Adbox

mercoledì 31 agosto 2011


Io penso che quando esco da qualche supermercato la gente mi guardi in modo strano, osservando il fumo che mi esce dall’orecchie e il colorito del viso tendente al paonazzo. Perché, direte voi…

Tutte le volte che vado a un qualunque supermercato, piccolo o grosso che sia, quando arrivo alla cassa è sempre una sofferenza per me. Forse perché sono italiano, forse perché sono del nord e abituato a dei ritmi diversi, ma vi giuro che quando sono alla fila della cassa ho sempre voglia di lasciare tutto quello che ho comprato e uscire di corsa. Ma non avete ancora capito di cosa sto parlando, vero?

Il problema che qui in Brasile le cassiere e le persone che sono in coda sono di una calma tale da dare sui nervi.

Quando io ero in Italia e arrivavo alla cassa cercavo sempre di fare tutto in fretta in modo di non ostacolare le altre persone che erano in fila. Quindi mettevo tutti gli articoli sul banco e lasciavo uno spazio per i prodotti degli altri clienti. Poi, mentre la cassiera passava gli articoli allo scanner io collocavo già quello che compravo nel sacchetto di plastica. Mentre la cassiera faceva lo scontrino io finivo di collocare gli articoli nelle borse e, se non finivo in tempo, mi collocavo all’estrema destra in modo da non ostacolare il prossimo cliente. Inoltre anche la cassiera era la prima ad andare veloce, proprio perché non era giusto far aspettare troppo tempo gli altri clienti. Il suo compito era solo di fare lo scontrino, cioè di passare gli articoli allo scanner, prendere i soldi e dare il resto. Se qualcuno, per qualche motivo, faceva perdere troppo tempo, era lei la prima a dire al cliente di fare in fretta, in modo gentile ovviamente. E vi posso dire che ho lavorato quasi 15 anni in diversi centri commerciali e negozi, quindi so quello che dico.

Qui in Brasile, o perlomeno nel “mio” Brasile, le cose come sempre sono un po’ diverse.

La persona che é davanti a me, con una calma impressionante, colloca i vari articoli comprati sul banco, parlando nello stesso tempo con la cassiera del più e del meno. Molte volte si fermano per poter accentuare qualcosa di particolare che hanno da dire. E io dietro ad aspettare il mio turno.

Quando finalmente sono finiti gli articoli, la cassiera insacca i prodotti nei sacchetti, continuando sempre a parlare con la cliente in questione. Questa simpatica cliente, quasi sempre una donna, pur avendo finito gli articoli continua a rimanere davanti alla cassa, o meglio, davanti alla parte del banco dove si colloca la merce, impedendo così a me e agli altri clienti di poter posare i propri prodotti e di così accelerare i tempi.

Alla fine, dopo un interminabile tempo, dopo aver salutato la cassiera, la signora dietro di me e parte del personale, la cliente si avvia all’uscita, sempre con la calma che la contraddistingue. E la cassiera, con uno splendido sorriso sulle labbra, mi osserva un attimo e mi chiede: “Boã tarde, CPF na nota?”. E cosa dire a quel punto? “Sim, obrigado. 746…”

P.S. per la serie “NON SI PUÓ PARLARE SEMPRE DI COSE SERIE”
Continue reading


Per chi sta cercando lavoro in Brasile o per chi vuole solo avere un’idea del mercato di lavoro brasiliano, ecco che lo Stato di Sao Paulo divulga una mappa con più di 29.000 offerte di lavoro divise per regione.

Buona fortuna!

O estado de São Paulo tem o total de 29.145 vagas de emprego abertas nesta semana.

O Emprega São Paulo, sistema de intermediação de mão de obra do governo de São Paulo, tinha cadastradas, até terça-feira (30), 25.889 vagas em todo o estado, número que é atualizado diariamente.

