Adbox

martedì 29 novembre 2011


E mentre abbiamo una Dilma che non passa giorno senza fare qualche affermazione sulla grandezza del Brasile, c’è qualcuno che sembra abbia i piedi per terra.

La Presidente Dilma Rousseff ha affermato questo lunedì(28) che la politica fiscale, il controllo dell’inflazione, la distribuzione di rendita e la generazione di nuovi posti di lavoro sono i fattori responsabile per il “blindaggio” del Brasile in questo momento di crisi internazionale.

Davanti alla crisi, abbiamo tutte le chances per continuare crescendo, perché il Brasile è maturato economicamente. Siamo un paese che sa crescere, mantenere la stabilità, non diventa matto indebitandosi là fuori, come si faceva prima. Abbiamo una inflazione che piano piano arriverà alla meta prescelta, una politica fiscale seria. Il Brasile ha anche un processo di distribuzione di rendita, forse il maggior responsabile per questo “blindaggio” in relazione all’estero", ha detto in un discorso a São Gonçalo do Amarante, nel Rio Grande do Norte.

E’ chiaro che, davanti a una economia in crisi, davanti ad alcuni Stati moribondi, il Brasile ha certamente alcune chances per crescere, ma non lo vedo motivo di orgoglio questo. E poi di quale processo di “distribuzione di rendita” parla? Il Brasile è uno dei Paesi con maggiore disuguaglianza sociale ed economica. Io non vedo questa distribuzione.

Dilma ha anche detto che, attualmente, "arrivare alla quinta potenza" è più vicino per il Paese. "Ma noi non vogliamo diventare la quinta potenza [strano,perché qualche giorno prima aveva affermato il contrario], vogliamo essere un Paese senza povertà, un paese di classe media", ha affermato.

Per fortuna c’è qualcuno che pensa (e parla) diversamente.

L’ex-governatore di São Paulo, José Serra (PSDB) ha criticato, sempre nello stesso giorno (28) la posizione del Brasile nello scenario internazionale.

Citando indicatori economici e sociali, ha detto che il Brasile è ancora piccolo. "Il Brasile ancora è, nel contesto dell’economia mondiale, per incredibile che sembri, un paese piccolo", ha detto il “tucano” in una conferenza durante il 7º Congresso Paulista dei Giovani Imprenditori, presso la Fiesp (Federação das Indústrias do Estado de São Paulo).

Serra fece un esempio: il Brasile rappresenta il 3% del PIL (Prodotto Interno Lordo) mondiale, 2% del commercio mondiale e rimane nella 75º posizione per rendita pro capite, tra le altre cose.

"Abbiamo una sfida molto grande davanti, che è vincere questo quadro di sottosviluppo, di non sviluppo, di modestia in relazione all’avanzamento sociale e maggior peso nell’economia mondiale."
"Il Brasile è l’unico paese al mondo che non ha abbassato gli interessi bancari, è stata una cosa fenomenale, non c’è errore di economia politica più spettacolare di questo, è uno dei più grandi errori del mondo, che diventerà un caso da studiare nei corsi di economia e di amministrazione nel mondo"

In un’altra critica, Serra ha affermato che il settore pubblico è diventato un’area di ricordi "Nel Brasile c’è molta gente, compresa nell’élite, che pensa questo: questo paese non si può riparare', uno soffre, l’altro gode. Il governo e il settore pubblico passeranno a essere zona di ricordi di chi non ha fede nel Brasile."

Una cosa è certa: non sono le dimensioni a fare grande un Paese, e nemmeno i discorsi altisonanti. Avremo modo di vedere la reale crescita del Brasile.

fonte: Folha.com
Continue reading

domenica 27 novembre 2011


Copiato dal blog Milton Ribeiro, che fu copiato dal blog Championship Chronicles, che fu copiato da… non so, ma è impossibile non copiare una cosa simpatica come questa:

