Adbox

giovedì 21 marzo 2013

Dilma la Sprecona



Io capisco che sia un Capo di Stato, e che come tale non possa risiedere in un Motel sull’autostrada o mangiare nella Trattoria da Pino, però questo “gasto” di spese mi sembra un poco esagerato. Non molto… solo un pochino. E leggendo questa notizia non ho potuto fare a meno di paragonare la Dilma a qualche Re africano o a uno Sceicco arabo. Il bello è che, in ogni caso, una frotta di imbecilli qui in Brasile gridano “Oba! Evviva! Brava Dilma!” quando ha annunciato di abbassare la bolletta della luce o quando afferma che sta eliminando la povertà in Brasile. Tutto ciò è solamente ridicolo.

Per il viaggio di tre giorni del entourage della presidente Dilma Rousseff per la messa inaugurale del Papa Francesco a Roma sono state riservate 52 camere e 17 veicoli, in base alle informazioni ottenute da Folha.

Dilma, quattro ministri, più stretti collaboratori e guardie del corpo hanno soggiornato presso l'Hotel Westin Excelsior in Via Veneto, uno delle Vie più sofisticate di Roma, per un totale previsto di 30 camere.

Una è stata trasformata in ufficio per la Presidente della Repubblica.

La suite presidenziale giornaliera costa circa R$ 7.700, mentre la camera più economica è di “soli” $910.

Le altre 22 camere erano per il personale di supporto, più a portata di mano.

La Presidente non ha voluto rimanere nella residenza ufficiale dell'Ambasciata del Brasile, situato in una grande villa nel centro storico di Roma, e che di solito riceve i rappresentanti del paese.

Questo è stato il caso dell'ex presidente Lula nel 2005, quando ha partecipato ai funerali di Papa Giovanni Paolo II.

Secondo un portavoce della presidenza la Dilma preferisce gli hotel per facilitare il lavoro di routine.

Nel caso specifico di Roma, un altro motivo di questa scelta è che l’Ambasciata in Italia è temporaneamente senza ambasciatore brasiliano.

La numerosa flotta delle auto in leasing comprende sette veicoli a berlina con autista, auto di lusso blindato, quattro furgoni esecutivi con capacità per 15 persone, un minibus e un veicolo destinato alla sicurezza.
Solo per portare i bagagli e le attrezzature, Dilma aveva un camion e due furgoni.

La presidente è arrivata nel pomeriggio di Domenica a Roma, quando ha colto l'occasione di visitare due chiese storiche.

Due giorni fa, ha visitato una mostra del pittore Tiziano, ha incontrato l'ex ministro di Lula José Graziano da Silva, direttore generale della FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura) e il Presidente dell’Italia, Giorgio Napolitano, che è alla fine del mandato.

Ieri, Rousseff ha partecipato alla messa inaugurale di Francisco e ha incontrato brevemente il Presidente della Slovenia, Borut Pahor, paese europeo di circa due milioni di abitanti.

Inoltre ha avuto un breve incontro con il presidente argentino Cristina Kirchner, che non era prevista e che è durato circa 15 minuti.

Fonte: Folha

Show comments
Hide comments

1 commento:

  1. La mancanza dell'Ambasciatore come scusa per non alloggiarsi nella ambasciata (che non e' una villa ma un edificio storico,Palazzo Pamphili,che e' di proprieta' dello stato brasiliano) e' davvero ridicola.
    Come se l'ambasciatore fosse l'unico ad avere le chiavi e non ci fosse personale di servizio.

    RispondiElimina