Adbox

sabato 7 maggio 2016

L'Italia non é più degli italiani


Chi segue il mio blog sa che non sono un "fan" del Brasile e che l'Italia rimarrà per sempre il paese del mio cuore. Peró le cose stanno cambiando. È molto tempo che manco dal mio paese ma da quello che leggo non lo riconosco piú. Quando anni fa me ne andai il problema maggiore era il lavoro, che giá a quei tempi (parliamo del 2009) era calato moltissimo. In questi anni non mi sembra che le cose siano cambiate, la crisi c'é sempre e il lavoro sempre meno. Il problema é che sono peggiorate altre cose. Tutti noi sappiamo che l'Italia é forse il paese europeo dove i profughi vengono piú aiutati e accolti. E penso che tutti noi siamo consapevoli che queste migliaia di persone, che ogni anno sbarcano in Italia, hanno un reale bisogno di aiuto. Peró mi sembra che ora stiamo un po' esagerando. 

Tanto per fare un esempio, é di poco tempo fa la notizia che nel centro accoglienza di Reggio Emilia ci sia stata quella che venne definita la "rivolta della pastasciutta". In pratica un gruppo di nigeriani si sono rivoltati per il menù non adatto alle loro tradizioni e per la scarsa qualitá del cibo. C'é chi si é lamentato per non avere mai il riso ma solo la pasta, chi vorrebbe invece un piatto di spaghetti, chi dice che la pasta é troppo dura o che nel riso c'é troppa acqua (il classico concetto della pasta al dente e del risotto), ecc. Tanto che alla fine il centro di accoglienza ha deciso di assumere un cuoco pachistano in modo da assecondare i gusti di questi rifugiati. «È uno schiaffo a tutti i cittadini reggiani che devono affrontare la crisi in silenzio – ha commentato il commissario della Lega Nord reggiana, Matteo Melato – dato che lo Stato italiano per loro non prevede nulla. Persone che in teoria scappano dalla guerra non dovrebbero avere di questi problemi, anzi, dovrebbero ringraziare il Paese che li ospita». Come si puó obiettare tale affermazione?

Ma quello di Reggio Emilia non é un caso isolato. Nel centro di Pozzallo, in provincia di Ragusa, é la stessa situazione. Pasta, carne e frutta: tutto pagato dai contribuenti, tutto finito tra i rifiuti. Uno spreco su cui è già stata aperta un'inchiesta amministrativa interna alla struttura. E qui è scesa in campo Marialucia Lorefice, del Movimento 5 Stelle. Non perché sanamente imbarazzata dallo spreco, bensì sulla dieta a cui sarebbero "obbligati" gli stranieri. "Sebbene quelli offerti rispondono alle caratteristiche dieta mediterranea, la migliore, i migranti provengo da zone in cui sono abituati a nutrirsi di cose ben diverse. Questo significa che anche la semplice pasta diventa per loro un problema. Non riescono a digerirla". Non solo. A suo dire il problema si porrebbe anche per la carne che i musulmani non possono mangiare. Per tutelare "le tradizioni religiose" degli islamici, la Lorefice ha addirittura mobilitato la prefettura di Ragusa e il Viminale. Al ministro dell'Interno Angelino Alfano è stato chiesto di estendere le linee di indirizzo nazionale per la ristorazione scolastica e di "modificare gli orari di distribuzione dei pasti, conseguentemente a particolari periodi di preghiera come quello attuale del ramadan". 

Tutto questo (e badate che ho solo parlato alimentazione) é a mio parere assurdo. Aiutare le persone bisognose é un nostro diritto e una cosa positiva, ma arrivare a questo punto no. Forse l'idea austriaca di costruire una barriera al Passo del Brennero e limitare l'entrata dei profughi non é poi cosí sbagliata. In un paese come il nostro, con i nostri problemi, dove il livello di povertá inizia a fare paura, penso che sarebbe meglio pensare prima ai nostri italiani e dopo, solo dopo, fare tutto il possibile per chi sta peggio di noi, ammesso che ci sia.

Per spiegare quanto sia assurdo questo Paese proviamo a raccontare una favola, con tanto di morale. Le protagoniste sono due donne, entrambe avanti con gli anni. La prima signora è nata in Italia, ha lavorato e pagato i contributi qui. Poi è andata in pensione e dopo qualche tempo si è trasferita all’estero. Per la precisione ad Hammamet, in Tunisia, dove la vita costa meno, e i bassi prezzi le consentono di sopravvivere più dignitosamente di quanto il suo risicato assegno mensile le permetterebbe di fare in Italia. Tra l’altro questa donna, quando deve farsi curare, si rivolge alla sanità tunisina, dunque non grava sulle casse pubbliche italiane. Eppure – notizia di pochi giorni fa – il presidente dell’Inps Tito Boeri, per raschiare il fondo del barile, vorrebbe tagliare la pensione della nostra nonnina, e di tanti altri nelle sue condizioni.