Mapa de emprego no estado de SP (30/08/11) (Foto: Arte/G1)

As oportunidades são distribuídas pelas 15 regiões administrativas. Clique no nome das áreas para ver as vagas correspondentes: Araçatuba, Baixada Santista, Barretos, Bauru, Campinas, Central, Franca, Grande São Paulo, Marília, Presidente Prudente, Ribeirão Preto, São José do Rio Preto, São José dos Campos, Sorocaba e Registro (Vale do Ribeira).

De acordo com a Secretaria do Emprego e Relações do Trabalho do estado de São Paulo, das cerca de mil vagas que entram no sistema do Emprega São Paulo diariamente, cerca de 800 são preenchidas no mesmo dia.

A Secretaria Estadual do Emprego e Relações do Trabalho de São Paulo alerta que o cruzamento das vagas e dos currículos ocorre instantaneamente o dia todo. Portanto, haverá situação em que pode haver uma vaga disponível em determinado horário e logo no minuto seguinte ela já pode ter sido preenchida, o mesmo podendo ocorrer com os currículos – em um momento o candidato pode estar cadastrado e no minuto seguinte ele ser indicado para entrevistas.

Cidade de São Paulo
Já o Centro de Solidariedade ao Trabalhador (CST), centro de intermediação de mão de obra na cidade de São Paulo, oferecia até terça-feira (30) 3.157 vagas para a Grande São Paulo, além de 99 para deficientes.

Um subtotal de 3.021 se destina a candidatos que tenham fácil acesso ou residam perto do local de trabalho, uma preferência dos empregadores - clique aqui para ver os postos por região, os cargos com maior número de oportunidades entre as áreas operacional, administrativa e técnica, os requisitos exigidos e os salários mínimos e máximos em cada função.

Mapa de emprego no estado de SP (30/08/11) (Foto: Arte/G1)

Existem ainda 146 chances para candidatos da Grande São Paulo (Guarulhos, Osasco e cidades do ABC).

Não há um prazo para inscrição. A seleção é feita até o preenchimento das vagas. Por isso, é recomendado que os candidatos compareçam às unidades do CST o quanto antes.

De acordo com o Centro de Solidariedade ao Trabalhador, as vagas da área administrativa são preenchidas mais rapidamente que as demais devido à grande procura.

Zona Sul
A
Zona Sul oferece 610 vagas, sendo que os cargos com maior número de vagas são auxiliar de limpeza (98), operador de telemarketing (47), vendedor (50).

Além das vagas no mapa acima, há ainda 15 para cozinheiro (entre R$ 580 e R$ 1.200), 14 para atendente de lanchonete (entre R$ 565 e R$ 812), 1 para auxiliar de contas a pagar (R$ 850), 1 para estagiário em ciências contábeis (à combinar), 1 para técnico orçamentista na construção civil (R$ 1.800) e 1 para pintor a Revolver ( R$ 1.044).

Zona Oeste
A
Zona Oeste oferece 655 vagas. Os cargos com maior número de vagas são operador de supermercados (190), operador de caixa (27) e auxiliar de cozinha (24).

Há ainda 12 para faxineiro (média de R$ 598), 30 para operador de telemarketing (R$ 800), 7 para pedreiro (R$ 1200) e 4 para marceneiro ( entre R$ 1100 e R$ 2 mil).

Centro
No
Centro são 998 postos, sendo que os cargos com maior número de vagas são auxiliar de cobrança (81), operador de telemarketing (65) e auxiliar de limpeza (43).

Há ainda 31 para vendedor (entre R$ 700 e R$ 780), 5 para operador de vendas (R$800), 5 para auxiliar de estoque ( à combinar), 6 para analista de cobrança ( R$ 920), 1 para auxiliar de nutrição e dietética (R$ 820) e 5 para costureira (R$ 817).

Clique para ver a lista completa de vagas na região

Zona Leste
Na
Zona Leste são 566 vagas. Os cargos com maior número de vagas são de operador de telemarketing (73), auxiliar de linha de produção (55) e serralheiro (12). 

