Adbox

venerdì 2 settembre 2016

Brasile e Fotografia - Comprare all'estero


Eccoci all’ultima parte di questa serie di articoli sulla fotografia. Oggi parleremo sull’acquisto all’estero, inteso come acquistare un prodotto in un negozio online americano o europeo.

Chi ha seguito questi articoli avrà alla fine capito due cose:

a.       a. Non tutti i prodotti, comunemente commercializzati all’estero, sono disponibili in Brasile.
     b.  I prezzi nei negozi brasiliani sono notevolmente più cari di quelli europei o americani.

Quindi la soluzione sarebbe comprare all’estero. Peccato che non sia semplice, a volte impossibile, e per nulla conveniente. Ma vediamo il perché.

Prima di tutto il cambio non aiuta molto. Alla data di oggi il Dollaro vale R$ 3,26 e l’Euro R$ 3,66. Questo vuol dire che se un prodotto mi costa $ 100,00 o € 100,00 io lo pagherei R$ 326,00 o R$ 360,00. Ma fin qui ci arriviamo tutti. Il problema è che già a questo punto, moltiplicando il valore per tre o anche di più, il nostro acquisto non diventa così tanto conveniente. In ogni caso sarebbe già un risparmio confronto al prezzo di un negozio brasiliano.

Ma anche se decidessimo di comprare all’estero sorgono due grandi problemi.

Il primo è che nessun negozio italiano spedisce in Brasile. Può trattarsi di un vestito di Armani, una macchina fotografica o la mozzarella di bufala campana, ma non troverete un solo negozio o azienda che possa inviare il vostro desiderato oggetto di desiderio qui in Brasile.

E voi direte: “E chi se me frega! Io lo vado comprare negli Stati Uniti”. Anche qui, meraviglia delle meraviglie, la maggior parte dei negozi online americani, molti articoli tecnologici, come computer, fotocamere o cellulari, non li inviano in Brasile. Non ci credete vero? Facciamo alcuni esempi.

Immaginiamo che vogliate comprare una Nikon D750. Abbiamo visto che da Walmart in Brasile mi costa poco più di R$ 10.000. Amazon la vende per $ 1.996,95.



Facendo la conversione in Real mi verrebbe a costare oggi R$ 6.510,06. Sono tanti soldi, ma in ogni caso è quasi la metá di quello che paghereste da Walmart. Quindi decidete di comprare quest’articolo, lo aggiungete nel carrello, inserite i vostri dati e l’indirizzo brasiliano e a questo punto vi comparirà un messaggio dicendo che non può spedire in Brasile perché:

·          Amazon may be restricted from shipping to your country due to government import/export requirements.Amazon may be restricted from shipping to your country or location due to manufacturer restrictions or warranty issues.

In poche parole il governo brasiliano pone delle forti limitazioni sui prodotti importati, o come direbbero a Oxford, siete fottuti!

Lo stesso succede con altri negozi online come Adorama e B&H Photo, forse i più grandi negozi online americani di fotografia. Se andate a vedere il sito di Adorama notereste che loro possono inviare i loro prodotti nel Burundi ma non in Brasile, e questo è a dir poco assurdo.

Ma immaginiamo di trovare un negozio che possa inviare in Brasile. Qui sorge forse il più grande problema, cioè le tasse d’importazione.

Su ogni prodotto comprato all’estero il Brasile applica una tassa di valore X, che varia da prodotto a prodotto. Nel caso il valore sia superiore a $ 500,00 viene applicata una tassa pari al 50% sul valore che eccede. Facciamo un esempio: se il prodotto costa $ 800 dovrete aggiungere il 50% sopra i $ 300 che eccedono. In questo caso sarebbero $ 150. Quindi il prezzo non sarã più di $ 800 ma di $ 950. Come se non bastasse a questo dovrete aggiungere il 60% sul prezzo di vendita ($ 800). Quindi il prezzo finale sarà di 800+150+480= 1430! Ricapitoliamo: voi partite da un prezzo di vendita di 800 dollari, ma a voi, che avete la “fortuna” di vivere in Brasile, vi costerà 1.430 dollari, che moltiplicati per 3,26 fa R$ 4.661,80. Bello vero?

Io lo so che non mi credete, pensate che stia esagerando o sbagliando qualcosa. Allora fate cosi: andate nel sito di Tributado.


È un sito brasiliano dove si può calcolare le tasse e il valore finale di un determinato prodotto acquistabile all’estero. Immaginiamo che vogliate comprare quella bella Nikon D750 che abbiamo visto su Amazon. Sappiamo che non possono inviarla in Brasile, ma è solo un esempio. Le spese di spedizione si aggirano intorno ai 70 dollari.  Il sito già inserisce il valore attuale di Dollaro, Euro e Sterlina. Quindi impostiamo prima il metodo di spedizione, Posta o Corriere, poi lo Stato di destinazione (nel mio caso SP). Poi andiamo nella parte di destra e inseriamo il prezzo di vendita (1996,95) e il costo di spedizione (50). Vediamo che mi calcola già il valore in Reais, 6652,59. Sotto troviamo le tasse da pagare, che in questo caso corrispondono a R$ 3991,55. 

Totale R$ 10.644,14! 

Praticamente lo stesso prezzo che trovo in Brasile.


Quindi caro il mio fotografo, possiamo dire senza ombra di dubbio che hai scelto il paese sbagliato per esercitare questa professione. Ma la colpa di chi è? Di sicuro non dei brasiliani, ma di questo governo che preferisce mantenere un mercato totalmente chiuso a scapito di noi poveri consumatori. Evidentemente a loro, a chi comanda, sta bene così.

Nessun commento:

Posta un commento