Adbox

giovedì 18 dicembre 2014

Os brasileiros não somos cordiais


Ho sempre pensato che il livello di violenza qui in Brasile non sia dovuto solo alla povertá o a un basso livello di vita. È vero che questi fattori, insieme all'ignoranza, aumentano considerevolmente azioni criminali, ma ci deve essere qualcosa di piú, di diverso, che rende questo paese uno tra i piú pericolosi al mondo. Le Leggi brasiliane non aiutano certo a diminuire certi crimini. Anzi, il piú delle volte sembra che facciano di tutto per proteggere chi commette tali atti, non chi li subisce. ma forse, come suggerisce questo professore brasiliano, c'é qualcosa proprio dentro i brasiliani che provoca in loro certe azioni.

Por que somos tão violentos?

Alexandre Andrada, Professor da UnB e Doutor em Economia pela USP

 



Laura Gelbert apresentou no Brasil Post o resumo de alguns relatórios da ONU que apontam a quantidade absurda de pessoas que são assassinadas no Brasil anualmente. Segundo os dados, de cada 100 pessoas assassinadas em todo o mundo no ano de 2012, 10 eram brasileiras. Foram 47 mil almas. Algo assustador. É comum se lembrar que durante toda a guerra do Vietnã (1955-1975) morreram 50 mil soldados americanos. 

