Adbox

martedì 8 gennaio 2013

Bugie letterarie


Sta circolando in rete, specialmente su Facebook, il seguente testo:
Escritora holandesa, falando sobre o Brasil.
Recebido por e mail
"Os brasileiros acham que o mundo todo presta, menos o Brasil, realmente parece que é um vício falar mal do Brasil. Todo lugar tem seus pontos positivos e negativos, mas no exterior eles maximizam os positivos, enquanto no Brasil se maximizam os negativos. Aqui na Holanda, os resultados das eleições demoram horrores porque não há nada automatizado. Só existe uma companhia telefônica e pasmem: Se você ligar reclamando do serviço, corre o risco de ter seu telefone temporariamente desconectado.
Nos Estados Unidos e na Europa, ninguém tem o hábito de enrolar o sanduíche em um guardanapo - ou de lavar as mãos antes de comer. Nas padarias, feiras e açougues europeus, os atendentes recebem o dinheiro e com mesma mão suja entregam o pão ou a carne.
Em Londres, existe um lugar famosíssimo que vende batatas fritas enroladas em folhas de jornal - e tem fila na porta.
Na Europa, não-fumante é minoria. Se pedir mesa de não-fumante, o garçom ri na sua cara, porque não existe. Fumam até em elevador.
Em Paris, os garçons são conhecidos por seu mau humor e grosseria e qualquer garçom de botequim no Brasil podia ir pra lá dar aulas de ‘Como conquistar o Cliente’.
Você sabe como as grandes potências fazem para destruir um povo? Impõem suas crenças e cultura. Se você parar para observar, em todo filme dos EUA a bandeira nacional aparece, e geralmente na hora em que estamos emotivos...
Vocês têm uma língua que, apesar de não se parecer quase nada com a língua portuguesa, é chamada de língua portuguesa, enquanto que as empresas de software a chamam de português brasileiro, porque não conseguem se comunicar com os seus usuários brasileiros através da língua Portuguesa. Os brasileiros são vitimas de vários crimes contra a pátria, crenças, cultura, língua, etc… Os brasileiros mais esclarecidos sabem que temos muitas razões para resgatar suas raízes culturais.
Os dados são da Antropos Consulting:
1. O Brasil é o país que tem tido maior sucesso no combate à AIDS e de outras doenças sexualmente transmissíveis, e vem sendo exemplo mundial.
2. O Brasil é o único país do hemisfério sul que está participando do Projeto Genoma.
3. Numa pesquisa envolvendo 50 cidades de diversos países, a cidade do Rio de Janeiro foi considerada a mais solidária.
4. Nas eleições de 2000, o sistema do Tribunal Regional Eleitoral (TRE) estava informatizado em todas as regiões do Brasil, com resultados em menos de 24 horas depois do início das apurações. O modelo chamou a atenção de uma das maiores potências mundiais: os Estados Unidos, onde a apuração dos votos teve que ser refeita várias vezes, atrasando o resultado e colocando em xeque a credibilidade do processo.
5. Mesmo sendo um país em desenvolvimento, os internautas brasileiros representam uma fatia de 40% do mercado na América Latina.
6. No Brasil, há 14 fábricas de veículos instaladas e outras 4 se instalando, enquanto alguns países vizinhos não possuem nenhuma.
7. Das crianças e adolescentes entre 7 a 14 anos, 97,3% estão estudando.
8. O mercado de telefones celulares do Brasil é o segundo do mundo, com 650 mil novas habilitações a cada mês.
9. Telefonia fixa, o país ocupa a quinta posição em número de linhas instaladas..
10. Das empresas brasileiras, 6.890 possuem certificado de qualidade ISO-9000, maior número entre os países em desenvolvimento. No México, são apenas 300 empresas e 265 na Argentina.
11. O Brasil é o segundo maior mercado de jatos e helicópteros executivos.
Por que vocês têm esse vício de só falar mal do Brasil?
1. Por que não se orgulham em dizer que o mercado editorial de livros é maior do que o da Itália, com mais de 50 mil títulos novos a cada ano?
2. Que têm o mais moderno sistema bancário do planeta?
3. Que suas AGÊNCIAS DE PUBLICIDADE ganham os melhores e maiores prêmios mundiais? :)
4. Por que não falam que são o país mais empreendedor do mundo e que mais de 70% dos brasileiros, pobres e ricos, dedicam considerável parte de seu tempo em trabalhos voluntários?
5. Por que não dizem que são hoje a terceira maior democracia do mundo?
6. Que apesar de todas as mazelas, o Congresso está punindo seus próprios membros, o que raramente ocorre em outros países ditos civilizados?
7. Por que não se lembram que o povo brasileiro é um povo hospitaleiro, que se esforça para falar a língua dos turistas, gesticula e não mede esforços para atendê-los bem? Por que não se orgulham de ser um povo que faz piada da própria desgraça e que enfrenta os desgostos sambando.
É! O Brasil é um país abençoado de fato. Bendito este povo, que possui a magia de unir todas as raças, de todos os credos. Bendito este povo, que sabe entender todos os sotaques. Bendito este povo, que oferece todos os tipos de climas para contentar toda gente. Bendita seja, querida pátria chamada BRASIL!"
Non sto qui a controbattere parola per parola, però qualche osservazione in merito possiamo farla.