- Querido?~
– Hum?
– Posso falar com você?
– Claro.
– Olha para mim?
– Pronto. Desculpe… Ei, nós vamos sair?
– Não, por quê?
– Então porque você está trocando de roupa?
– Não estou me trocando.
– Então porque você está só de calcinha e sutiã?
– Porque eu quero falar com você.
– Mas você precisava estar sem roupa?
– Sim.
– Você não está doente, está?
– Como assim?
– Você aparece aqui quase sem roupa e dizendo que precisa conversar. É sinal que eu vou ter que apalpar algo. Não é câncer de mama, né? Você sentiu algum caroço?
– Não é nada disso!
– Ok, mas você precisa concorda comigo. Eu apareço na cozinha vestindo cuecas e dizendo que preciso conversar com você. Aposto que você ia pensar na mesma hora que era sobre aquele meu joelho bichado.
– Não. Eu iria achar sexy.
– Oi?
– Sim, eu acharia sexy. Você não me acha sexy com esse lingerie?
– Acho. Essa calcinha fica bem em você. Era isso?
– Não. Eu quero contar uma coisa.
– Diga.
– Eu bati o carro hoje.
– Pelo amor de Deus! Quando? Você está bem?
– Mas não foi nada grave… Só arranhou a porta lá na entrada do prédio.
– Quando foi isso? Você se machucou?
– Não, não. Eu estou bem, só me assustei um pouco.
– Mas quando foi isso?
– Foi agora, quando cheguei, faz uma meia hora.
– Mas não está doendo nada? Tem certeza? Quer ir ao hospital?
– Não, estou bem. Pode ficar tranquilo.
– Mas por que você não me avisou? Você entrou em casa, me deu oi, saiu e voltou de novo!
– Então, é porque eu fui até essa loja comprar a lingerie.
– Oi?
– Sim, esta que estou usando.
– Essa calcinha é nova?
– Sim.
– Espere. Deixe eu entender. Você bateu o carro, entrou em casa, e não falou nada. Saiu, foi comprar uma calcinha, voltou, vestiu e decidiu falar sobre o carro?
– Isso.
– Maristela, você está bem?
– Claro. Eu já disse, não machucou.
– Não, não é isso. Você não poderia ter entrado em casa e falado “arranhei a pintura do carro, mas estou indo ali comprar uma calcinha e já volto”?
– É que eu queria estar sexy para você.
– Por causa do carro?
– Sim.
– Mas não tem porque ficar bonita para isso!
– Eu queria.
– Você não bateu a cabeça quando bateu o carro? É normal ficar um pouco desorientada…
– Claro que não! Estou ótima!
– Mas por que você quis ficar sexy para me contar que a porta do carro está amassada?
– Ai, Alfredo… Vem cá para perto…
– Para de esfregar as mãos nos seios! O que você está fazendo?
– Você não gosta?
– Claro que gosto, mas você acabou de bater o carro! Não faz sentido. Bater o carro te excita?
– Claro que não!
– Porque você está estranha.
– Ai Alfredo… Estou apenas seduzindo você.
– Mas e o carro? Você não está nem aí?
– Não, e você?
– Não, eu fiquei aliviado por que você não se machucou. Mas fiquei aliviado, e não morrendo de tesão.
– Ai, Alfredo… Você é tão devagar…
– Tem certeza que isso não te excita? Eu vi um filme uma vez…
– Chega, Alfredo.
– É sério. As pessoas se excitavam com porrada de carros…
– Desisto.
– Você não é assim, é? Teve aquela vez que eu dei ré e enfiei o carro num poste e você não ficou assim. Se ralar a pintura deixou você acesa desse jeito, aquela vez deveria ter deixado você em ponto de bala. Foi uma baita pancada.
– Como você é grosso, Alfredo!
– Não, eu só não entendo a lógica da coisa. Você bate o carro e vem aqui de lingerie me contar. A gente vai comemorar?
– Ai, Alfredo, esquece!
– Não, eu quero saber. É como se fosse um aniversário de casamento? Esta é a nossa primeira porta amassada do casamento, então você coloca uma calcinha nova, vamos abrir uma champagne… É isso?
– Esquece!
– Não, senhora! Quero saber de onde você tirou essa ideia!
– Não. Vou para o quarto colocar uma calça.
– Primeiro, responde. De onde você tirou essa ideia?
– Eu vi na TV, ok?
– Quê?
– Vi uma propaganda que diz que a lingerie sexy ajudar a contar notícias ruins para o marido.
– Oi?
– É. É isso. Pronto, falei! E você cortou o clima!
– Sério, Maristela… Eu não fiquei bravo porque você bateu o carro, eu fiquei preocupado com você. O carro que se foda. Para de alisar a barriga e fazer biquinho!
– Esquece, Alfredo. Você é insensível demais!
– Não tem lógica! Quer dizer que se eu perder o emprego, tudo o que preciso fazer é entrar em casa, tirar a roupa e ficar usando uma cueca nova para te contar a novidade?
– Eu vou para o quarto!
– Isso. Eu vou descer para ver o carro e você vai colocar uma roupa.
– Pode apostar que eu vou! Você nunca mais vai me ver de lingerie!
– Para de gritar, Maristela. O que é isso? Essa nota aqui?
– Que nota?
– Maristela, você pagou oitenta paus nessa calcinha!
– Não é calcinha, é lingerie!
– Oitenta reais? Nisso aí?
– Sim! Porque eu queria que você não se magoasse com o carro!
– Eu não me magoei! Mas oitenta reais!? Com oitenta reais eu compro cuecas para uns dez anos! E ainda pego umas meias!
– Alfredo, você é um insensível mesmo.
– Não importa! Oitenta reais?
– Eu queria que você não ficasse bravo com o carro!
– Não estou bravo com o carro, mas sim com você pagar oitenta reais numa calcinha!
– Não é calcinha! É lingerie!
– Você que vai pagar a funilaria desse carro, Maristela!

4637252-nel-vettore-ornamento-floreale-stile
- Pai?
- Hm?
- Posso falar com você?
- Posso apenas terminar este relat... Ei, você está indo tomar banho?
- Não, por quê?
- Então por que você está só de cueca?
- Eu queria falar com você.
- Mas você não pode colocar uma roupa?
- Só depois de falar com você.
- Bem, fale logo, então.
- Eu fui suspenso na escola hoje.
- Como assim?!
- É. Dois dias de suspensão.
- Renato, você tem oito anos! Ninguém com oito anos consegue ser suspenso!
- Mas eu fui...
- O que você aprontou?
- Eu briguei com a Fabiana na sala e joguei o lápis dela no chão.
- E você foi suspenso por causa disso?
- Não, então... Aí a tia viu e me mandou ir para a sala da diretora.
- E o que a diretora disse?
- Ela me deu uma suspensão. E que é para você e a mamãe irem lá conversar com ela amanhã.
- Mas só porque você jogou o lápis da sua amiga no chão?
- Não, a diretora nem sabe disso.
- Renato, eu não estou entendendo nada. Você foi para a sala da diretora ou não?
- Fui.
- E o que ela disse?
- Que eu não tenho vergonha.
- Mas por causa do lápis?
- Não. Acho que não.
- Renato, o que você aprontou?
- Tirei a roupa e entrei na sala da professora de cueca.
- De onde você tirou essa ideia?!
- Como eu tinha que contar pra diretora o que aconteceu, e eu ia levar bronca, fiz igual aquela moça loira do comercial que a mamãe gosta.
- Você é louco?!
- Eu estava com medo de levar bronca! E a mamãe disse que o comercial é inteligente.
- Eu vou matar você!
- Você não pode me dar bronca, porque eu estou de cueca também! É a mais legal que tenho, é a do Super-Homem!
- Sua mãe sabe disso? Ela sabe que foi suspenso por causa disso?
- Sabe.
- Maristela! Venha até aqui! Maristela!
- Mas pai...
- Vai colocar uma roupa agora! Coloca uma roupa ou eu mato você! Maristela!
- Mas e a suspensão?
- Depois eu vejo isso! Vai colocar uma roupa!
- Tá... Posso ficar com a cueca do Super-Homem mesmo?
- Tanto faz! Maristela, você fez o menino ser suspenso na escola! Cadê você?
- Ai, Alfredo, que gritaria, estou aqui. Você viu a injustiça que fizeram com o menino?
- VAI COLOCAR UMA ROUPA, MARISTELA!
Continue reading

domenica 20 novembre 2011


A presidente Dilma Rousseff disse nesta sexta (18) que o Brasil poderá ser a quinta economia do mundo.