E não apenas esse número é estarrecedor, como também eles têm piorado em termos absolutos e proporcionais. No início dos anos 1980 ocorriam por volta de 15 homicídios para cada 100 mil habitantes. No início dos anos 1990 essa taxa passou para 22,6, depois para 27,8 em 2000, recuando para 27,1 em 2009. Ou seja, no espaço de 30 anos a taxa de homicídios quase dobrou no Brasil.
Quando olhamos para os dados estaduais a coisa se torna ainda mais tenebrosa. Em Alagoas, o estado mais violento do Brasil, a taxa observada em 2011 foi de 72,2, passando para 64,7 em 2013. Em Santa Catarina, o menos violento, a taxa foi de 12,6 naquele ano. Em 2013 São Paulo empatou com SC, com uma taxa de 10,8.
E o que nos faz ser tão violentos? O que faz do brasileiro um homicida?
Duas variáveis sempre surgem quando se trata desse assunto: pobreza e desigualdade.
O gráfico abaixo apresenta a relação entre o IDH dos Estados (como observado em 2010) e da taxa de homicídio verificada em 2013. Pontilhado em azul temos uma curva de tendência linear negativamente inclinada, de forma que pode sim haver uma relação entre pobreza e violência. Mas ainda que esse resultado fosse estatisticamente significante e que os dados para todos os estados tivessem a mesma confiabilidade, é interessante observar os outliers. Alagoas, ainda que pobre, tem uma taxa de homicídios muito acima do esperado. O mesmo acontece com o Distrito Federal (o maior IDH entre os estados). O que será que há de tão ruim nesses locais? A polícia recebe menos? Os políticos e as políticas públicas são de pior qualidade? A justiça é pior que a média brasileira? Que fatores explicam esse fracasso?
2014-12-17-Grfico1.png
E o que há em São Paulo e Santa Catarina que explicaria as taxas baixas (para os padrões nacionais) de violência nesses estados? A polícia é melhor? A justiça é mais eficiente? Os políticos e as políticas públicas são melhores?
Comparando com alguns de nossos vizinhos sul-americanos vemos que o Chile, a Argentina, o Uruguai e o Peru têm taxas de homicídio menores que as observadas em São Paulo, um dos estados mais "seguros" do país. E mesmo a Venezuela, aquela não adjetivável catástrofe, tem taxa global de 54 homicídios para cada 100 mil habitantes, ou seja, inferior à taxa observada em Alagoas.
2014-12-17-grfico2.png
Os economistas analisam as decisões das pessoas pela ótica utilitarista. Toda ação envolve um benefício e um custo. No caso do crime a ideia é simples. O criminoso extrai uma utilidade do seu ato (dinheiro, status, satisfação pessoal, etc.) e enfrenta com isso uma desutilidade (ser preso, ser morto, ir para o inferno, remorso, etc.). As decisões também são restringidas pela dotação de recursos que o criminoso possui. Posso querer roubar um banco, mas se não tenho o armamento nem o número de comparsas necessários, isso é apenas uma quimera.
Pensando no lado da desutilidade enfrentada pelo criminoso, o cenário é desolador.
A chance de ser pego matando é baixa no Brasil. Algumas estimativas sugerem que apenas 8% dos casos de homicídios têm seus autores identificados e presos. Diz-se que em Alagoas esse percentual é de apenas 2%. Isso sugere que nossas instituições repressoras são um fracasso. Já fui assaltado algumas vezes na vida. Depois do segundo ou terceiro eu parei de ir à delegacia. Uma vez um policial sugeriu que a culpa de ser roubado era minha, pois todo mundo sabe que aquele lugar é perigoso...
A Justiça brasileira também não parece ser lá muito boa. Em 2011 o MP comunicou a existência de 85 mil processos de homicídios em trâmite que haviam se inciados antes do início de 2008. Há estudos que mostram que para se encerrar todo o processo judicial relacionado a homicídios dolosos consome-se em média algo como 10 anos.
É provável que haja algo em nossa cultura, hábitos e costumes que tornam o homicídio algo mais aceitável do que em outros lugares. É difícil explicar como os "canibais de Garanhuns" foram condenados a penas entre 19 e 21 anos. E me parece muito improvável (para não dizer impossível) que eles irão cumprir suas penas integralmente. Pela lei eles precisam cumprir 2/5 (?) da pena antes de pleitear a progressão de regime. E como entender, como vimos no caso do mensalão, que o nosso direito penal só preveja o regime fechado para os condenados a penas maiores do que 8 anos.
Um amigo dado ao humor ácido certa vez me disse que todo brasileiro tem o direito de matar pelo menos uma pessoa durante sua vida. Pelo que se vê, isso não parece tão irreal quanto deveria.
Os brasileiros não somos cordiais. Há algo de muito errado em nós.
PS - A área de Economia do Crime atrai a atenção de pesquisadores de primeira linha em todo o mundo. Não sou um especialista na área, mas acredito que o texto de discussão do IPEA escrito por Saschida e Mendonça (2013) intitulado "Evolução e determinantes da taxa de homicídio no Brasil" parece ser um bom começo para conhecer a literatura.
Fonte: Brasil Post
Show comments
Hide comments

52 commenti:

  1. Che dire, ancora una volta abbiamo conferma di cio che sapevamo già, cioè che il Brasile è uno dei peggiori paesi tra quelli sviluppati. Mi pare che il tasso di omicidi è 30 volte quello italiano, con tutto che in Italia abbiamo la Mafia, la Camorra e la 'Ndrangeta. Figuriamoci se San Paolo è lo stato più sicuro figuriamoci gli altri... Ad Alagoas, cos'è il far west?

    RispondiElimina
  2. Caro Franco ancora una volta il paragone con l'Italia non regge proprio... Torna in Italia, almeno vivrai in un paese sicuro per te e la tua famiglia!

    RispondiElimina
  3. Un nostro conoscente a San Paolo ha comprato una BMW 320 e ha dovuto farla blindare... Qui in Italia il Bmw 320 ce l'hanno cani e porci, persino io l'ho avuto... Da non credere!

    RispondiElimina
  4. ah, dimenticavo per avere il 320 ha dovuto aspettare di diventare milionario...

    RispondiElimina
  5. potresti fare un bel post sul prezzo delle auto, ad esempio la Bmw 320 anche se montata in Brasile, ha sempre lo stesso prezzo di quando veniva dalla Germania, la differenza chi se l'intasca? Ho detto montata nel senso che in Brasile non hanno capacità di costruire un bel niente possono solo montare ciò che viene inviato dall'estero e unire le parti già fatte...

