Adbox

lunedì 5 maggio 2014

Ti voglio bene Italia


Questo post non é mio, ma scritto da Franco Fazio nel marzo del 2011. Franco ha 69 anni, é italiano ma vive in Svezia da molto tempo. Ha un blog chiamato "Nonno Franco da Stoccolma" in cui parla di "Fatti, aneddoti, stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.". Pur avendo deciso di lasciare il suo Paese per andare a vivere in Svezia, rimane, come me, un vero amante dell'Italia, pur riconoscendole i suoi difetti. E come me odia quello che lui definisce come "anti-italiani". Questo é un suo post a riguardo. Dedicato a tutti quegli italiani che amano parlare male del proprio paese d'origine.

Ti voglio bene Italia e ti difendo dagli anti-italiani: 
I quali forse, in fondo, sono il partito più antico e tu lo sai.
Solo che in questi anni sono diventati molto, troppo, rumorosi. Proprio loro gli anti-italiani, quelli che vivono qui con il mal di stomaco, con la rabbia di chi scommette tutto sull'apocalisse: verrà il giorno, quello del giudizio. E giù filippiche contro di te e chi ti governa.
È strano. Da te la democrazia è sempre all'ultimo sangue. Non è più solo "sano" odio ideologico come tra Peppone e Don Camillo. È voglia di deserto, di rovine, di cataclismi, ti vogliono vedere in malora. È l`ideologia dell’anti-italianità. Il ragionamento è più o meno questo: se per fare un nazione migliore serve un`Italia in ginocchio, allora così sia. E giù bombe. Il prezzo è altissimo, ma per questa banda di Anti_Italiani il gioco vale la candela. Tanto meglio. Se c’è da ricostruire poi si faranno più soldi. È un sentimento un pò cinico, ma ”purtroppo” tu sei generosa ed in casa tua c`è sempre un prete che poi li assolve. 
Intanto loro vestiti di nero come maghi e fattucchieri pregano il peggio. Hanno guardato negli occhi la crisi, sperando che fosse più scura della mezzanotte. Hanno benedetto i mutui "subprime". L’America avrebbe portato in a casa tua il virus, sventrando le banche, l’economia, i risparmi, il commercio, lasciando sul lastrico l`intera Banana Republik (ti chiamano così...). E quando la crisi è arretrata, rinsaccando, hanno maledetto l’euro e il dollaro, scommettendo ancora sulla malasorte. 
Tifano, contro. Nella parte più cupa del loro cuore si sono schierati con la monnezza napoletana, con il crash di Alitalia, con la fame e la miseria, con il disastro della scuola pubblica, con chi ci chiama Svart Skalle (testa nera), Maccaroni, Dago o Paisà. L’arrivo della Fiat a Detroit li ha fatti bestemmiare. L`Alfa, va tenuta lontana da Los Angeles e dalla notte degli Oscar. Affondi a Venezia. Gli anti-italiani scommettono sulla disfatta. Le vittorie della Pennetta non li incantano. La Pellegrini è una sirena con il piercing nel posto sbagliato, il G8 li ha delusi. Hanno sperato che Obama calpestasse l’italiano chiacchierone. È andata male. Obama ha detto grazie e Michelle si è commossa tra le macerie dell’Aquila. 
Ma quello che mi fa più incazzare è quando gli Anti parlano di dittatura italiana è la mossa più spregiudicata del partito anti-italiano. È il loro capolavoro di marketing, vendere al mondo la cattiva maschera berlusconiana. Berlusconi come remake di Mussolini. L’Italia in camicia nera, l’Italia che sprofonda nel più profondo Novecento, l’Italia barzelletta di regime. Questa storia ci sta facendo del male e non andrà via tanto in fretta. Gli anti-italiani ti sputtanano dicendo che non sei democratica, si forse è vero che non sia la miglior democrazia del mondo, ma comunque c’è ed è sacro santa democrazia. 
E tu nostra piccola grande patria lo sai benissimo che non sei una dittatura. E chi lo sostiene, offende i martiri di tutte le dittature. I martiri veri. Non questa parodia di partigiani. Non questo manipolo di anti-italiani.
(vagabondo)

Nessun commento:

Posta un commento