Adbox

martedì 21 agosto 2012

Il Brasile è il 4° paese più disuguale dell’America Latina


Nonostante la crescita economica, che ha portato il paese a superare il Regno Unito e consolidare il sesto più grande prodotto interno lordo (PIL) di tutto il mondo, il Brasile è ancora una nazione delle grandi disuguaglianze sociali.Secondo la relazione sulle città latino-americane da parte delle Nazioni Unite per gli insediamenti umani (UN-Habitat), il Brasile è il quarto paese più diseguale in America Latina nella distribuzione del reddito, dietro a Guatemala, Honduras e Colombia.
[Ancora con questa storia del PIL? Ma non hanno capito che non serve a niente questo dato?]

onu-americalatinaIl Brasile, tuttavia, negli ultimi decenni sta facendo progressi nella lotta contro le disuguaglianze. Secondo lo studio, il paese era nel 1990, il numero 1 nella classifica delle nazioni con la distribuzione del reddito peggiore.
[Caspita, che progresso! In 22 anni è sceso di 3 posizioni. Complimenti per lo sforzo!]

Secondo l'indagine, "Estado de las ciudades de América Latina y el Caribe 2012- Rumbo a una nueva transición urbana", pubblicato oggi (martedì 21), l'America Latina è la regione più urbanizzata del mondo. Il rapporto prevede che il tasso di popolazione urbana raggiungerà il 89% nel 2050. Il tasso di urbanizzazione in Brasile era il più grande in America Latina tra il 1970 e il 2010. Oggi, 86,53% della popolazione vive nelle città.
La rapida crescita, tuttavia, non ha portato lo sviluppo delle regioni urbane che soffrono di problemi di infrastrutture, alloggi, mezzi di trasporto, inquinamento e la sicurezza pubblica.
[E’ proprio il caso di dire “vado a vivere in campagna”]

arteonu-2Inoltre, cinque città brasiliane sono tra quelle con la distribuzione del reddito peggiore tra gli strati della popolazione in America Latina: Goiania, Fortaleza, Belo Horizonte, Brasilia e Curitiba. Lo studio evidenzia la forte crescita del PIL del Brasile dal 1970 al 2009, lasciandosi alle spalle il Messico ei paesi che compongono il Cono Sud - Argentina, Cile, Uruguay e Paraguay. Oggi, il PIL del Paese rappresenta il 32% del PIL totale dell’America Latina. Eppure, se si considera il PIL pro capite, il Brasile occupa un posto modesto 13 °, poco più di 4.000 dollari l'anno, al di sotto della media dell'America Latina e dei paesi più sviluppati della regione, come il Messico, Cile, Argentina e Uruguay, e anche il Venezuela, che ha l'economia molto più dipendente dal petrolio.
[Questo PIL ormai ai brasiliani non glielo levi più dalla testa. E nonostante questo, il Brasile occupa la 13° posizione su 22]

Il Brasile perde ancora col problema della povertà per la maggior parte dei vicini . Poco più del 20% della popolazione vive in condizioni di povertà o di indigenza, una percentuale superiore a quella in Uruguay, Argentina, Cile e Perù. Costa Rica e Panama sono anche davanti a Brasile, con il più basso tasso percentuale di povertà urbana.
[Capito? Paesi come Uruguay e Costa Rica hanno meno poveri del “grande” Brasile]
Tuttavia, il numero dei poveri e bisognosi in Brasile si è dimezzato in due anni: dal 41% nel 1990 al 22% della popolazione nel 2009. Argentina e Uruguay ha anche ridotto della metà il numero di persone povere, che ora sono il 9% della popolazione in entrambi i paesi. Ma il Cile è stato il vincitore nella lotta contro la povertà, con una riduzione del 70% - 39% nel 1990 al 12% nel 2009 la percentuale di persone povere del paese.
[Quindi, ricapitoliamo: in 19 anni il Brasile ha “ridotto” (anche se sappiamo tutti bene come la Dilma ultimamente è riuscita a diminuire drasticamente il numero dei poveri con una strategia degna di lei – non è un complimento) di circa il 45% i poveri del suo paese. Argentina e Uraguay circa il 50% e il Cile un bel 70%]

Secondo il ricercatore Vittrup Erick, il maggior funzionario delle Nazioni Unite per gli insediamenti umani (UN-Habitat), oggi ci sono 124 milioni di poveri che vivono in città dell’America Latina, il che equivale a circa il 25% della popolazione totale. Di questi, 111 milioni vivono in baraccopoli.
UN-Habitat considera come poveri quelle persone che vivono con meno di 2 dollari al giorno. "Se non si fa nulla per cambiare questa situazione, in tutto il mondo, tutte le famiglie urbane di oggi, che rappresentano 3,5 miliardi di persone, vivranno in baraccopoli entro il 2050," ha detto.

