Adbox

mercoledì 3 luglio 2013

Por que dizer não ao plebiscito?


Di LUIZ FLÁVIO GOMES, jurista e coeditor del portale Atualidades do Direito

La presidente Dilma insiste con l'idea di fare un plebiscito prima della riforma politica. Io dico no al plebiscito, per diverse ragioni. 

Primo: perché prima riforma politica, che è sì urgente per cercare di ripulire la corruzione endemica nel potere politico e governamentale, che è in combutta con il grande potere economico e finanziario, c’è il miglioramento dei servizi pubblici (sanità, istruzione, giustizia, polizia, trasporto pubblico, ecc.). Quando abbiamo due priorità nella nostra vita e noi non possiamo fare entrambe le cose, dobbiamo fare le elezioni. L'obiettivo prioritario è quello di cambiare la qualità della vita di chi ha bisogno di servizi pubblici, perché è con loro che i poveri sono in contatto quotidiano (autobus affollato, trasporti cari, file negli ospedali, scuole di qualità scadente ecc.).

Secondo. Ho la sensazione che una parte della classe dirigente (governanti e politici) stanno, con il plebiscito, adottando la strategia di distrazione per manipolare la popolazione. Secondo la strategia della distrazione, che consiste nel deviare l'attenzione del pubblico da questioni importanti e dei cambiamenti decisi dalle élites politiche ed economiche, attraverso la tecnica del diluvio [drammatizzazione della violenza] o inondazioni di continue distrazioni [intrattenimento] e informazioni insignificanti. La strategia della distrazione è anche indispensabile per evitare che il pubblico si interessi alle conoscenze essenziali, nel campo della scienza, dell'economia, della psicologia, della neurobiologia e della cibernetica. "Mantenere l'attenzione del pubblico distratto, lontano dai veri problemi sociali, affascinato dalle questioni di nessuna reale importanza. Mantenere il pubblico occupato, senza tempo per pensare, di ritorno alla fattoria con gli altri animali "(citazione da “Armi silenziose per guerre tranquille" di Avram Noam Chomsky ).

Terzo: il plebiscito costa molto e non ha le condizioni che finisca in fretta. Prima della votazione, l'intero popolo deve essere informato dei loro termini, che saranno naturalmente complessi (voto proporzionale o voto distrettuale; voto distrettuale puro o misto; finanziamento pubblico o privato delle campagne; candidature singole o dittatura di partito, la riduzione dei parlamentari o no, coalizioni, coincidenza di elezioni, possibilità di richiamo (se abbiamo il potere di eleggere, dobbiamo anche avere il potere di deseleggere ecc.) Dobbiamo accelerare questa riforma politica, che dove entrare in vigore fino a 05/10/13 per valere nel 2014.

In quarto luogo, il plebiscito proposto, a questo punto, è tipico di chi non capisce nulla di ciò che sta accadendo alla nostra democrazia, che si sta trasformando da rappresentativa (parlamentari eletti che rappresentano i "nostri" interessi generali) a vigilante, utilizzando principalmente le reti sociali. Nella democrazia vigilante tutti gli atti di potere pubblico sono sorvegliate (atti del potere esecutivo, del potere legislativo, giudiziario, ecc.).

Quinto: pertanto, considerando la difficoltà di fare un plebiscito (che, peraltro, non sarà in grado di vincolare il legislatore, che detiene la penultima parola nella configurazione finale della riforma politica - l'ultima sarebbe stata del popolo in un referendum), migliore sarebbe che l'attuale Parlamento (anche se corrotto nella grande maggioranza) cominciasse la votazione di una riforma (tramite PEC), che andrà "sorvegliata" punto a punto (noi che paghiamo i loro stipendi, dobbiamo mettere i politici a lavorare, sotto la nostra supervisione). Nella democrazia vigilante tutto è attentamente monitorato. Presto, alla fine, ci manifesta ogni giorno su tutti i punti della riforma. Poi, alla fine, già al corrente di tutto, faremo o no il nostro referendum. Avanti Brasile!


  
Plebiscito: É uma consulta feita ao povo ANTES da criação de uma lei ou ato administrativo. Uma vez feito, delega-se ao Legislativo a formulação.

Referendo: É uma consulta feita ao povo DEPOIS da criação de uma lei ou ato administrativo. A população responde se aceita ou não determinada atitude tomada pelo Legislativo.

Traduzindo: No plebiscito, o povo assina um cheque em branco e entrega ao governo, que o preenche como convém. No referendo, o governo tem de preencher o cheque para que a população decida se assina ou não, de acordo com a sua conveniência.


Show comments
Hide comments

1 commento:

  1. Anch'io sono contro questo plebiscito,e' tutto fumo negli occhi.
    E anche cosi',pieno di quesiti importante,e' incompleto.
    Della sicurezza,ridicola, e la reforma del códice pensale,assurdo,non se ne parla próprio.
    Ma Dilma deve tirare a campare fino alle elezioni del 2014,e qualcosa doveva tirare fuori dal cilindro.
    Ma il gioco di prestigio e' vecchio e molto malamente eseguito,finira' in un'ulteriore figuraccia.

    RispondiElimina