolare ideato da Antonio Conselheiro. Questa guerra, conosciuta come Guerra de Canudos, terminò il 5 novembre del 1897 con la totale distruzione dei “ribelli”. Gli ex-soldati di questa guerra iniziarono a popolare i vari morros (colline) dei dintorni di Rio creando così le prima favelas. Proprio da queste favelas, come Mangueira, Salgueiro e São Carlos, si sviluppò il Samba come lo conosciamo noi mentre la prima scuola di Samba sorse nel bairro di Estácio de Sá nel 1928. Rimanendo in tema, le scuole di samba non sono solo luoghi di ritrovo ma sono una equipe di tecnici, coreografi, storici, ballerini, scultori e artisti di ogni genere che nel corso dell’anno preparano la sfilata di carnevale. Inoltre si occupano dei bisogni degli abitanti del quartiere, come la istruzione o la assistenza sanitaria. Non sono quindi delle semplici organizzazioni di spettacolo come molti potrebbero pensare.

A partire del 1930 il samba divenne sempre più conosciuto in tutto il Brasile grazie anche alla radio che promuoveva canzoni di Noel Rosa, Ary Barroso, Lamartine Babo e Braguinha. Sempre in quel periodo Carmen Miranda proiettò il samba a livello internazionale grazie al cinema. Nel 1950 invece nacque la bossa nova, unendo il ritmo del samba insieme a quello del jazz. Il samba continuò a evolversi fino ai giorni nostri creando nel 1980 il pagode e negli anni 90 il samba-rap.

Una considerazione: la musica brasiliana è una delle più diversificate al mondo. In special modo  il samba, che è un genere musicale ampio e complesso. Proprio questa sua grande diversità rese difficile l’imposizione nel proprio paese d’origine di un sistema unico di musica popolare, il cosiddetto POP, come invece è successo nel resto del mondo. Universalmente diffuso attraverso di dischi, radio, tv e video, la musica pop è una produzione industriale che privilegia la forma esteriore al contenuto e viene creata per arrivare al massimo del successo in poco tempo e rimanere in vetta fino alla sostituzione della prossima canzone Pop. Attraverso questo sistema l’industria di intrattenimento rifiuta le differenze e lavora per stabile un linguaggio unico di musica popolare. Proprio per questi motivi le grandi aziende internazionali discografiche ignorano o desqualificano il samba.

Bene, ho cercato di spiegare in poche parole cos’è il samba. Spero di esserci riuscito e di aver provocato in alcuni di voi un minimo di curiosità per approfondire il tema.

Franco

Nessun commento:

Posta un commento