“Nós podemos e seremos a sexta economia do mundo. Podemos chegar a ser a quinta economia do mundo, nós podemos chegar ao lugar que for mais perto do primeiro, mas, o que nós devemos perseguir mesmo é um país que tenha uma qualidade de vida para a sua população, que lhe dê um padrão de classe média".

Cosa dite se fossimo un pochino, ma appena un pochino, più ricchi in piano individuale?

Oppure ottenere in IDH più alto?


O una classificazione migliore nell’educazione di base?
O in competitività?

O negl’indici di mortalità adulta, qualunque sia il motivo?

O in trasparenza, o come indice minore di corruzione?

E cosa dite, tra l’altro, di cominciare con le dimissioni dei ministri bugiardi, imbroglioni e incompetenti?

Per esempio siamo il Governo con il più alto numero di Ministeri del mondo.

Non so, forse potremmo iniziare diminuendone la metà.

Cosa dite se cominciassimo a parlare di meno e a fare di più?


E cosa dite se alcune persone la smettessero di sentirsi più “grandi” e migliori di altri e imparassero a guardare all’interno dei loro innumerevoli problemi, tentando di risolvere qualcosa di concreto per il loro popolo, invece di parlare a vanvera dimostrando così la loro grande ignoranza?

Continue reading


Matadores de ratos do departamento de controle de pragas de Mumbai, na Índia, recebem US$ 0,10 por cada roedor que matam. Os caçadores caçam, pelo menos, 30 ratos por noite. Na manhã seguinte, eles devem entregar os animais para funcionários municipais. Segundo a agência Reuters, Mumbai é a única cidade no mundo que emprega matadores de ratos durante a noite.

fonte: Globo.com

Penso che anche qui in Brasile farebbero buoni affari. Se poi, oltre ai topi vanno a caccia anche di baratas, diventerebbero ricchi in poco tempo.
Continue reading

sabato 19 novembre 2011


25ºC
Pernambucanos ligam o ar quente
Cariocas vão à praia
Mineiros comem um feijão tropeiro
Curitibanos limpam o jardim
 
20ºC
Pernambucanos tremem incontrolavelmente de frio
Cariocas vestem um moletom
Mineiros bebem pinga perto do fogão a lenha
Curitibanos tomam sol no parque

15ºC
Carros pernambucanos não ligam mais
Cariocas se reúnem para comer fondue de queijo
Mineiros continuam bebendo pinga perto do fogão a lenha
Curitibanos dirigem com os vidros abaixados

10ºC
Decretado estado de calamidade pública em Pernambuco
Cariocas usam sobretudo, cuecas de lã, luvas e toucas
Mineiros continuam bebendo pinga e colocam mais lenha no fogão
Curitibanos botam uma camisa de manga comprida.

5ºC
Pernambuco entra num clima de armagedon
César Maia Lança a candidatura do Rio para as olimpíadas de inverno
Mineiros continuam bebendo pinga e quentão ao lado do fogão a lenha
Curitibanos fecham as janelas de casa

0ºC
Pernambuco começa a se desintegrar
No Rio, César Maia veste sete casacos e lança o "Ishnou Bórdi in Rio"
Mineiros entram em coma alcoólico ao lado do fogão a lenha
Curitibanos fazem o último churrasco no pátio, antes que esfrie...

-10ºC
Pernambucanos, Mineiros e Cariocas entram em estado de criogenia
Curitibanos começam a dizer: "Meu camarada, tempo brusco, tá muito frio".
"Vou tomar um leite quente"
Continue reading

lunedì 14 novembre 2011


RUTH DE AQUINO - 04/11/2011 21h44

Saremo presto la sesta economia mondiale. Ma siamo nella posizione 84 nell'indice internazionale che misura lo sviluppo umano di 187 paesi. Sembra assurdo, ma è proprio così. La classifica IDH dell’Onu scopre qualcosa che già sappiamo, ma che molti insistono a non vedere [e sono tanti].

I contributi pubblici per ridurre la povertà a breve termine, aiutano a eleggere presidenti, e consentono a milioni di poveri ad avere il frigorifero, televisore, fornello nuovo e auto. Tutto ciò é encomiabile, certo. Ma la carità non dà dignità a lungo termine, non cambia il futuro del Brasile. Istruzione e salute invece sì. Ma ancora oggi noni sono delle priorità. Così il reddito continua irregolare. E in questo modo abbiamo 19 "fratelli" dell’America Latina davanti a noi.

Questo non è un problema solo del PT o di Lula o Dilma. Il Brasile ha storicamente chiuso gli occhi alla disuguaglianza. Ha eletto un operaio metallurgico nella speranza di ribaltare la situazione. Abbiamo sognato un progresso sociale di gran lunga maggiore [e molti pensano di averlo già conquistato]. Noi, contribuenti, che paghiamo delle tasse stratosferiche, aiutiamo Lula a trasferire un pochino di rendita a quei poveracci che guadagnano in base al numero dei figli. Questa non è una ricetta per una vita sostenibile.