    RispondiElimina
  6. Incredibile come in Brasile le leggi sono fatte per favorire i delinquenti: l'unico paese dove la maggiore età penale è a 18 anni, come se una persona di 17 anni non fosse capace di capire la gravità dei gesti che compie. In Italia che pure è un paese buonista la maggiore età penale si acquista a 14 anni.
    Io a chi parla male dell'Italia consiglio sempre di conoscere due paesi: Messico e Brasile, in confronto noi viviamo nel migliore dei mondi possibili.

    RispondiElimina
  7. Non sono sicuro, ma mi sembra che il Brasile sia il paese con il maggior numero di auto blindate del mondo. Chissá perché?

    RispondiElimina
  8. ma infatti come ho detto in un altro mio commento mi sembra che qui c'é qualche cosa di marcio nel dna di molte persone, tanto per fare un esempio in internet la metá dei video dove compaiono atti di violenza credo venga dall'ospitalissimo e cordialissimo paese del samba, futebol e carnevale. E quando dico violenza intendo cose da far rabbrividire proprio. Se qualcuno non ci crede posso pure indicare dei links, ma poi non reclamate del contenuto, che io ho avvertito.

    RispondiElimina
  9. Scusa ma chi può dire che in Brasile si vive meglio che in Italia ad essere generosi si può dire che si vive uguale...

    RispondiElimina
  10. Credimi Michele, ne conosco tanti che la pensano in questo modo. E se fai notare a loro alcuni problemi che esistono in Brasile, se sei fortunato ti rispondono che anche in Italia é uguale, ma la maggior parte ti danno come risposta un gentile "torna al tuo paese"!

    RispondiElimina
  11. E tu digli di leggere la rubrica impavido colosso nella Veja. Basta leggere nelle classifiche dove sta l'Italia e dove il Brasile

    RispondiElimina
  12. Dario è sotto gli occhi di tutti... ti sei mai chiesto perchè oltre al calcio i brasiliani amino gli sport di Lotta!!!! ... sono anche tra i primi nel mondo soprattuto nel UFC... judo ecc..

    RispondiElimina
  13. Grande Franco! Al punto cinque aggiungerei che l'unico governo ad essere durato cinque anni e quello del 2001 al 2006 presieduto da Silvio Berlusconi.
    Direi inoltre che siamo i migliori al mondo anche nella moda, nell'arte, nel design ed in genere in tutto ciò che è bello.
    Hai dimenticato di aggiungere le moto con Ducati, Mv Agusta: siamo i migliori anche nelle moto.
    E scusa se è poco!

    RispondiElimina
  14. Conosco anche Tok&Stok!! Là è un lusso!

    RispondiElimina
  15. Ti mando questo link... molto interessante. http://veja.abril.com.br/blog/impavido-colosso/5-coisas-que-poderiam-ser-feitas-com-os-21-bilhoes-desviados-da-petrobras/

    RispondiElimina
  16. Franco, io posso capire le persone che dicono che in Germania,in Austria,In Canada si vive meglio che in Italia,ma il Brasile....andiamo,su quali parametri si basano? Sulle garotas de programa? Alcuni nostri connazionali fanno una vita di merda in Brasile,ma non hanno il coraggio di ammetterlo.e se ne escono con queste sciocchezze.
    Stefano

    RispondiElimina
  17. Stefano, concordo in pieno con te, ma sai bene anche tu che in alcuni blog o siti sul Brasile é facile leggere articoli o commenti MOLTO positivi su questo paese, mentre quando parlano dell'Italia sanno solo criticare. Forse per loro qui é veramente un Paradiso, forse sono io che vedo solo cose negative, sinceramente non so cosa dire. Ma é vero che molte volte mi sembra di andare controcorrente mettendo in evidenza alcuni problemi del paese dove adesso vivo.