Vediamo più in dettaglio ciò che la relazione parla del Brasile:
Risanamento: lo Studio di UN-Habitat mostra che il Brasile è solo 19° in America Latina nella cura dei servizi igienico-sanitari. Secondo l'indagine, poco più del 85% della popolazione urbana dispongono di servizi igienici in casa, e le città intermedie sono più svantaggiate in questo senso.
Acqua: Erick Vittrup sottolinea che, sebbene quasi tutto il territorio brasiliano è coperto da approvvigionamento di acqua corrente, ci sono ancora problemi di approvvigionamento nelle favelas e nelle zone alla periferia della città, dove le interruzioni di fornitura accadono con una certa frequenza. "La qualità delle acque in molte regioni è anche pessima perché c'è scarsa copertura degli impianti di trattamento," ha aggiunto.
Favelas: Il Brasile è il 14° paese in America Latina, dice il rapporto, con più persone che vivono nelle baraccopoli. A livello nazionale, il 28% della popolazione vive in comunità con infrastrutture carenti, la maggior parte in una situazione informale. L'indice degli abitanti delle baraccopoli in Brasile è superiore alla media latinoamericana, che è  del 26%.
Inquinamento: Il sondaggio dice che il Brasile è il secondo più grande inquinatore in America Latina, responsabile delle emissioni di gas che provocano il 23% dell'effetto emissioni nella regione. La percentuale è pari alle emissioni di tutti i paesi dei Caraibi aggiunti i quattro paesi del Cono Sud. Il Brasile è secondo solo al Messico, che è responsabile della produzione del 30% di gas inquinanti nella regione. Secondo il sondaggio, il 77% dell'anidride carbonica emessa nella città di São Paulo provengono da mezzi di trasporto individuali, come le autovetture, furgoni, autocarri e motocicli. E’ la percentuale più alta del Brasile
Trasporti: San Paolo viene anche citata in studiare come una delle città brasiliane più colpite dal traffico. Secondo il rapporto, ogni occupante di una macchina produce in numero di ore, la congestione 11 volte maggiore di un passeggero di autobus. Sempre secondo lo studio, gli ingorghi della capitale causano un costo aggiuntivo di gestione del 15,8% per il trasporto pubblico.
Violenza: Il rapporto afferma che la violenza e la criminalità sono considerati, secondo i sondaggi, le principali preoccupazioni dei cittadini latino-americani. Il tasso di omicidi annuo nella regione è la più alta del mondo, con più di 20 morti ogni 100 000 abitanti."Rio de Janeiro era rimasta nella top 10 delle città più violente. Ora, le città sono più insicuri sono in Guatemala e Messico. Ma il Brasile ha ancora città molto violenti ", dice Erick Vittrup. Lo studio dice anche che il Brasile è uno dei paesi con il più alto tasso di omicidi di donne del mondo, rimanendo in 11 ° posizione in America Latina.
Futuro promettente in vista: Lo studio delle Nazioni Unite- Habitat rileva che, nonostante i problemi e le sfide nelle città in via di sviluppo, il Brasile e l'America Latina stanno per sperimentare un nuovo ciclo di transizione urbana, che mira a garantire "un sostanziale miglioramento della qualità della vita nelle città", con l'uguaglianza e la sostenibilità.
[Qui i commenti non sono necessari]

Lo studio afferma inoltre che "uno dei più famosi e di successo" dell’America Latina rispetto alla regolamentazione delle città, è la Lei de Responsabilidade Fiscal, adottata in Brasile nel 2000. La legge impone un controllo sulla capacità di indebitamento e di equilibrio dei conti pubblici, e vieta l'accumulo di deficit in un periodo di governo ad un altro.

