Adbox

giovedì 28 marzo 2013

scrutinatori dell'Enem affermano di essere stati ordinati a ignorare gli errori




Il giornale Zero Hora ha pubblicato giovedì 21 una sbalorditiva dichiarazione di due insegnanti che hanno partecipato alle correzioni dell’ENEM. Secondo le informazioni ottenute dal giornalista Leticia Duarte, l’orientazione che hanno avuto è stata quella di fare "chiudere un occhio" per gli errori trovati e "approvare il maggior numero di persone". 

Qui sotto un estratto dell'articolo:

Pentiti di aver partecipato alle correzioni dell’ENEM, due insegnanti Gauchas hanno deciso di rompere il contratto di segretezza per rivelare i retroscena delle prove. Chiedendo l’anonimato, una di queste descrisse questo mercoledì, per telefono, come avrebbero ricevuto orientamenti al fine di "chiudere un occhio" per gli errori trovati. Insegnante di inglese per 12 anni, dice che l'ordine era quello di "approvare il maggior numero di persone":
Zero Hour - Che consigli hai ricevuto per correggere i saggi?
Insegnante - Abbiamo ricevuto un esercizio di formazione in cui siamo stati valutati tutti noi via on-line. Questo venne dall'Università di Brasilia. Furono sei, sette settimane di attività per gli 8.000 valutatori. Il 14 novembre, abbiamo avuto un incontro dove furono passate le vere orientazioni. Ci hanno detto di dimenticare tutto quello che sapevamo, tutto ciò che abbiamo imparato, quello che hai fatto in allenamento. Avremmo dovuto considerare l'idea di approvare il maggior numero di persone. Io e un’altra collega avremmo voluto lasciar perdere, ma il nostro gruppo era già stato composto precedentemente. E siccome ci eravamo già impegnate, abbiamo dovuto rimanere
 (...)
ZH - Che tipo di cose dissero che dovevano essere trascurate?
Insegnante - Ad esempio, in un testo, se ci fosse stata la parola “immigrazione” o “immigrato”, che era l'argomento del tema, non avrei potuto annullare. Avrei dovuto almeno dare un punto. Se uno studente scrivesse la ricetta di una torta, ma inserisse “immigrazione” in qualche punto, avrei dovuto prenderla in considerazione, non potevo annullare. Un'altra cosa che mi scioccò molto: se si trattava di un testo come preso da una poesia o narrativa, ma che aveva a che fare con l'argomento, e se sentissi che a un certo punto che lo studente volesse in qualche modo difendere il suo punto di vista, non potevo fare niente. A grosso modo questo era l'orientamento avuto: non annullare, solo in casi estremi. Il modo di fare la selezione degli insegnanti è anche discutibile. E tutto su indicazione. Nessuno chiede un diploma.
ZH - Non si richiede un attestato di formazione degli insegnanti?
Insegnante - No. Esiste.
ZH - Quindi qualcuno potrebbe fingere di essere un insegnante valutatore?
Insegnante - Certo. Se nessuno chiede la documentazione ... L'inclusione viene fatta con inviti. Penso che funziona per legami politici. Queste persone invitate a occupare queste posizioni più alte e invitano le persone che conoscono. Chi mi ha invitato sa che io sono laureato in Lettere e che faccio le correzioni da oltre 10 anni ... ma sarà così in tutto il Brasile?
ZH - Hanno anche detto esplicitamente che era per evitare di dare brutti voti?
Sim. Que era para evitar, porque nos anos anteriores eles receberam inúmeros recursos, que tiveram que responder na Justiça, e que isso onera a União. O tiro saiu pela culatra. Me arrependo até de ter participado. Financeiramente não vale a pena. Pagam R$ 1,90 por redação, tu tens uma meta diária de cem redações (3 mila relazioni al mese) … para quem trabalha e gosta de fazer um trabalho qualificado é bem complicado.
Insegnante – . Era da evitare, perché negli anni precedenti hanno ricevuto numerose risorse, hanno dovuto rispondere in tribunale, e grava l'Unione Il piano fallì. Mi pento ancora di aver partecipato. Finanziariamente non ne vale la pena. Loro pagano $ 1,90 per ogni relazione, si dispone di un obiettivo quotidiano di un centinaio di saggi (3000 al mese) ... per chi lavorare e piace un lavoro qualificato è molto complicato.
ZH - Il processo è una farsa?
Insegnante – Sì, è tutto un inganno... Persino per il candidato, per quanto riguarda le loro condizioni. Mi sento truffata. Mi mandarono un Manuale di formazione che ho studiato, e nella riunione mi dicono di dimenticare tutto.
Show comments
Hide comments

3 commenti:

  1. Triste.
    Una scuola degna di questo nome,farebbe fare al Brasile il vero salto di qualita'.
    Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La domanda che io mi pongo é: perché? Cosa ci guadagna lo Stato con una soluzione come questa? Perché la scuola dovrebbe promuovere il maggior numero di studenti? A che scopo? E perché qui in Brasile esiste quello che chiamano "progressão continuada" o "aprovação automatica"? Cos'é, i professori guadagnano una percentuale su ogni alunno che promuovono? Sinceramente é una cosa che non capisco.

      Elimina
  2. I professori non guadagnano nulla (insegnare in molte scuole pubbliche e' pericoloso,non solo poco stimolante).
    Ma la classe politica puo' gestire molto piu' facilmente un'opinione pubblica "ignorante".
    Stefano

    RispondiElimina