Abbiamo aumentato il numero di bambini e di adolescenti nelle scuole, questo sì. Anche gli anni di studio sono aumentati. Ma manca ancora molto. Abbiamo visto che sette anni di scuola in Brasile non insegnano la stessa cosa come in Argentina o Cile [eppure ho trovato persone, brasiliane e italiane, che affermano che la scuola pubblica brasiliana é migliore di quella italiana]. Essi non garantiscono che i bambini imparino a leggere e scrivere correttamente o fare dei conti semplici di matematica.

È scortese dire a Lula di curare il cancro alla SUS [non sono d’accordo]. Qualsiasi persona non [il neretto è mio] comune eviterebbe le code, l'incuria e la mancanza di preparazione della salute pubblica in Brasile [ma come, proprio nello stesso numero di Epoca asserite che il SUS funziona!]. Il dibattito ferve. Su Internet, antipetistas distillano odio. La rete di sicurezza di Lula è stata azionata. L'ex presidente non è l'unico a soffrire di una mancanza di compostezza di Interne. Tutti sanno - anche Chico Buarque – che la blogosfera è piena di insulti anonimi di ogni genere [anche molti blog]. Lula non è un poverino speciale. La diffamazione virtuale è un abito vile e aleatorio. Chi ha fatto campagna contro Lula dimostra un IDH basso.

Presto saremo la sesta economia mondiale, ma siamo in posizione 84 nello sviluppo umano. Tutto questo è inaccettabile[concordo].

È anche una mancanza di IDH un presidente che dice che "il Brasile non è lontano dalla perfezione nella cura della salute" [e altre amenità simili]. Questo è ciò che Lula disse in una delle sue gaffe “verbali” nel 2006. Può sembrare provocatorio a coloro che muoiono in cerca di un letto nelle emergenze degli ospedali [si]. Può sembrare insensibile a quelli che ammuffiscono per terra nei corridoi degli ospedali [si]. Aspettano mesi per una chirurgia. Pur con fratture o infezioni. Non ci sono lettighe, non ci sono medici, non ci sono posti liberi, nessuna vergogna di fronte a una nazione che ignora e uccide i suoi vecchi per la sua negligenza. Vecchi che hanno la stessa età dell'ex presidente Lula, il padre dei poveri. Lula avrebbe potuto solo dire che nel suo governo, la salute pubblica migliorò - e non sarebbe mentire. Forse sarebbe stato risparmiato da questa furia virtuale.

È anche una mancanza di IDH il numero di brasiliani senza bagno in casa: 13 milioni, il 7% della popolazione. Questa è un'altra classifica, dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, e il Paese occupa un insultante nono posto. Secondo l'IBGE, meno della metà dei brasiliani (45%) hanno fognature e solo il 38% riceve alcun trattamento. Io penso questo: cosa serve avere un televisore in una casa con bambini quando, sotto la finestra o davanti alla porta, c’è un fosso con la spazzatura, una fogna a cielo aperto e una miriade di topi?

E 'anche una mancanza di IDH che il Brasile non sia riuscito a dare un Enem [Exame Nacional do Ensino Médio (Enem) é una prova creata nel 1998 dal Ministério da Educação do Brasil che viene utilizzata come strumento per valutare la qualità generale del ensino médio del Paese] senza frode o cancellazioni. Studenti del Ceará sono scesi in strada con il naso da pagliaccio per dire che l’ENEM è un circo. Gli studenti provenienti da altri Stati minacciano di andare in tribunale contro l'annullamento. Non sarebbe mancanza di IDH insistere nel ministro dell'Istruzione, Fernando Haddad, come il candidato del PT a sindaco di São Paulo? Oltre a non riuscire una prova corretta dell’ENEM, Haddad non conosce la differenza tra Itaim Bibi, quartiere alto borghese della città, e Itaim Paulista, quartiere della zona Est. Serve urgentemente una mappa e qualche lezione di Marta Suplicy [politica, psicologa e presentatrice della TV brasiliana, ex-sindaco di São Paulo, ex-ministro del Turismo e senatrice].

È una mancanza di IDH l’esibizione bizzarra di cinismo del PcdoB e diDilma nello scambio dei ministri dello sport. Nessuno ha capito nulla. Orlando Silva, accusato di frode in milioni di dollari con gli accordi irregolari ONG, vince poesie, discorsi e fiori? Il nuovo ministro, Aldo Rebelo - chiamato da Dilma Rabelo - dice di voler fare una "gestione simile” come quella de camerata appena destituito? Pelé e Ricardo Teixeira [dirigente sportivo brasiliano] saranno ambasciatori? Foto mostrano Silva e Sarney fianco a fianco, sorridendo e applaudendo. C'è corruzione nella politica di tutti i paesi. Ma tutto questo cinismo è troppo.

È molta mancanza di IDH per i miei gusti.

[Dalla rivista Epoca]
Copyright © 2011 - Editora Globo S/A
Continue reading

domenica 13 novembre 2011


O famoso grupo de hackers, conhecido como Anonymous, lançou na internet uma denuncia contra a Globo e o Criança Esperança.

A primeira parte da crítica feita pelo grupo se refere ao valor das doações que aumentaram muito nos últimos anos, algo que varia de 33% a 50%. Esse aumento seria absurdo, afinal a Globo sempre critica quando qualquer imposto ou tarifa pública recebe um acréscimo maior que a inflação, mas quando é a vez dela aumentar os valores, acaba extrapolando e muito à taxa que poderia ser considerada como alta normal. Assim sendo, a emissora carioca devia dar exemplo e não fazer pior do que o governo.

Contudo a crítica mais grave feita pelo grupo se refere ao dinheiro arrecadado pela emissora com a campanha do Criança Esperança. Segundo eles, todo ano a Globo pegaria um recibo do dinheiro doado pelo povo junto a Unesco para usar na dedução do seu imposto de renda, como se a emissora que tivesse doado o dinheiro, dessa maneira ela consegue um abatimento enorme.