    RispondiElimina
  18. Sono stanco, o forse solo pigro dato che é sabato, per risponderti in modo corretto. Ti dico solo che, pur avendo fatto un'ottima ricerca per trovare ogni genere di difetto sull'Italia, il solo fatto di aver menzionato Verdadeira Italia fa di te una persona ignorante.


    Nessuno qui ha mai detto che l'Italia sia un paese meraviglioso, i suoi problemi li conosciamo tutti, ma niente, credimi, puó essere paragonato al tuo Brasile.


    E per quanto riguarda i tuoi consigli finali non sto a raccontarti il come e il perché io sia ancora qui in Brasile. Ti posso solo dire che se potessi tornare a vivere in Italia sia io che mia moglie saremmo molto contenti, ma é una storia che pochi possono capire.

    RispondiElimina
  19. non ci sono problemi davvero, capisco che certe affermazione se pur vere sono pericoloso in un paese senza diritti civili come lo è l'italia, che questa è l'unica cosa che ha in comune con il brasile

    RispondiElimina
  20. Se il commento non mi verrà eliminato e se posso dirtelo io avrei altri 50 buoni motivi per non viverci e dimenticare che questo paese esiste, come anche altri paesi simili, ma è meglio che evito in quanto non voglio che mi elimini anche questo commento.
    Ciao e grazie davvero per aver creato questo stupendo blog contro un paese di gente così ripugnante.

    RispondiElimina
  21. Brasile uguale merda, detto questo hai detto tutto. I brasiliani e le brasiliane che persone insulse, la loro cultura coloniale di stampo portoghese altrettanto orripilante come il Portogallo. Sono stato una volta sia in Brasile che in Portogallo e mi devono pagare per tornarci, e parlo di milioni di euro.

    Premetto che non è una battuta di spirito, che paese inutile è questo? Criminalità ovunque, ignoranza, superstizione, violenza, baraccopoli che schifo!!!!!

    Adoro chi ha creato questo blog, sei un mito.

    RispondiElimina
  22. io dovrei andarci con una amica brasiliana a vedere come è il posto , che sicuro è bello , magari a viverci in un breve futuro , spero non sia cosi pericoloso come molti raccontano

    RispondiElimina
  23. Non é che appena esci dall'aereo ti sparano, peró non ti aspettare un livello di sicurezza come in Italia.

    RispondiElimina
  24. lon so che non è come l'europa la sicurezza , spero sia vivibile pero

    RispondiElimina
  25. Tranquillo Davide. Io ci vivo da quasi 6 anni e sono ancora vivo :)


    Peró un po' di attenzione ci vuole sempre.

    RispondiElimina
  26. mi fa piacere sapere che non è come il bronx che molti pirla descrivono

    RispondiElimina
  27. Beh, dipende. Se guardi i numeri vedrai che il Brasile é in assoluto il paese piú violento al mondo, con un tasso di 25 omicidi ogni 100 mila abitanti. Negli USA (tutti gli Stati dell'Usa) il tasso é del 5 e in Italia é del 0,85 ogni 100 mila abitanti.


    Oppure potresti vedere che nel 2012 in Brasile sono stati assassinate piú di 50,000 persone, negli USA poco piú di 15,000 e nella nostra bella Italia "solo" 528.


    Quindi come vedi abitare nel Bronx é piú sicuro che in una cittá brasiliana.

    RispondiElimina
  28. buono a sapersi, senti visto che ci abiti da tempo hai qualke consiglio da darmi, come comportarmi cosa non fare , per quello che so io non entrare nelle favelas se non con uno che ci vive, non girare con addosso oggetti di valore cellulari oro ecc... oltre a questo c'è qualke regola di comportamento che non so magari?