Há ainda 37 para vendedor (entre R$ 575 e R$ 1 mil), 10 para operador de supermercados (R$ 772), 1 para técnico em edificações (R$ 870) e 7 para soldador (R$ 1 mil).

Zona Norte
A
Zona Norte conta com 192 vagas, sendo que os cargos com maior número de vagas são de operador de telemarketing (20), porteiro (19) e serralheiro (12).
Há ainda 3 para auxiliar de cozinha (R$ 725), 10 para operador de caixa (R$ 644), 10 para montador de elevadores (R$ 735) e 4 para auxiliar de manutenção predial (entre R$ 770 e R$ 1 mil).

Como se candidatar
No caso do Emprega São Paulo, o candidato pode comparecer a um dos Postos de Atendimento ao Trabalhador (PATs) -
clique aqui para ver os endereços, onde será atendido por um funcionário. O interessado pode ainda fazer o cadastro pela internet, no site www.empregasaopaulo.sp.gov.br.

Os interessados nas vagas do Centro de Solidariedade ao Trabalhador devem comparecer aos endereços abaixo com carteira profissional, RG, CPF, certificado de escolaridade e currículo.

Centro de Solidariedade ao Trabalhador de São Paulo
Região central
Rua Galvão Bueno, 782 - Liberdade
Zona Sul
Rua Barão do Rio Branco, 864 - Santo Amaro
Estrada de Itapecerica, 3.770
Zona Norte
Avenida Cabo Adão Pereira, 384 - Pirituba
O horário de atendimento é das 7h às 16h, de segunda a sexta-feira

fonte: Globo.com
Continue reading

martedì 30 agosto 2011


Oggi parliamo di cucina brasiliana. Avevo già trattato questo argomento in post sui dolci brasiliani, che a mio parere sono troppo dolciastri (e penso che chiunque abbia perlomeno sperimentato la pasticceria italiana non possa che darmi ragione). Questa volta invece voglio parlare di un tipo di comida tra le più famose e, a mio parere, gustose del Brasile: la comida mineira.

La comida mineira non è nient’altro che la cucina caratteristica di Minas Gerais, Stato dell’interno del Brasile. E’ una cucina con molti piatti diversi e che, in qualche modo, assomiglia alla cucina italiana, dato che fa uso di ingredienti semplici e naturali. Dicono che Minas Gerais sta alla gastronomia del Brasile come la Francia sta alla gastronomia internazionale. Penso che non esista città in Brasile dove non ci sia almeno un ristorante mineiro.

Come abbiamo detto la comida mineira è molto varia, ma ci sono due piatti che non mancano mai in una casa di Minas: l’angu mineiro, una specie di polenta cremosa fatta con farina di mais molto fina (fubà) e i feijão tropeiro, che prendono il nome dal fatto che venivano cucinati durante il periodo coloniale per gli uomini che guidavano le mandrie tra una regione e l’altra (appunto, i tropeiros). Sono fagioli cucinati possibilmente in pentole di coccio o di ferro addizionando farina di manioca, cipolla, aglio, linguiça (salsiccia) e altri ingredienti.

Un altro ingrediente molto comune nella comida mineira è la carne di maiale, cucinata in tutte le maniere possibili. Dicono che a Minas Gerais si coltiva il mais perché viene mangiato dai maiali, in modo che dopo si possa mangiare la carne di maiale.

Ma quali sono i piatti di questa comida così famosa?