Claro que essa manobra é totalmente errada, pois como todo mundo sabe a Globo não desembolsa um centavo para dar a campanha, apenas arrecada dinheiros dos seus telespectadores e passa para a Unesco.

Para piorar, se alguma pessoa que doou dinheiro para ao Criança Esperança ela não pode abater do seu imposto de renda, pois o dinheiro foi dado para uma marca e não para uma entidade beneficente diretamente. Dessa maneira é no mínimo antiético caso a Globo realmente se utilize do dinheiro dos espectadores para pagar suas contas.


Continue reading

giovedì 10 novembre 2011


La presidente Dilma Rousseff svelato martedì 8 novembre, durante una cerimonia al Palazzo Presidenziale, il programma "Melhor em casa", il quale fornisce assistenza domiciliare ai pazienti che non hanno bisogno di rimanere in ospedale.

Già questo mi fa sorridere, perché mi piacerebbe sapere con quale criterio decidono chi deve rimanere e chi no. Dico questo perché, tanto per fare un esempio, l’anno scorso una parente di mia moglie, malata di Parkinson, è stata mandata a casa dalla SUS quando è entrata in coma, dato che loro “non potevano più far niente”. Sarà che chi entra in coma o ha una malattia grave non ha bisogno di medici o ospedali? Vai a saber!

L’intenzione del governo è quello di ridurre la domanda di assistenza negli ospedali. Questo programma sarà formata da medici, fisioterapisti, tecnici di cura e infermieri, 1.000 squadre di assistenza domiciliare si formeranno entro il 2014 - la previsione è per un investimento di $ 1 miliardo di reais.

Questa [il SUS] è una scuola di medicina e negli ultimi anni abbiamo imparato, durante la vita quotidiana, che alcune delle procedure che sono tradizionalmente svolte negli ospedali potrebbe essere eseguita a casa con i migliori risultati (!) ", ha detto il ministro della Salute Alexandre Padilha. L'iniziativa potrebbe portare, ad esempio, la riduzione delle infezioni ospedaliere, (perché ho molto più facile prendere un’infezione in un ospedale che in casa) ha detto il ministro. Ha anche aggiunto che il ministero sarà responsabile di tutti i costi del programma.

Ora, a me viene da ridere. Già il nome è tutto un programma: Melhor em casa… que…in ospedale? Considerando gli ospedali pubblici che esistono direi proprio di sì. Per fortuna già il Ministro della Salute è stato sincero, asserendo che alcune procedure sarebbe migliori fatte in casa che negli ospedali. Ma prima che qualcuno mi accusi di criticare ingiustamente il Brasile (che per la precisione è una cosa che non ho mai fatto, al limite critico alcuni personaggi che vivono in Brasile, aldilà della loro nazionalità), andiamo a vedere cosa dice Reinaldo Azevedo, giornalista e autore di un omonimo blog:

A presidente Dilma Rousseff deve anunciar hoje o programa “Melhor em Casa”, do SUS, que prevê atendimento doméstico para que não pode se deslocar até uma unidade hospital. Huuumm… Já expliquei ontem em que contexto isso se dá. Há uma corrente na Internet, que preocupa o PT, indagando a qualidade do SUS na esteira da doença de Lula. Quanto mais pessoas são escaladas para desqualificar os internautas, mais a coisa se fortalece. A coisa ganha ares de tentativa de censura de opinião. Muitos brasileiros aprenderam com o Apedeuta a separar o mundo entre “povo” e “elite” — o líder petista sempre deixou claro que pertencia à primeira categoria.

Mas esse é o fundo político. Há o fundo técnico. “Atendimento médico” se faz com… médicos!!! É conhecida a falta crônica de profissionais no serviço público. Esse é um dos maiores gargalos da área. Não se tem notícia do aporte especial de mão-de-obra para esse novo programa. Imaginem quantos pacientes deixariam de ter atendimento ambulatorial enquanto o médico estivesse a caminho da casa de um doente.

Tudo indica que um “programa com grife” será pendurado no SUS para tentar mitigar o noticiário negativo sobre as suas gritantes carências, que estão no noticiário todos os dias. Dilma, tudo indica, não fará inveja a seu antecessor nas realizações efetivas na Saúde; talvez rivalize com ele na propaganda. Lula havia prometido construir 500 UPAs. Entrou 91. Dilma prometeu mais 500 até 2014 — 125 só neste ano. Até setembro, tinha construído… uma!!!

A principal doença da Saúde é a parolagem oficioal para os sem-Sírio-Libanês.

Por Reinaldo Azevedo

Ora una domanda è d’obbligo: ma non sarebbe stato meglio migliorare la tanto decantata (da Lula e compagni) sanità pubblica invece di creare nuovi programmi senza senso?
Continue reading

mercoledì 9 novembre 2011


Grazie a un bellissimo blog di un brasiliano che risponde al nome di Paulo Roberto de Almeida, ho avuto modo di conoscere un fantastico libello di un certo Carlo Maria Cipolla. Chi era costui, direte voi. Be’, questo incredibile personaggio, morto purtroppo undici anni fa, è stato un grandissimo storico italiano, specializzato in storia dell’economia. Ha studiato nell’Università di Pavia (città dove lui è nato) ma anche alla Sorbonne di Parigi e alla London School of Economy. Dopo la laurea insegnerà nelle maggiori Università italiane ma anche negli Stati Uniti all'Università di Berkeley in California. Ha scritto numerosi libri, fu membro di molte prestigiose accademie e, nel 1995, ricevette il Premio Balzan per la storia economica con questa motivazione: "Carlo Maria Cipolla è considerato dai suoi contemporanei come il caposcuola di storia economica che più ha saputo infondere in tale disciplina uno spirito innovatore. In poche parole era uno che il cervello lo sapeva usare.