    RispondiElimina
  29. Diciamo che hai giá detto tutto tu. Evita di ostentare ricchezza, quindi non mostrare denaro in pubblico o andare in giro col cellulare in mano o con macchina fotografica. Sei sei rapinato non reagire. Evita di passeggiare in zone poco frequentate. Insomma, le cose da fare sono sempre le solite per avere un margine di sicurezza in qualunque posto tu vada (Bronx compreso).


    Peró, sará perché io sono un fatalista, penso che dipenda anche dalla fortuna. Per esempio non é una novitá che un ladro ti spari perché hai con te pochi soldi. Quindi cosa fare? Goditi le tue vacanze stando peró attento.


    In sei anni che vivo qui non mi é mai successo niente, ma mia moglie, mia cognata e mia figlia sono giá state rapinate. Un giorno siamo andati a trovare un parente di mia moglie che abitava in un quartiere poco raccomandabile. La prima cosa che lei mi ha detto é di non parlare con nessuno per non far sapere che sono italiano, perché potrebbero pensare, come pensano in molti, che sono pieno di soldi. Questo la dice lunga di come si vive qui.


    Peró posso benissimo andare in vacanza a Roma e venir rapinato o peggio da qualche balordo. Quindi...

    RispondiElimina
  30. ok grazie 1000 terrò gli occhi aperti

    RispondiElimina
  31. Questo site è una giochezza! Comentari imbecile di gente ignorante! Non ci sono problemi in Italia? Qual è la posizione d'Italia in Europa? Un tedesco potrebbe dire le stesse cose sur questo paese e l'italiani!! Si non ama il Brasile la soluzione è molto semplice, ci sono molte vole per ritornare in Italia!!!!

    RispondiElimina
  32. tu sei un imbecille e quando rispondi nella mia lingua ad i mie connazionali impara la buona educazione e a scrivere italiano deficiente, scimmia che non sei altro, Continenti come il sud'america, L'Africa e anche la penisola iberica visto che ci siamo, dovrebbero essere spazzati via dalla bomba atomica, che gente che siete...................................!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!. Detto questo è vero anche l'italia ha un problema, e sono i tanti traditori che tifano per questa lurida gente che stà sporcando il nostro amato paese e creando enormi problemi ad i nostri giovani, "I traditori dovrebbero essere tutti fucilati oggi stesso". Un complimento invece al Blogger.

    RispondiElimina
  33. Matteo, ho ricevuto il tuo commento in risposta a Robson ma credimi, non lo posso pubblicare. Io rispetto le tue idee come quelle degli altri, ma ci sono cose che non puoi dire pubblicamente e se io dovessi pubblicare quello che hai scritto, pur non essendo io l'autore, passerei dei guai, credimi. Mi dispiace, vorrei essere libero di fare quello che voglio, ma anche se il mio blog é piccolo e poco conosciuto ci sono delle regole che devo rispettare. Spero che non te la prenda con me e che capisca la mia decisione.

    RispondiElimina
  34. Comprendo la tua posizione, è capisco che forse non è l'ideale, non voglio farti passare assolutamente dei guai parlando male di paesi che comunque hanno tutto il mio disprezzo. Ti rinnovo i complimenti per il blog.

    RispondiElimina
  35. Grazie Matteo, vedo che sei una persona con giudizio. Torno a dire che rispetto le idee di tutti e non mi preoccupo quando qualcuno m'insulta. E anche se vorrei rispondere a tono mi devo contenere, perché poi nel torto vado io. E ti ringrazio anche per i complimenti al mio blog, che fanno sempre molto piacere. Un caro saluto.

    RispondiElimina
  36. L'unica cosa che mi sento di dirti è se hai dei figli e puoi, torna in o in Europa, non farli crescere li. Te lo dico come connazionale se me lo concedi.

    RispondiElimina
  37. Tranquillo, non é certamente un posto dove farei crescere i miei figli.

    RispondiElimina
  38. Posso farti una domanda personale in privato? se non accetti no problem. Non è niente di particolare anzi tutt'altro solo che non voglio che le altre persone del blog vedano una mia discussione. Se vuoi ti fornisco mail ho indirizzo skype. ciao.