Oltre al angu e ai feijão tropeiro già citati, possiamo citare il tutu à mineira, una preparazione a base di fagioli e salsiccia, passata poi mixer e cucinata di nuovo, arroz de forno, una specie di pasta al forno ma fatta col riso, frango à mineira (pollo con patate e peperoni), frango caipira (pollo rustico cucinato con cipolle, aglio e prezzemolo), frango ensopado (pollo con cipolla e pomodori, cucinato con abbastanza acqua in modo da formare una salsa piuttosto liquida, ideale come accompagnamento a riso in bianco o polenta), pernil assado (carne di maiale in forno), almondegas (polpette di carne), costella assada (costoletta di maiale al forno), bacalhau à mineira (baccalà al forno con patate), batata recheada (patata ripiena di carne), Pão de Queijo (dei panini fatti con farina e formaggio), salada de batatas com maionese (insalata di patate), senza dimenticare il famoso quejo de minas, un formaggio simile alla nostra ricotta) e alcuni dolci come il doce de leite, simile al creme caramel, arroz doce (riso dolce cotto nel latte), Romeu & Julieta (formaggio di Minas insieme a un dolce tipo marmellata), bolo de fubà (torta fatta con farina di mais), sonhos (simili ai “nostri” krapfen) e il rocambole, un dolce arrotolato farcito con una crema di latte condensato.

Non dobbiamo inoltre dimenticarci della famosa cachaça, liquore prodotto dalla canna da zucchero, dove quella di Minas è da sempre ritenuta la migliore in assoluto (è di poco tempo fa la notizia che la melhor cachaça do mundo è la Anísio Santiago/Havana, originaria di Minas Gerais ed è da notare che le prime quattro migliori cachaças sono proprio di Minas).

Bene, come piccolo omaggio a questa grade comida, penso che possa bastare. Non resta altro che augurarvi… Bom apetite!
Continue reading

venerdì 19 agosto 2011


C’è qualcosa che non capisco.

Secondo un recente ricerca, il Brasile è con il maggior numero di depressi tra i Paesi moderni. Precisamente il 18,4% dei brasiliani intervistati accusava una depressione da almeno un anno, il che pone in Brasile come leader nei Paesi in sviluppo (sinceramente con capisco come sia possibile che il Brasile e la Cina facciano parte dei Paesi in via di sviluppo mentre, per esempio, la Nuova Zelanda no). L’Italia, grazie a Dio, si pone a un livello molto basso, il 9,9%, che rimane anche tra i più bassi in Europa.

Come se non bastasse, secondo un’altra ricerca (d’altronde anche i ricercatori devono lavorare) risulta che i brasiliani siano tra i più stressati del pianeta! il 30% della popolazione brasiliana soffre da quello che viene definito come "burn out", cioè il livello più intenso di stress. Per carità, in questo caso i giapponesi battono tutti, con una percentuale del 70% (mentre nelle Isole Fiji è solo del 2%, chissà perché?), ma in ogni caso è una percentuale altissima. L’Italia in questo campo non scherza, dato che col 27% dei lavorati stressati, detiene il primo posto in Europa in questa triste classifica.

Ma io questi dati non li capisco. Ma come, i brasiliani, popolo felice, allegro, che vive in un vero Paradiso Terrestre, nel Pese del Samba e del Carnevale, sono tra le persone più stressate e depresse? Quando un italiano, o un qualunque europeo, pensa al Brasile, viene solo in mente il mare, le spiagge, le belle ragazze e le noci di cocco. Niente fa sospettare o immaginare a stress o depressione. Eppure la realtà è molto diversa. A quanto sembra, i brasiliani non sono così felici e relaxados come pensiamo. E questo fa pensare che i luoghi comuni, sia da una parte o dall’altra, sempre sono da evitare e che prima di affermare cose solo per sentito dire, è meglio approfondire meglio l’argomento.
Solo a titolo di cronica, per sfatare quello che potrebbero pensare alcuni lettori di questo blog, io non sono per nulla stressato e depresso, anche se mozzarella e ravioli mi mancano sempre… kkk
Continue reading

sabato 13 agosto 2011


2000-2011 globo.com Todos os direitos reservados

Para exibir uma bandeira ou expor uma placa, também se paga. Até hoje, é paga uma taxa sobre a gasolina, para cobrir os gastos com uma guerra que acabou em 1935. A lista de impostos no país é longa e surpreendente.