Prima di tutto: chi è questa scrittrice olandese? Non si riesce a trovare un nome, un riferimento o un dato certo. Inoltre sembra che questo testo circoli in rete da molti anni.

Come sempre l’idea che noi europei siamo sporchi e sudici è ormai integrata in nella testa di tutti i brasiliani. Ecco allora che noi non ci laviamo le mani o che non sappiamo servire un panino come dovremmo. E volete dirmi che qui in Brasile non esistono locali sporchi e che tutto é perfetto? Andiamo a fare un giro nei locali della mia città se volte, o peggio ancora, in un ospedale pubblico o Pronto Soccorso. Ma vale la pena parlare di queste cose agente che non vuole ascoltare e non sa vedere?

Le patate fritte in un giornale? Non sono mai stato a Londra ma credo che questa scrittrice parli di una cosa che ormai non esiste più. Penso che anche gli inglesi, pur non essendo “civili e puliti” come i brasiliani, debbano attenersi a delle regole d’igiene comuni a tutti i paesi d’Europa.

Anche qui in Brasile ormai non si fuma in locali pubblici. È proibito dalle legge. E questo dimostra il periodo in cui è stato scritto questo testo.

Sul fatto delle elezioni potremmo discutere non poco. È vero che noi in Italia usiamo ancora la matita per votare, mentre qui è tutto automatizzato e moderno. Però sulla reale efficienza e onestà dei risultati, ho qualche dubbio.

E ancora sulla storia che noi europei siamo maleducati! Ma quando finirà tutto questo? Quando i brasiliani capiranno che, solo per il fatto di avere un atteggiamento diverso, noi non siamo così diversi da loro? In tutti i bar, caffè e ristoranti che sono andato, sia in Italia che all’estero, mai ho trovato camerieri maleducati. A volte stanchi o indifferenti, ma maleducati mai. E che Dio mi perdoni, la peggior razza di venditori odiosi sono proprio qui in Brasile, dove non fai in tempo a entrare in un negozio che vieni subito preso in ostaggio da una miriade di commessi.

Sul fatto dei film americani forse ha ragione, ma qual è il problema? Questa scrittrice sembra che sia affetta dalla classica sindrome di “vira-lata”, comune a molti brasiliani.

Sulla lingua potremmo discutere a lungo. Non solo l’idioma parlato qui é diverso dal “vero” portoghese, ma la qualità e il numero di espressioni usate dal popolo brasiliano é qualcosa che mi lascia ogni volta sorpreso (e non in senso buono). Il portoghese in genere é di basso livello, il vocabolario locale é MOLTO scarso e difficilmente sanno coniugare i verbi in modo adeguato.

AIDS: per fortuna l’autrice di questo testo non ha mai avuto bisogno di servirsi di un ospedale pubblico brasiliano, altrimenti si sarebbe trovata come minimo con qualche infezione nel corpo o sarebbe ancora adesso in fila per una consulta medica. O peggio ancora, questi grandi medici brasiliani avrebbero commesso qualche errore chirurgico, come succede spesso in questo paese baciato dal sole, e lei si sarebbe trovata in fin di vita.