    RispondiElimina
  39. Nessun problema. Puoi scrivermi a: brasilitalia@live.com


    Ciao.

    RispondiElimina
  40. Questo articolo racconta tutta la verità ,io che sono brasiliano posso dirvi che è vero , perchè non solo il Brasile ogni anno diventa caro , diventa sempre più pericoloso . ( esempio io sono nato nel Nord-est Brasiliano ) dove il livello di essere uccisi da arma da fuoco è altisssimo !

    sopratutto la mortalità giovanile è altissima tra i 15-28 anni , maggior parte si tratta di ragazzi nel giro della droga ( una cosa vergognosa , e dove sono i poliziotti? , non gliene importa un fico secco!).

    io vivo in Italia da 12 anni e per quanto riguarda la scuola pubblica e la sanità non c'è confronto ,vince L'italia di 1 milione di volte , ragazzi !!!

    per quanto riguarda la corruzione , ok in Italia c'è ne tanta , non ve ne date idea di quanta c'è ne in Brasile il triplo !

    e i ricchi sono odiosi , come la gente ignorante ., (ah , di notte non uscite mai da soli, molta gente esce in gruppo)

    detto questo penso di avervi reso le idee chiare !!

    in più il Braile negli ultimi 6 anni è diventato carissimo per un paese di medio sviluppo , un paese dove le tasse sono le più alte circa un 40% ,( faccio un esempio: una persona che percepisce un salario minimo di 788 reais /3.5 (= circa 225 euro , deve pagare il 40% di tasse ma stiamo scherzando , una cosa da pazzi )!!!

    vi elenco qui aggiornati da un sito brasiliano:

    RANKING DOS SALÁRIOS

    Senegal: R$ 166,76
    Moldávia: R$ 200,85
    Ucrânia: R$ 200,85
    Rússia: R$ 224,44
    Belarus: R$ 276,64
    Albânia: R$ 455,28
    Bulgária: R$ 467,64
    Sérvia: R$ 499,45
    Kosovo: R$ 518,28
    Montenegro: R$ 588,40
    Macedônia: R$ 600,76
    Peru: R$ 643,36
    Colômbia: R$ 685,61
    Marrocos: R$ 686,00
    China: R$ 767,68
    Brasil: R$ 788,00
    Chile: R$ 938,92
    Hungria: R$ 968,211
    Letônia: R$ 975,58
    República Tcheca: R$ 1.004,64
    Eslováquia: R$ 1.073,14
    Estônia: R$ 1.082,29
    Polônia: R$ 1.184,40
    Croácia: R$ 1.195,58
    Turquia: R$ 1.350,01
    Argentina: R$ 1.438,85
    Portugal: R$ 1.539,59
    Taiwan: R$ 1.605,25
    Grécia: R$ 1.785,87
    Espanha: R$ 1.977,39
    Venezuela: R$ 2.036,27
    Malta: R$ 2.141,16
    Eslovênia: R$ 2.389,14
    Chipre: R$ 2.817,00
    Andorra: R$ 2.932,85
    Áustria: R$ 3.048,70
    EUA: R$ 3.297,10
    Islândia: R$ 4.063,68
    Reino Unido: R$ 4.350,31
    França R$ 4.406,53
    Germany: R$ 4.491,74
    Irlanda: R$ 4.571,01
    Holanda: R$ 4.578,54
    Bélgica: R$ 4.754,08
    Nova Zelândia: R$ 5.044,48
    Luxemburgo: R$ 5.856,64
    Austrália: R$ 5.991,87

    ciao a tutti !

