Adbox

mercoledì 1 agosto 2012

Sempre più in alto!


Chi ha più di 40 anni si ricorderà certamente di quella pubblicità della grappa Bocchino con lo scomparso Mike Bongiorno dove, dalla vetta del Cervino, gridava la sua frase famosa “Sempre più in alto!”.

Bene, il Brasile sta diventando come questa grappa, nel senso che se ne assumi troppo fa male, ma anche per l’incredibile ascesa in tutti i campi.

E’ di ieri che il Venezuela si è unito agli altri Stati del Mercosul (Mercato Comune del Sud) e la nostra beneamata Dilma non ha perso l’occasione di esternare la “sua” supremazia prendendosi tutto il merito. Infatti possiamo trovare sui giornali frasi come:

"O Mercosul se transforma agora na quinta economia mundial", com um Produto Interno Bruto (PIB) de US$ 3,3 trilhões, e se consolida como uma "potência" nas áreas de energia e produção de alimentos, declarou Dilma Rousseff ao oficializar a entrada da Venezuela como quinto membro do bloco…
Dilma deu uma "calorosa boas-vindas" a "todo o povo venezuelano" ao Mercosul, que agora passa a ser uma zona econômica com 270 milhões de habitantes e que representa 70% da população sul-americana…
"Isso inspira a perspectiva de o Brasil vir a se transformar na quinta economia do mundo, possivelmente ao final da próxima década em que estamos ingressando"… e via discorrendo.

Ora, al di là del fatto che queste affermazioni siano vere o false, è proprio necessario che sia sempre la Dilma a parlare? Sarebbe merito suo se il Venezuela si è aggregato agli altri paesi? Perché solo il Brasile potrà diventare la quinta economia del mondo? Ma perché questa donna non impara un po’ di diplomazia e la smetta, almeno per un attimo, di atteggiarsi a grande padrona del mondo? Ma nessuno ha insegnato a questa donna un poco di umiltà? Ma evidentemente la modestia è una virtù che ben pochi brasiliani hanno.
Show comments
Hide comments

1 commento:

  1. La quinta economia del mondo producendo soia, vacche (gados) arroz, feijao... tutte cose a bassissimo valore aggiunto. Em quanto como diz Diogo Mainardi, os brasileiros nao tem nem agua encanada... Il Brasile è la sesta economia del mondo solo perchè è uno dei paesei più grandi e poplati del mondo, essendo grande 28 l'Italia che senza risorse naturali, senza acqua (pochissima), senza petrolio, con un terzo della popolazione ha il PIB o PIL uguale a quello del Brasile (ha superato Italia e Inghilterra ma di pochissimo). Tutto questo solo grazie all'intelligenza e alla laboriosità del popolo italiano, mentre in Brasile si fabbricano as carroças nacionais in Italia si fabbricano Ferrari, Lamborghini, Maserati, Pagani, Alfa Romeo, tutte auto che se vengono esportate in Brasile vengono penalizzate da una pioggia di tasse... poi Dilma ci da lezioni di economia, ma ci faccia il piacere...

    RispondiElimina