14 fabbriche di auto. Questo é veramente ridicolo. Abbiamo le auto più care del mondo, con una qualità inferiore a quelle che si vendono in Europa o Stati Uniti. Ma questo cosa c’entra l’orgoglio brasiliani? Sono stati per caso i brasiliani a impiantare le fabbriche e dare lavoro a molte persone? O sono state queste grandi aziende STRANIERE a fare questo?

Cellulari. Qualcuno ritiene che la VIVO, la CLARO o la TIM qui in Brasile funzionino bene? E vogliamo parlare delle tariffe?

Bambini e ragazzi che studiano? Si, ma come? Cosa studiano? In che condizioni? Con quale qualità? Vogliamo parlare dell’educazione pubblica? Non basterebbe un semplice post per fare questo, quindi meglio sorvolare.

La maggior flotta di Jet e elicotteri. Forse questa dolce scrittrice non ha mai preso un volo in un aeroporto pubblico brasiliano. O forse lei viaggia solo di Jet personale.

Questa cosa del “popolo unito” é falsa. Qui in Brasile i negri sono ancora considerati inferiori, come i nordestini o gli stranieri in genere.

Sul genoma umano ha sbagliato di grosso. Oltre al Brasile vi sono altri paesi di questo emisfero che aderiscono, come Africa del Sud, Angola, Australia e Nuova Zelanda.

Sul fatto che il sistema bancario brasiliano sia tra i più moderni del mondo ho qualche dubbio, ma una cosa é sicura: è quello che detiene i maggiori juros! Obrigado Brasil!

Democrazia. L’unica cosa certa é che, essendo una popolazione di quasi 200 milioni di persone, il Brasile é uno dei paesi con più elettori del mondo. Ma questi numeri non fanno di una nazione una democrazia.

ISO 9000. Andiamo a confrontare un prodotto costruito in Brasile e uno costruito in Europa, dopo se volete parliamo pure di qualità.

E potremmo continuare, ma penso che sia meglio finire qui, altrimenti questo post diventa infinito. In ogni caso siamo arrivati alla conclusione che questo testo é falso, scritto probabilmente da qualche brasiliano con l’unico scopo di dimostrare, con menzogne e luoghi comuni, che il Brasile é il migliore paese del mondo. Peccato che molti brasiliani pensino veramente a questo.
Show comments
Hide comments

15 commenti:

  1. Franco, devi credermi: tempo fa,ho cercato un documentario sul Brasile a titolo di svago su Internet, e mi è scappato l'occhio sotto i commenti. Non chiedermi la pagina perchè è stato per caso,...ma quei commenti erano scritti in pessimo italiano e invitavano noi italiani a non andare piu in Brasile perchè non avevano piu bisogno di niente, noi siamo poveri e LORO RICCHI PERCHE' HANNO LE MATERIE PRIME. Io te lo racconto nel modo piu normale, ma il messaggio era moooolto maleducato nel modo piu infimo del termine. Dato che sono italiana e povera non andrò piu nel ricco Brasile, quindi si tengano le loro materie prime, la loro scrittrice olandese (?)con tutto il suo ambaradan....Ma attenzione: chi si loda si imbroda!!!! Rosanna

    RispondiElimina
  2. Nel 2002, quando non esistevano ancora i famosi social network, ricevevo spesso delle mail con il racconto dell'olandese sul Brasile. All'epoca era una turista e non una scrittrice.
    Sono d'accordo su alcuni punti sul Brasile ma altri mi fanno ridere, soprattutto quelli che riguardano la politica e l'integrazione sociale/razziale.

    RispondiElimina
  3. Franco sei grande.....
    Purtroppo quello che dici tu è vero e lo può vedere solo chi passa molto tempo o meglio ancora vive in Brasile.... Perchè per il turista tutto è bello ecc. Ma viverci è un' altra cosa.....
    Bravo Franco un abbraccio.
    Gabriele il marchigiano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è COME PER NOI QUI IN ITALIA,SE SI VIENI A FARE IL TURISTA L'ITALIA NON PUÒ ESSERE PIÙ BELLA,SE VIENI A VIVERCI è UN INCUBO COME DELLO ITALIANO CHE VA A VIVERE IN BRASILE.UGUALE.