    RispondiElimina
  41. Grande Alesson! Se la metà dei brasiliani ragionassero come te questo paese sarebbe migliore. Un abbraccio

    RispondiElimina
  42. a parte la grammatica scorretta , questo sito è una cosa realista , sì in Italia ci sono problemi eccome , ma non ha senso giudicare gli altri per un tuo commento sciocco e senza logica .
    e comunque i brasiliani sono ignoranti in quasi tutto. se chiedi come si chiama l'attrice di una telenovela o un nome di un calciatore ti elencano una lista !
    visto che il Brasile è il paese in cui sono nato, è una potenza economica e industriale a livello nazionale , potrebbe dare di più il gigante del Sud America.
    purtroppo c'è sempre il Brasiliano che tenta di fregarti ( ovunque ) anche col turisti, acorda rapaz voçè dorme em pè!!!
    e comunque la criminalità esiste questo è un dato non diffuso ma certo !
    io adoro il Brasile , solo non capisco l'ignoranza e la burocrazia abbondante !

    RispondiElimina
  43. esatto ,condivido al 1000 x 1000 , l'ingratitudine esiste ancor di più in un paese di spendaccioni e ignoranti come il mio Brasile , a me spiace dirlo così , ma io sono vero e non mi nascondo nei commenti altrui!

    RispondiElimina
  44. guarda , io odio le televisioni nazionali tipo la globo passa tanta di quelle cose false e anche razziste , ti aggiungo una cosa che non c'è scritto , nelle telenovele perchè il protagonista o l'attore /o attrice non sono neri ma bensì bianchi , eppure questo è un paese multirazziale no? e allora il razzismo verso le persone di colore c'è e non è mai svanito del tutto .

    RispondiElimina
  45. dipende dalla zona in cui abiti, in generale è abbastanza sicuro nelle zone costiere verso il sud del Paese e molto pericoloso verso il Nord-est e centro e in media nelle città!

    RispondiElimina
  46. I brasiliani hanno uno strano rapporto con il razzismo. Prima di tutto sono convinti di non essere razzisti, giocando sul fatto che sono un popolo molto accogliente, che accettano tutti, che, specialmente nel passato, hanno subito un grande flusso di immigrazione straniera e cose di questo tipo. Ma tutti noi conosciamo molto bene la veritá. Poi sulle novelas é strano: in tutte, ma proprio tutte, trovi sempre perlomeno un personaggio di colore, un gay, un cattivo, uno divertente... é come se tutte le novelas fossero fatte con lo stampino e gli autori abbiano paura che, lasciando fuori qualche categoria di persone, possano essere accusati di razzismo o preconcetto.

    RispondiElimina
  47. Condivido in pieno la tua risposta, specialmente quanto riguarda la grammatica :(

    RispondiElimina
  48. Penso che sia il paese peggiore che esiste sulla faccia della terra con la gente peggiore che esiste in tutto l'universo. Spero che in futuro si possa fare un legge per non dare la cittadinanza a questa gente in Europa e cacciare quelli e quelle che gia' ci sono. Questa gente e' la merda del mondo, il Brasile e' pieno di trans, gay e lesbiche, questa gente e' la feccia dell'umanità. Odio tutto di questo paese, compresa la loro stupida lingua come ho letto gia' in un commento, ed e' meglio che mi fermo qui perche' se dovessi elencare tutte le cose negative, in quanto di positive non c'è ne sono, dovrei scrivere un poema.

    RispondiElimina
  49. Andrea Venturelli, mi dispiace ma non ho potuto pubblicare il tuo post. Se vuoi sapere il motivo leggi qui:

    http://brasilitalia-doiscoracoes.blogspot.com.br/2015/02/responsabilita-di-chi-scrive-o-commenta.html



    Spero che capirai il motivo di tale mia decisione.

    RispondiElimina
  50. Richardre Rossi5 febbraio 2017 02:36

    Bé se questo americano ha scritto tutto quelle cose evidentemente le ha trovate!
    Certo pure nelle grandi città italiane non è difficile ritrovare tutte e forse anche di più di quello che ha scritto. Forse che ci avviamo verso una globalizzazione totale??????!!!! Rifletteteci

    RispondiElimina