Adbox

martedì 11 maggio 2010

I nuovi poveri siamo noi


Secondo l’OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) l’Italia è tra i Paesi con i salari più bassi. Nei 30 Paesi che fanno parte dell’OCSE l’Italia si colloca al 23° posto! E’ come dire che gli stipendi in Italia sono da fame o quasi.

Il salario annuale netto del lavoratore medio è in Italia di 22.027 dollari, contro i 26.395 della media Ocse, i 28.454 della Ue a 15 e i 25.253 della Ue-19. La classifica riguarda il salario netto annuale medio di un lavoratore single senza carichi di famiglia. E' calcolato in dollari e a parità di potere d'acquisto. (fonte ANSA.it)

Mi piacerebbe sapere quanto è il salario medio in Brasile per fare qualche comparazione, ma una cosa è certa: l’Italia non è più un buon Paese per lavorare. Forse lo era anni fa, negli anni 70 o 80, ma oggi come oggi è meglio tenere l’Italia come un bellissimo posto da visitare, ma non per trovare lavoro. Anche perché, sempre secondo il rapporto Taxing Wages 2009 dell’OCSE nel primo trimestre 2010 il tasso di disoccupazione in Italia è salito all'8,6%, con un aumento dell'1,2% rispetto allo stesso periodo del 2009.

Quindi consiglio a tutti quelli che hanno intenzione di trasferirsi in Italia per cercare lavoro di pensarci bene, molto bene, perché le prospettive di fare una vita migliore non sono così buone come una volta.

Nessun commento:

Posta un commento