      Elimina
    2. Sono d'accordo con te, ma il problema non é tanto se la vita é bella o meno, ma quanto mentire spudoratamente e far credere una cosa per un'altra. Che l'Italia sia un bel paese non sono io a dirlo, ma non troverai mai un testo sull'Italia come quello scritto per il Brasile.

      Elimina
  4. Oi Franco,

    Esse e-mail está rodando na rede há anos. Algumas informações realmente foram fornecidas pela Antrhopos (http://www.anthropos.com.br), mas nos anos 90.

    De qualquer modo, todo estrangeiro sofre. Aqui ou aí.

    :)

    RispondiElimina
  5. Bravo, sei uno de primi Italiani che vedo parlare la realtà del Brasile.

    Quanto a questo testo, lo trovi come fake anche su QUATROCANTOS:

    http://www.quatrocantos.com/lendas/538_holandesa_falou_do_brasil.htm

    Saluti.

    RispondiElimina
  6. Oba! Un nuovo ammiratore! E con questo siamo a due o tre. Niente male per un "gringo" che solo parla male del Brasile (è quello che la gente dice).

    Ti ringrazio tanto per i complimenti. Fanno sempre molto piacere, specialmente quando arrivano dalla parte brasiliana (almeno cosí ho capito).

    Un caro saluto e complimenti per il tuo lavoro.

    RispondiElimina
  7. Ola Franco... eu, como voce tambem tenho dois coraçoes. Sou uma italo-brasiliana que resolveu viver na Italia exatamente por tudo o que voce escreveu. Nao falo, nem falaria mal do meu pais, mas a verdade é cruel.

    Quando decidi me mudar para ca, o fiz por causa da violencia exagerada que existe no Brasil, principalmente na cidade onde vivia Sao Paulo.

    Moro em Mantova e por aqui, embora exista violencia, esta bem longe de chegar aos pes de tudo o que passei no Brasil.

    Quanto aos automoveis, nem preciso dizer. Quando sai do Brasil, vendi meu corsa 96 por R$ 9.000,00 e cheguei aqui comprei uma Punto 96 por €150.

    Somos em 5 na familia e gasto aqui mais ou menos 300 a 350 euros ao mes no mercado. Se estivesse no Brasil este valor nao daria nem mesmo para a Cesta Basica.

    E quanto ao estudo, embora a Italia ainda nao seja a melhor, com certeza està muito a frente do Brasil, onde os alunos hoje em dia nao podem nem repetir de ano para nao traumatizar os coitadinhos...

    Fico muito triste em falar isso do Brasil, mas infelizmente, é a verdade.

    E compartilho com voce sobre a honestidade da apuraçao de votos.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Como vc mora em Mantova, cidade maravilhosa, vou falar em italiano.

      Io penso che tra l'Italia e il Brasile ci siano ancora grandi differenze, e non sto parlando di cultura o di abitudini, ma proprio del modo di vivere. Il Brasile ha delle potenzialitá incredibili per diventare veramente "um pais de primeiro mundo", peccato peró che per colpa di certi individui succeda il contrario. E questa "decadenza" di cultura, se cosí possiamo chiamarla, tutti questi problemi che il Brasile ha (leggi violenza, sanaitá o educazione) non credo che sia da attribuire solo al DIS-governo dello Stato. È troppo facile dare la colpa a chi ci governa se qui la gente ammazza come se niente fosse o se le cose non vanno bene. Penso che la colpa di tutto sia nella ignoranza di molte persone, ignoranza non dovuta alla scarsa scolaritá, ma proprio al modo di pensare e di vivere di certa gente. In Italia c'é un detto che dice "Ognuno ha ció che si merita". Questo forse potrebbe far pensare a qualcosa.

