Adbox

giovedì 14 marzo 2013

Ridere per non piangere


SALVADOR – Avere sempre una certa quantità di soldi in tasca per non irritare i rapinatori durante un assalto. Questo è uno dei "consigli" che il sito ufficiale del Dipartimento di Pubblica Sicurezza di Bahia (SSP-BA) aveva pubblicato [ora l’hanno tolto] fino al primo pomeriggio di martedì. La raccomandazione è: "porta un poco di soldi (per soddisfare il ladro), ma poche carte di credito." Il messaggio ha provocato reazioni forti all'Assemblea Legislativa di Bahia, facendo in modo che il governo ritirasse questo “consiglio” dal loro sito.

Anche così, i deputati Carlos Gaban (DEM) e Uziel Bueno (PTC) hanno presentato una petizione alla Commissione per i Diritti Umani e Pubblica Sicurezza dell'Assemblea Legislativa per invitare il Segretario alla Sicurezza, Mauricio Barbosa, a parlare sopra questo polemico “consiglio”. Inoltre l'opposizione chiede spiegazioni a Barbosa per gli alti livelli di violenza registrati in Bahia, come rivela la recente Mapa da Violência 2013.

Con il ritiro di questa raccomandazione sono rimaste le più logiche: "dopo un assalto: non cercare di inseguire il ladro, allontanati dal luogo, telefona subito al 190 con tutte le informazioni possibili già organizzato, vai alla stazione di polizia più vicina per registrare il verificarsi ".

Fonte: Implicante

Commento personale: il fatto di portare qualche spicciolo in tasca per non irritare il rapinatore ha un senso logico in questo paese, dove per una cazzata rischi di ricevere una pallottola o una coltellata. Ma il fatto che questo “consiglio” venga dato proprio dalla Polizia locale, polizia che dovrebbe cercare di debellare tali criminali, invece di renderli più “mansueti”, ha dell’incredibile. Io sono convinto che il tasso di criminalità qui in Brasile é così alto non solo per colpa della povertà, della disuguaglianza sociale o del governo, ma anche (e forse soprattutto) dell’atteggiamento di molti brasiliani di fronte a certe cose. Forse, ma potrei sbagliarmi, se i brasiliani imparassero a reagire invece di rimanere impassibili, quasi catatonici, di fronte a questa mole di assaltanti, per la maggior parte ragazzi adolescenti, qualcosa qui potrebbe migliorare. Ma accettare le conseguenze che la vita di tutti i giorni può dare, non fare nulla, perché é lo Stato che deve fare qualcosa contro la criminalità, ma anche per tutti gli altri problemi, e non il cittadino, é tipico di questo paese.
Show comments
Hide comments

1 commento:

  1. Volendo essere cattivi ,vista la fonte , ci si potrebbe chiedere se non vogliano essere sicuri di andare a colpo sicuro...
    Stefano

    RispondiElimina