Bene, questo gran cervellone formulò la (poi) famosa Teoria della Stupidità. Essa vede gli stupidi come un gruppo di gran lunga più potente delle maggiori organizzazioni come le mafie o le lobby industriali, non organizzato e senza ordinamento, vertici o statuto, ma che tuttavia riesce ad operare con incredibile coordinazione ed efficacia. E’ una teoria molto interessante, specialmente in questo mondo virtual-cibernetico, dove la gente sembra che faccia a gare a scrivere le cose più astruse (e io sono fra questi). Ma andiamo a vedere cosa dice questa teoria:

Le leggi fondamentali della stupidità umana

La Prima Legge Fondamentale della stupidità umana asserisce senza ambiguità di sorta che:


Sempre ed inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero di individui stupidi in circolazione


Per quanto alta sia la stima quantitativa che uno faccia della stupidità umana, si resta ripetutamente e ricorrentemente stupiti dal fatto che:
a) persone che uno ha giudicato in passato razionali ed intelligenti si rivelano poi all'improvviso inequivocabilmente e irrimediabilmente stupide;
b) giorno dopo giorno, con un'incessante monotonia, si è intralciati e ostacolati nella propria attività da individui pervicacemente stupidi, che compaiono improvvisamente ed inaspettatamente nei luoghi e nei momenti meno opportuni.

La Seconda Legge Fondamentale che dice che:
La probabilità che una certa persona sia stupida è indipendente da qualsiasi altra caratteristica della stessa persona.

Il fatto straordinario circa la frequenza della stupidità è che la Natura riesca a fare in modo che tale frequenza sia sempre e dovunque uguale alla probabilità a indipendentemente dalla dimensione del gruppo, tanto che si ritrova la stessa percentuale di persone stupide sia che si prendano in considerazione gruppi molto ampi o gruppi molto ristretti.

La Terza Legge Fondamentale chiarisce esplicitamente che:
Una persona stupida è una persona che causa un danno ad un'altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé od addirittura subendo una perdita.

La Terza Legge Fondamentale presuppone, sebbene non lo enunci esplicitamente, che gli esseri umani rientrino in una di quattro categorie fondamentali: gli sprovveduti, gli intelligenti, i banditi e gli stupidi. Tutti noi ricordiamo casi in cui si ebbe sfortunatamente a che fare con un individuo che si procurò un guadagno causando a noi una perdita: eravamo incocciati in un bandito. Possiamo ricordare anche casi in cui un individuo realizzò un'azione il cui risultato fu una perdita per lui ed un guadagno per noi: avevamo avuto a che fare con uno sprovveduto. Possiamo ricordare anche casi in cui un individuo realizzò un'azione dalla quale entrambe le parli trassero vantaggio: si trattava di una persona intelligente. Tali casi accadono di continuo. Ma riflettendoci bene bisogna ammettere che questi non rappresentano la totalità degli eventi che caratterizzano la nostra vita di tutti i giorni. La nostra vita è anche punteggiata da vicende in cui noi si incorre in perdite di denaro, tempo, energia, appetito, tranquillità e buonumore a causa delle improbabili azioni di qualche assurda creatura che capita nei momenti più impensabili e sconvenienti a provocarci danni, frustrazioni e difficoltà, senza aver assolutamente nulla da guadagnare da quello che compie. Nessuno sa, capisce o può spiegare perché quella assurda creatura fa quello che fa. Infatti non c'è spiegazione - o meglio – c'è una sola spiegazione: la persona in questione è stupida.

La Quarta Legge Fondamentale che afferma che:
Le persone non stupide sottovalutano sempre il potenziale nocivo delle persone stupide. In particolare i non stupidi dimenticano costantemente che in qualsiasi momento e luogo, ed in qualunque circostanza, trattare e/o associarsi con individui stupidi si dimostra infallibilmente un costosissimo errore.

Nei secoli dei secoli, nella vita pubblica e privata, innumerevoli persone non hanno tenuto conto del la Quarta Legge Fondamentale e ciò ha causato incalcolabili perdite all'umanità.

La Quinta Legge Fondamentale afferma che:
La persona stupida è il tipo di persona più pericoloso che esista.

Il corollario della legge è che:
Lo stupido è più pericoloso del bandito.
Dopo l'azione di un perfetto bandito, questi avrà un «più» sul suo conto, «più» che equivarrà esattamente al «meno» che egli ha causato ad un'altra persona. Per la società nel suo insieme la situazione non è migliorata né peggiorata. Se tutti i membri di una società fossero dei banditi perfetti, la società rimarrebbe in condizioni stagnanti, ma non ci sarebbero grandi disastri. Tutto si limiterebbe a massicci trasferimenti di ricchezza e benessere in favore di quelli che compiono l'azione. Se tutti i membri della società dovessero compiere l'azione a turni regolari, non solo l'intera società, ma anche i singoli individui, si troverebbero in uno stato di perfetta stabilità. Ma quando gli stupidi si mettono all'opera, la musica cambia completamente. Le persone stupide causano perdite ad altre persone senza realizzare dei vantaggi per se stessi. Ne consegue che la società intera si impoverisce.

