Adbox

giovedì 22 novembre 2012

L'arroganza de potere


La Presidenta Dilma Vana Rousseff Linhares ancora una volta ha diostrato la sua arroganza credendo di sapere tutto. La Presidenta, che in questo periodo sta passeggiando per la Spagna, ha dichiarato che il modello economico e la maniera di come la Europa si sta occupando di questo, è sbagliato.

È interessante vedere questa Presidenta di una nazione del terzo mondo, ma al sesto posto della classifica economica mondiale. Non che noi siamo tali, ma perché chi sta dietro di noi sta attraversando una crisi infernale. Così, quando queste nazioni riusciranno a respirare di nuovo, noi torneremo alla fine della fila.

Beh, questa Presidenta non riesce a far raggiungere il PIL del Brasile ai numeri che erano previsti, in una caduta molto forte. In un paese dove le famiglie sono indebitate per il credito troppo facile, dando all’economia una retrazione molto accentuata. E con un debito interno di 2 trilioni di reais, con l’inflazione che gira nelle nostre tasche e con le aziende statali che attraversano un periodo di incertezza, il crash è molto probabile. Inoltre siamo il paese che cresce meno tra i BRICS da diversi anni e detiene la peggior crescita tra i paesi latino-americani.

Una nazione che non riesce nemmeno a fare i compiti di casa, ma che pretende di insegnare agli altri come curare i propri mali. È molta pretesa e impudenza. Ma purtroppo segue le orme del ex-presidente che affermava che la crisi non avrebbe attraversato l’Atlantico.

Tutto questo senza contare che il paese è il luogo di nascita di furto e corruzione, le infrastrutture non esistono e il costo di produzione locale è a dir poco pornografico.

Per non parlare poi dell’estrema povertà da terzo mondo che vive la maggior parte della popolazione, dove non hanno servizi igienici adeguati o acqua pulita da bere.

Ma cosa pensano queste persone? Saranno veramente così ottuse e pretenziose  da credere nelle loro stesse bugie? Loro stanno vendendo del pesce marcio, e peggio di tutto, c’è chi lo sta comprando.

Ho avuto contatti con alcuni spagnoli che pensavano che questo paese era il Paradiso in Terra. Ma quando hanno visto la realtà di tutti i giorni, andarono via delusi.

E per chi non l’avesse notato, questo DESgoverno toglie l’IPI dalle auto nuove ma aumenta altre tasse per compensare la perdita. Chi è imprenditore sa di cosa sto parlando. E poi vendono la bugia dei bassi interessi, le banche hanno ridotto i tassi con la forza ma le tariffe imposte da loro ai propri correntisti sono esplose. Ma di tutto questo la stampa addomesticata non dice niente.

E per finire, la nostra amata Presidenta  si cimenta in diplomazia cercando di interrompere il conflitto di Gaza. Ha telefonato al segretario generale dell’ONU, dicendo di far cessare il fuoco e… NADA! Il Segretario di Stato degli Stati Uniti è andato in Medio Oriente, ha avuto una riunione co il Presidente dell’Egitto,  e il cessato fuoco è stato subito annunciato.

È impressionante l’importanza che questo DESgoverno di rossi topi da terzo mondo si da. Quando l’ex-presidente, ancora al potere, fu anche lui in Medio Oriente tentando di negoziare una pace tra loro, non si risolse in niente. Ora è stata la volta della Dentuça a fare la stessa cosa e con lo stesso risultato.

È di rilevante importanza come gli arroganti governanti di questo paese credono di avere molto potere, ma finisce quando un Segretario di Stato riesce a fare molto di più e con meno pubblicità che una Presidenta prepotente, arrogante e incompetente.

Il conflitto della fascia di Gaza continuerà ancora per decenni. Quello che non si può sopportare sono governanti senza nozioni che cercano di avere profitti elettorali con le guerre degli altri paesi. E, peggio di tutto, tutta questa gente non apprende mai!!

Tradotto e adattato da: O Mascate


Show comments
Hide comments

7 commenti:

  1. Come ho iniziato a leggere questo post mi sono detto: "finalmente Franco inizia a parlare con il cuore", anche se non capivo del perché parlasse come un brasiliano originale. Solo alla fine mi sono accorto che era farina del grande Mascate (venditore ambulante).

    Ma non importa chi sia l'autore, ma quello che conta è che sta parlando di cose vere, quelle cose che i telespettatori di telenovelas non comprendono, e mai comprenderanno.

    Non troppo fuori dal tema, il 29 di questo mese, in occasione del 205° anniversario della fuga dal Portogallo della corte portoghese, composta da oltre 15 mila parassiti, uscirà il mio post programmato per quella data, intitolato il Il jeitinho brasiliero, dove cerco di spiegare la nascita del cosiddetto jeitinho. Testo che fa da corollario a questo del Mascate.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace averti deluso. Purtroppo se veramente parlassi "col cuore", come tu dici, rischierei di perdere cose e persone a me care. Quindi a volte é meglio lasciar parlare gli altri.

      Elimina
  2. Non è delusione. Ci mancherebbe altro. E per saltare di palo in frasca, come mio costume, tra poche ore sarà pubblicato un post che ho programmato per le 03:30 intitolato Secca del Ceará giusto per integrare le roboanti dichiarazione della pasionara si cui sopra.

    RispondiElimina
  3. O Brasil não chega aos pés da Italia, imagina então de Alemanha, França, Suiça etc etc...Tem ainda muita pobreza, muita violencia urbana, povo sem instrução, etc etc e penso que enquanto as pessoas derem importancia a Copa do Mundo e Carnaval, as coisas não mudam. Amo meu País, mas infelismente esta é a realidade, que politicos fingem não saber. lógico...
    Jorge Henrique

    RispondiElimina
  4. a verdade é que às pessoas gostam assim e ponto. eu quero tchu.... etc etc

    RispondiElimina
  5. Facile entrare in una casa tutta pulita e ordinata, difficile è mantenerla. La stessa cosa del Brasile quando Lula è arrivato a Brasilia.
    Sono dalla parte di Jorge Henrique. L'educazione è la base di tutto e serve per farci ragionare meglio sui problemi della nostra società.

    RispondiElimina
  6. Cara Juliana, l'educazione è tutto in un Paese, quanto piu ignorante un popolo, piu facile da essere manipolato (non so se si scrive così).L'ignorante è felice perche non sa della vera realtà delle cose. Nel caso brasiliano, il pane e circo si tradurre: carnevale e calcio...E allora tocca leggere commenti idioti nascosti sotto il cognome ANONIMO...

    RispondiElimina