Poi c’è la seconda signora. Ha 65 anni, è nata ad Hammamet, non ha mai vissuto in Italia e non ha versato un euro di contributi nel nostro Paese. Un bel giorno ha deciso di trasferisi nella Penisola, e lo ha fatto regolarmente, perché suo figlio (a sua volta emigrato qui anni prima) ha fatto richiesta di ricongiungimento familiare. Bene, questa signora ha la possibilità di ricevere dallo Stato italiano una pensione di circa 450 euro al mese. Ed ecco la morale: l’italiana che vive all’estero viene mazziata. La straniera che si trasferisce in Italia viene gentilmente omaggiata di un assegno.

Come è possibile? Lo spiega il sito dell’Inps: grazie all’«assegno sociale», quello che una volta si chiamava «pensione sociale». Possono farne richiesta gli stranieri extracomunitari, lavoratori e non. Ne hanno diritto per loro stessi, ma soprattutto possono richiederlo per i loro parenti, e qui sta l’assurdità maggiore.

Nei fatti, un immigrato, per avere l’assegno, deve aver compiuto «65 anni e 3 mesi di età» e trovarsi in uno «stato di bisogno economico». Poi, gli basta avere un famigliare che sia titolare del «permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo» e abbia «residenza effettiva, stabile e continuativa per almeno 10 anni nel territorio nazionale». Rispettate queste condizioni, il gioco è fatto: lo Stato gli elargirà una pensione di 448,51 euro mensili per 13 mensilità (cifra aggiornata a inizio 2015). Più o meno è l’importo di una pensione minima di un lavoratore italiano. Solo che lo straniero non ha lavorato né versato contributi qui.
Non solo: grazie alla Fornero, gli italiani ora vanno in pensione a 66 anni e 3 mesi. Gli stranieri, invece, possono ricevere i soldi un anno prima. Riepilogando: un immigrato, tramite il ricongiungimento, può far venire in Italia i suoi parenti (per esempio i suoi genitori). Costoro ottengono la residenza e in breve tempo possono avere la pensione sociale, anche se non hanno pagato un centesimo di contributi.


L’anno scorso, gli stranieri over 65 che hanno ricevuto l’assegno sociale sono stati 55.930, per una spesa totale di 327 milioni e 190 mila euro. Una cifra altissima, se si tiene conto che viene elargita a gente che non ha contribuito in alcun modo al benessere del nostro Paese. Una cifra vergognosa, se si pensa che molte delle persone beneficiarie dell’assegno sociale non risiedono nemmeno qui, bensì nei loro Paesi d’origine.

In teoria, la legge pone una condizione: chi riceve la pensione non può trascorre più di un mese fuori dall’Italia, pena la sospensione (e dopo un anno di assenza, dovrebbe scattare la revoca). Ma qui entrano in gioco le truffe vere e proprie. Le forze dell’ordine ne hanno smascherate una marea un po’ ovunque, dal Piemonte all’Emilia, dal Veneto al Friuli al Lazio. Funzionano tutte allo stesso modo: gli immigrati fanno il ricongiungimento famigliare, i parenti arrivano, richiedono la pensione sociale, la ottengono e poi se ne tornano a casa, dove campano con agiatezza, indisturbati. Un esempio concreto è quello raccontato da Cristina Scanu, giornalista de La Gabbia, su La7. A Montesilvano (Pescara), una donna ucraina è stata arrestata pochi mesi fa perché gestiva un giro di prostituzione parecchio redditizio. Costei – grazie al ricongiungimento famigliare – aveva fatto ottenere l’assegno sociale ai suoi genitori. Appena ricevuta la pensione, i due hanno fatto rientro in Ucraina e nessuno se n’è accorto. Perché l’Inps, semplicemente, non ha gli strumenti per controllare. Risultato: i genitori della donna hanno incassato – dal 2008 al 2015 – quasi 69mila euro dei contribuenti italiani. Non solo elargiamo soldi agli stranieri che potrebbero farsi mantenere dai loro Paesi, ma ci facciamo pure truffare. Gli italiani vengono esodati, gli immigrati mantenuti. Fine della favola.

Fonte: tuttonews360

Nessun commento:

Posta un commento