Sapete quante tasse si pagano in Brasile? 85. Forse è anche per questo che i brasiliani sono più felici di noi.
Continue reading

venerdì 12 agosto 2011


Non ha niente a che vedere col Brasile, ma una cosa così assurda é da condividere con tutti. Alcuni giornali italiani, come l’Espresso e il Corriere della Sera, hanno pubblicato il menù, completo di prezzi, del Senato e della Camera italiana. Si ha così modo di vedere quanto pagano i politici, ma anche i giornalisti parlamentari, per pranzare o cenare al Palazzo Madama o a Montecitorio. Per fare alcuni esempi, al Senato, un piatto di lamelle di spigola con radicchio e mandorle costa la bella cifra di 3,34 euro, gli spaghetti con alici 1,60 euro, pesce spada alla griglia 3,55, delle melanzane al funghetto come una insalata costano 1,43 euro, mentre per un dolce si deve sborsare 1,74 euro.

menusenato

Alla Camera dei Deputati i prezzi sono un po’ più alti, anche se niente a che vedere con quello che pagheremmo noi andando in un ristorante qualunque. Qui, un piatto di pasta al pesto costa 3,30 euro, un carré di vitello al forno 5,30 euro, un contorno di verdure 1,30 euro e un dolce 2,00 euro.

menucamera

È assurdo come, con quello che i politici guadagnano, paghino così poco per mangiare. Senza dimenticare tutte le altre agevolazioni che dispongono nella vita di tutti i giorni. Dovevo proprio dare retta a mia madre, e fare il prete o il politico. Ma non é mai troppo tardi. Se ci sono riusciti Cicciolina e Tiririca, perché non posso riuscirci io?
Continue reading

giovedì 11 agosto 2011


Certo che i brasiliani a volte sanno essere molto ironici. È una notizia di oggi che, nelle città di Valparaíso e Águas Lindas, nello Stato di Goiás, per protestare contro lo scarso salario e le pessime condizioni di lavoro, la polizia locale ha collocato all’entrata delle città un cartello con scritto: “Cuidado! Você está entrando na região mais violenta do planeta, o Entorno do DF". In effetti, l’Entorno do DF, cioè quella zona dello Stato di Goiás intorno allo Stato di Brasilia, è una zona molto violenta, con un indice di omicidi pari a 75 cada 100 mila abitanti. Per avere un’idea l’indice medio del Brasile é di 24 (per curiosità, l’indice di São Paulo, città riconosciuta ai più come molto violenta, anche se in verità non é così, é di 16 omicidi ogni 100 mila abitanti. Brasilia, capitale del Brasile costruita a tavolino, ha un indice di 77, collocandosi così al 4º posto di questa triste classifica).

Come ho detto, il motivo di questa singolare protesta é dovuto principalmente allo scarso stipendio dei poliziotti di questa regione, che è di 2.711 R$, contro i 7.000 di uno stesso poliziotto di Brasilia. Per dipiù é lo stesso stipendio da sette anni, senza nessun aumento o cambiamento determinante. È chiaro che a queste condizioni chiunque sarebbe disposto a protestare, considerando che il lavoro che fanno è a rischio di vita (e non per modo di dire). Inoltre sono incredibilmente pochi, perché nell’Entorno do DF, che comprende 20 città e un’area grande quasi come il Piemonte e la Lombardia insieme, vi sono in tutto 390 (!) poliziotti, di cui 330 nella zona sud e 60 in quella a nord. È facile capire come, a queste condizioni, la violenza dilaghi. Per fortuna ci sono persone, italiani per la maggior parte, che non credono a questi numeri e pensano ancora che vivere ad Alagoas sia come vivere a Pavia. È grazie a queste persone che, grazie al beneficio del dubbio, qualcuno può dire “ma forse non è così”. Ma a volte avere dei dubbi può essere pericoloso, specialmente qui in Brasile. Ma viva la libertà di pensiero e le idee diverse. Se non fosse per questi motivi non esisterebbe nemmeno questo mio blog. È un bene quindi, non siete d’accordo?
Continue reading