Mi piacerebbe approfondire meglio questo argomento. Di sicuro la materia prima non manca.
Continue reading

giovedì 3 novembre 2011


Ecco una guida semi-seria (ma neanche poi tanto) per essere felici in Brasile (ma può valere anche per altri Paesi extraeuropei). Quindi, per venire in Brasile e vivere felici dovete:

1. amare il caldo
Può sembrare una cosa ovvia questa ma è meglio tenerla presente. Quindi se per voi le giornate autunnali sono romantiche, se amate la differenziazione fra le stagioni, se non vedete l’ora che arrivi Natale per fare la settimana bianca a Cortina, allora è meglio che cercate un altro posto per vivere. Se invece amate il caldo, se per voi 35° è la temperatura ideale e volete il sole tutto l’anno (o quasi) allora il Brasile è il Paese giusto per voi;

2. avere poche pretese
Cosa vuole dire questo? Vuol dire che qui in Brasile, se ne avete le possibilità e le capacità, potete fare una vita degna di un nababbo. Ma io ho notato che di solito, le persone più felici sono quelle che hanno poche pretese, nel senso che non danno molta importanza ai soldi o alla vita mondana, e nemmeno ai problemi quotidiani. Li riconoscete subito perché hanno l’abitudine di dire: “Ma sì… in Brasile ci sono tanti problemi… ma qui c’è il sole tutto l’anno… c’è il mare… c’è il pesce buono… ecc. ecc. “ (NdA: come se queste cose non ci fossero anche in Italia!);

3. dare poca importanza alla cucina italiana
Questo è un dato di fatto. Come tutti gli italiani che hanno perlomeno fatto un viaggio all’estero, scordati la buona cucina italiana. O perlomeno la cucina come siamo abituati a mangiare in Italia. E’ vero che qui trovate molti prodotti italiani, quindi chi mastica un po’ di cucina avrà modo di arrangiarsi, ma ci sono alcuni prodotti che, se in Italia li trovate nel negozietto sotto casa, qui sono praticamente introvabili. Quindi, se amate il risotto al tartufo, se pensate che senza la mozzarella di bufala campana DOP non sapete vivere, se siete certi che senza l’olio extra vergine d’oliva della Riviera Ligure la vita non ha senso o che senza l’aglio di Voghiera i vostri piatti non avranno sapore, allora è meglio che rimanete in Italia;

4. ritenere che l’Italia sia allo sfascio e che sia uno dei peggior Paesi del mondo
Questo sembra che sia un requisito fondamentale pe vivere felici in Brasile (o in qualunque altro Paese al di fuori dell’Italia). Leggendo i vari blog, forum, siti, e chi più ne ha più ne metta, pensare che l’Italia riesca in qualche modo a uscire da questa crisi o addirittura credere che, in fondo in fondo, l’Italia non fa poi così schifo come sembra, vuol dire crearsi innumerevoli nemici virtuali e essere messi al bando da una certa comunità di italo-meio-doidos-filobrasiliani. Quindi se volete avere una vita sociale degna di Paris Hilton e essere ammessi nei vari Club “Italia allo Sfascio” evitate di dire in pubblico che l’Italia ha qualche possibilità. Il vostro motto dovrà essere “Sono italiano… ma mi vergogno”;

5. accontentarsi di poco
Questo si rifà un poco al punto 2. Accontentarsi di poco vuol dire che sì, le cose possono anche andare bene qui, forse anche meglio di quando stavate in Italia, ma di solito chi viene qui ama una vita semplice e tranquilla. Non per niente il sogno di molti, quando tornano a casa stressati dopo una lunga giornata di lavoro nel rigido inverno di dicembre, è quello di andare a vendere banane in una spiaggia tropicale. Nessuno sogna di fare il manager a Detroit o di lavorare alla Daimler di Stoccarda (anche se a questi livelli chiunque accetterebbe a occhi chiusi), Quindi venite in Brasile…

6. se amate la vita semplice
Io penso che il profilo ideale del felice abitante brasiliano sia quello di una persona semplice, che ami una vita tranquilla a contatto con la natura, che non abbia troppe pretese in fatto di vita quotidiana, che non si senta un emarginato senza l’ultima creazione di Armani, che non se la prenda se vede alcune cose fuori posto o diverse da come erano in Italia. Se venite qui dovete amare di passeggiare sulla spiaggia alla sera col vostro cane (stando però sempre molto attenti ai numerosi assalti che avvengono quotidianamente) o di bere una cerveja gelata insieme a uno espetinho di carne. Ma soprattutto, NON venite in Brasile…

7. se non siete dei fanatici dell’efficienza e della organizzazione
E’ inutile negarlo. I brasiliani sono un popolo meraviglioso, ma efficienza e organizzazione sono due parole che non fanno parte del loro vocabolario. Vi potrei citare numerosi esempi di persone che, pur essendo adorabili e grandissimi lavoratori, in fatto di organizzazione sul lavoro sono pari a zero. Forse perché c’è questa calma apparente che regna su tutto il Paese, forse perché c’è questa tipica mania di dire “tanto faz” e di non dare molta importanza ai particolari, ma vi assicuro che, se siete una persona organizzata e pignola, qui rischierete di avere il fegato ingrossato in poco tempo. Però, venite in Brasile…

8. se amate il cocco e il latte condensato
perché qui lo mettono da tutte le parti. Non è una critica alla comida brasiliana, che tra le altre cose io la trovo ottima. Sicuramente anche noi italiani avremo le nostre manie alimentari. Ma è pur vero che qui non esiste dolce senza l’aggiunta, più o meno abbondante, di questi due ingredienti, il che rende i golosi come me un poco in difficoltà. Un consiglio spassionato: prima di venire in Brasile imparate a cucinare. Avrete molti meno problemi in seguito.