Per Erick Vittrup, le principali soluzioni per le città è quello di promuovere politiche di armonizzazione e la coesione territoriale, di accelerare il ritmo delle riforme urbane e dedicare più sforzi nelle città di monitoraggio. Per lui, nessuna esperienza, la capacità, le risorse e la consapevolezza politica di migliorare la qualità della vita nelle città. "La sfida principale è come sviluppare gli strumenti per affrontare le forti disuguaglianze all'interno delle città", conclude.

Tradotto e adattato da Globo.com
Show comments
Hide comments

3 commenti:

  1. Per commentare occorrerebbe un volume della Treccani, ma usando il cellulare mi soffermo solo sulla prima tabella, dove leggo che il Venezuela è il paese meno disuguale dell'America Latina.

    Dopo aver visto questa tabella mi sono fermato nel proseguire nella lettura. Solo questo dato dice quanto sia l'articolo di globo.com che i dati forniti da questa fantasmagorica ricerca siano falsi.

    Non perdo il mio tempo a leggere certi dati creati ad hoc dal Foro di San Paolo ad usum Delphini, solo per incensare il paese più dittatoriale dell'America Latina, secondo solo alla sanguinaria isola prigione dei fratelli Castro.

    RispondiElimina
  2. Che la Globo e altre agenzie di informazioni a volte mentono, o perlomeno cerchino di nascondere la verità al popolo brasiliano lo sappiamo tutti. Però in questa ricerca dell'ONU, che si trova facilmente in rete, si legge:

    "En la región [America Latina], el 20% de población más rica tiene en promedio un ingreso per cápita casi 20 veces superior al
    ingreso del 20% más pobre 19 . No obstante, las diferencias son considerables y, mientras en Venezuela y Uruguay, que son los menos inequitativos de la región, la diferencia de
    ingreso entre el quintil más rico y el más pobre no supera las diez veces, en los países con mayor desigualdad puede exceder las 30.

    El promedio del índice de Gini 20 correspondiente a América Latina y el Caribe ha estado por encima del que han tenido las demás regiones del mundo desde, por lo menos, 1970 21 . En la región, los países más desiguales
    por la distribución de la renta son (ordenados de mayor a menor coeficiente) Guatemala, Honduras, Colombia, Brasil, República Dominicana y Bolivia, todos ellos con
    un coeficiente por encima de 0,56. Por debajo de 0,50 se encuentran Costa Rica, Ecuador, El Salvador, Perú y Uruguay. Venezuela, el país con menos inequidad de
    ingreso (0,41 de Gini), era, según cálculos para 2009, más desigual que Estados Unidos o el país más inequitativo de la zona euro (Portugal), ambos con un valor de 0,38".

    Quindi questa volta, se i dati sono falsi, non è colpa della Globo.

    RispondiElimina
  3. Caro Franco, nella tua risposta scrivi "in questa ricerca dell'ONU" riferendoti ad una pubblicazione del Programma delle Nazioni Unite per gli Insediamenti Umani conosciuta come UN-HABITAT.

    Si tratta di un ente legato solo alla lontana, ossia un semplice programma dell'ONU, che promuove un'urbanizzazione socialmente ed ambientalmente sostenibile, tant'è che la sede si trova a Nairobi.

    Quella dei paesi dell'America Latina e dei Caraibi prevede la partecipazioni dei soli membri Brasile, Bolivia, Cile, Colombia, Costa Rica, Ecuador, Haiti, Messico e Panama, e viene finanziato dagli stessi membri.

    La premessa era d'uopo per chiarire che non si tratta di una ricerca dell'ONU, ma di un gruppo di persone che si avvalgono dell'egida dell'ONU per dare più peso alle loro elucubrazioni mentali.

    Sul fatto, che apparentemente, Globo non mente, almeno in questo caso, si tratta di un cavillo formale di auto-referenziamento. Infatti, pen mentire non occorre dire la classica bugia, ma semplicemente utilizzare come dati quelli provenienti da fonti palesemente di parte, che forniscono una massa enorme di dati oscuri alla massa solo per intorpidire le menti, e fra credere come vero quello che è falso.

    E citare il VENEZUELA come il paese meno disuguale dell'America Latina è un falso talmente macroscopicamente FALSO da far vergognare. E questo Globo lo sa molto bene, ma utilizzando ad usum Delphini le notizie false di una fonte apparentemente seria, avvalla e sostiene la menzogna.

    RispondiElimina