      Abraços

      Elimina
  8. Mah!!! vivo in Italia ha 8 anni, a Napoli (che é sempre Italia), e sono d'accordo con molte cose che dicono nei post, che riguardano al Brasile. La violenza(anche se comunque è dimezzato, sono di Rio de Janeiro, e parlo della mia città, e nella quale non sono mai stata rapinata). Comunque, altro giorno, ho avuto bisogno di portare mia figlia ad un ospedale, e non ti dico... attesa... comunque ho preferito tornare a casa. In Brasile non ho mai avuto bisogno di scendere per strada con la scopa in mano, e spazzare, neanche quando vivevo nella favela, e qui a Napoli lo fatto più di una volta, perché era cosi sporca la strada, e gia, non viene nessuno, facciamo noi!!! noi chi?? la coletività purtroppo non fa parte dei italiani, nessuno italiano mi ha aiutato. Per quanto riguarda volontariato, non conosco nessuno dei amici miei o di mio marito che lo facciano, io si. La maleducazione qui purtroppo c'è e tanto, non mi ricordo quando ero incinta qualcuno che abbia offerto un posto da sedere al bus, o in metro, MAI!!!!! Anziani, donne con bambini, incinta, qui in Italia è uguale al ragazzino di 14 anni. In una fila, non me hanno mai offerto di passare avanti, sei incinta, sei vecchia... sono cazzi tuoi, cosi rispondono. Ma neanche per questo dico che qua vivo male, che odio, o qualcosa del genere. Questo post scritto non so da chi, dice delle cose che sono d'acordo o altre no, Invece vedo gente qui che non perde la opportunità di parlare male del Brasile. Non dimenticati " OGNI MONDO è PAESE". E come dice Franco, forse l'Italia adesso a quello che se lo merita... dopo 20 anni ancora Berlusconi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sento in dovere di rispondere, perché alcune cose da te menzionate meritano una spiegazione.

      Iniziamo col dire, e qui non me ne voglia nessuno, che Napoli non é l'Italia. Voglio dire che quello che succede nella capitale partenopea non significa che succeda nelle altre città della penisola. Io, come ho sempre detto, sono stato fortunato e sono nato e vissuto in Piemonte, e credimi, non sarà la Svizzera ma certamente é una regione pulita, almeno dove io vivevo. Inoltre devo aggiungere che non c'è nulla di male nel pulire davanti casa. E forse tu non lo hai mai fatto, ma vedo qui molte persone che puliscono quotidianamente la "calçada".

      Per quanto riguarda la maleducazione nei bus, penso che non dipenda molto dal paese in cui vivi, ma dalle persone che incontri. E ti posso garantire che anche qui in Brasile trovi persone maleducate, specialmente sugli autobus. Sul fatto che "sono cazzi tuoi", questo é vero, ma io non lo vedo come un difetto. Qui in Brasile c'é la brutta abitudine di privilegiare alcune persone, e questo a mio parere non é giusto. In Italia una persona anziana ha gli stessi diritti di una piú giovane, senza distinzione. Qui invece anziani e gravide ti passano davanti in ogni posto, e non hai idea di come girino le palle quando fanno questo. Lo so che un giorno diventerò vecchio anch'io, ma non per questo mi devo sentire superiore o privilegiato.

      Volontariato? Nel 2011 in Italia c'erano 5 milioni di italiani che hanno svolto una qualche attività gratuita presso un’associazione di volontariato (dati Istat). Forse tu non li vedi perché non ci piace farci pubblicità. Sarebbe come dire "Guarda come sono bravo a fare il volontario", e questo é sbagliato.

      Sull'attesa che hai avuto all'ospedale, credimi, forse tu non hai idea di cosa voglia dire fare una semplice consulta alla SUS.

      Su Berlusconi ancora in politica, preferisco dire solo un... NO COMMENT. Ma quello che sta facendo la tua Dilma & Co. nel tuo paese, é decisamente peggio del bunga-bunga.

      Elimina
  9. E´il paragone che faccio sempre io: Il Brasile e´una enorme Napoli!
    Napoli e´cosi´per sola colpa dei napoletani, detto dal mio migliore amico che e´próprio... napoletano, il Brasile e´la stessa cosa, mancano solo le sfogliatelle e quella che qui chiaman pizza che costa 4 volte di piu´che all´ ombra del Vesúvio.

    RispondiElimina
  10. Il Brasile e´una enorme Napoli!

    Questa mi piace. Conosco alcuni napoletani che non sarebbero d'accordo con questa affermazione, ma esistono molte cose in comune.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente si sentirebbero offesi i tuoi amici napoletani!
      A Napoli almeno la criminalita e organizzata...qui no!

      Elimina