9. non volete cambiare le cose
Cosa voglio dire con questo? Significa che in ogni caso sarete degli stranieri in terra straniera. E vero che i brasiliani sanno accogliervi a braccia aperte e sono piuttosto disponibili nell’accettare nuove culture, ma non dimenticatevi mai che non sarete più in Italia. Qui ci sono abitudini diverse, leggi diverse, cibi diversi, colori diversi. Anche il cielo e l’aria qui è diverso che in Italia, quindi sarete voi che dovrete abituarvi al Brasile, non il contrario. Se decidete di cambiare Paese dimenticate il vostro Paese d’origine, nel senso che non potrete dire o pensare “Ma in Italia si fa così”. Qui non è l’Italia, quindi abituavi fin dall’inizio ad accettare tutto quello che vi viene fornito dal Brasile, sia le cose buone che quelle cattive. Se volete vivere alla moda italiana rimanete in Italia. Questo è un ottimo consiglio per non soffrire quotidianamente la nuova vita che inizierete qui. Perché, se venite in Brasile, iniziate a…

10. pensare a una nuova vita
Cogliete l’occasione che “mollate tutto” a approfittate per iniziare una nuova vita. E’ chiaro che, se siete maestri pasticceri o dei meccanici provetti, e vi piace il vostro lavoro, qui avrete buone occasioni per continuare a farlo, forse anche con maggiori prospettive. Ma se fate un lavoro comune, se quando eravate in Italia il vostro perenne pensiero era “io non sono fatto per questa vita”, se avete una passione per qualcosa o pensate di riuscire in quella determinata attività, allora mettete in pratica i vostri sogni e provate a fare quello che avete sempre voluto. E’ rischioso, certo, ma un’altra occasione così non vi capiterà facilmente. Quindi abbiate coraggio e seguite i vostri sogni, cercando però di rimanere con almeno un piede piantato per terra, perché è vero che i sogni sono importanti, ma senza qualcosa di sicuro la vostra vita può diventare un vero inferno, e senza la pancia piena i vostri sogni possono diventare degli autentici pesadelos. Però vale la pena provare.


Continue reading

mercoledì 2 novembre 2011


È stato divulgato proprio oggi l’ultimo Rapporto dello Sviluppo Umano dell’ONU. L'Indice di sviluppo umano (in inglese: HDI-Human Development Index) è un indicatore di sviluppo macroeconomico ed è stato utilizzato, accanto al PIL (Prodotto Interno Lordo), dall'Organizzazione delle Nazioni Unite a partire dal 1993 per valutare la qualità della vita nei paesi membri.

Analizzando tre fattori come:
  • Una vita lunga e sana: misurata dall'Aspettativa di vita alla nascita
  • L'accesso alla conoscenza: misurata dagli Anni medi di istruzione e dagli Anni previsti di istruzione
  • Uno standard di vita dignitoso: misurato dal Reddito nazionale lordo (GNI) pro capite (in termini di parità di potere d'acquisto in dollari USA)
gli economisti dell’Onu riescono a dare un valore a ogni Paese.

Bene, secondo questi ultimi studi il Brasile occupa l’84º posto in una classifica di 187 Paesi. È molto? È poco? È un buon valore? Non lo so, non sono un economista. Quello che posso dire è che, leggendo questa classifica, Paesi come la Macedonia (!), la Bosnia Erzegovina e Kazakistan hanno un punteggio migliore. Però ha guadagnato una posizione confronto il 2010 (era al 85º).

brasile
E l’Italia come si presenta in questa classifica? L’Italia occupa la 24ª posizione, davanti alla Gran Bretagna e Emirati Arabi.

italia
Ora, io non voglio fare confronti. Sappiamo benissimo i problemi reali che hanno i nostri due Paesi, però, a guardare questi numeri, qualcuno mi dovrebbe spiegare per quale motivo il Brasile si sente così grande e importante, mentre, secondi alcuni, l’Italia dovrebbe paragonarsi a Paesi ben più poveri e con livello di vita più basso. Per fortuna ho questo eterno ottimismo e grande amore per il mio Paese. Pur in tempo di crisi, penso che sia giusto credere che l’Italia ce la possa fare. E nello stesso tempo mi auguro di cuore che il Brasile migliori sempre di più. Peccato che, con i politici che hanno adesso, il popolo brasiliano rischia sempre di avere un’immagine non sempre delle migliori. Meriterebbe molto di più, ma d’altronde anche noi con Berlusconi al comando per così tanto tempo… cosa possiamo dire?
Continue reading

martedì 1 novembre 2011


Bia e Branca Feres, più famose per la bellezza che per i loro successi

Sincro: le gemelle brasiliane scelgono un seno più grande. Addio Olimpiadi

Le protesi possono essere un ostacolo all'attività agonistica. Ma per loro si apre una carriera in tv

MILANO - Bia e Branca Feres sono andate sul sicuro: le due bionde atlete brasiliane sono belle, non c’è che dire, ma a quanto sembra poco soddisfatte col loro corpo. Le campionesse del sincro hanno perciò deciso di modellarlo con un piccolo intervento al seno, per renderlo più grande e provocante, aumentando di conseguenza il loro sex appeal. Una scelta che costerà loro le Olimpiadi.

DALLA VASCA ALLO SCHERMO - I Giochi olimpici di Londra 2012 si svolgeranno senza le due splendide sincronette. Le gemelle monozigoti, praticamente identiche, hanno annuciato ora l’addio definitivo all’agonismo. In passato avevano stregato il mondo dello sport, da Pechino 2008 ai Mondiali di Roma 2009, non tanto per i risultati quanto per il loro aspetto e gli scatti cliccatissimi sul web. Le bellezze non hanno infatti mai disdegnato le pose senza veli e le apparizioni in tv, in Brasile sono considerate icone sexy. Le ventitreenni, che in patria hanno conquistato diversi titoli (sportivi) e rappresentato con successo il Brasile ai Giochi Panamericani, dicono basta allo sport. Il motivo: si aumenteranno il seno. E le protesi possono rivelarsi un ostacolo nel nuoto sincronizzato. Per loro stessa ammissione. Bia e Branca spiegano che le loro chance in vasca sarebbero ridotte. Ma per una porta che si chiude, si apre un portone. E non poteva che essere quello degli studi tv.

Elmar Burchia 

31 ottobre 2011 14:27

Copyright 2011 © RCS Quotidiani Spa.

Solo una domanda: una cosa del genere poteva succedere in un altro Paese? Io penso di no. Auguri per la nuova carriera delle due ex-atlete.
Continue reading